Visualizzazione post con etichetta Ca' Foscari. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Ca' Foscari. Mostra tutti i post

mercoledì 16 luglio 2014

Oblio a Venezia. Il REttore della Ca' Foscari, sentendosi Papa, fa difendere l'Università dallo stesso avvocato di Mazzacurati, del Consorzio Venezia Nuova e della commissariata Est Capital.

REttore Carlo Carraro e la 'cappa di ermellino' morto, 
indossata tradizionalmente da regnanti come segno 
del potere.
Virgolettato di Carlo Carraro, REttore uscente della Università Ca' Foscari: « Il nuovo rettore Bugliesi era del resto sul palco con me per la cerimonia, come i due Papi attuali.» Se un REttore sul palco della cerimonia delle lauree a San Marco comincia a percepirsi anche Papa, nel caso di specie Papa Ratzinger, siamo nei guai. Se succede nella Venezia ai tempi degli scandali del Mose, siamo nella aggravante della melma. La dichiarazione sulla difensiva di Carlo Carraro era in risposta alla notizia che lo volevano stordito da un diluvio di fischi a San Marco, lui che aveva invece un fisiologico disperato bisogno di proiettare ripetutamente la sua 'corazzata Potemkin' alla sua ultima apparizione pubblica, rivisitando di fronte alla piazza tutti i suoi successi, un rito che le famiglie fradicie dei laureati si volevano anche risparmiare. Studiano, grondano di titoli come Baroni Banani, per poi non cogliere che sotto alla pioggia ticchettante ad una madre interessa semplicemente solo del proprio figlio e non gradisce che la cerimonia venga appesantita da una regia percepita autocelebrativa. E così è andato in onda invece 'C'era un cinese in coma'.

Quando piove, cosa non fare anche se porti un ermellino morto da secoli sulle spalle.

Ma fossero questi i problemi. Purtroppo Venezia vive il tempo dell'oblio. Ca' Foscari grazie alla legge speciale su Venezia negli ultimi trent'anni ha ingoiato qualcosa come 121 milioni di euro, soldi pubblici su cui chiuderemo un occhio se destinati a produrre cultura. Purtroppo i soldi pubblici prendono tante vie ma quello che crediamo inaccettabile, è che abbiano preso e prenderanno la via anche delle tasche di un avvocato nababbo, Alfredo Biagini, che figura assieme a Scaroni ed al fratello del Rettore Massimo Carraro tra i manager «pubblici» più ricchi del Veneto: reddito da 1,85 milioni di euro, oltre che una Volvo Xc70 e una Porsche 911 Carrera e 2500 azioni nelle Assicurazioni Generali.
Per difendersi in tribunale sulla vicenda della permuta del secolo, tre palazzi storici in svendita, la Ca' Foscari di Carlo Carraro ha scelto di farsi rappresentare e di pagare fior fiore di professionista romano attratto in laguna, Alfredo Biagini, dalla storia alquanto particolare. Avvocato di Mazzacurati, colui che partoriva le tangenti sul Mose, ma anche del Consorzio Venezia Nuova, sotto inchiesta. Non basta. Alfredo Biagini è stato anche il legale della Est Capital del cafoscarino Gianfranco Mossetto, ora commissariata, che da anni opera proprio nel mercato immobiliare. 
Ercole Preziosi, nel film di cui sopra 'C'era un cinese in coma' è uno showman e un impresario di basso profilo. Nonostante si abbatta un terribile temporale egli non rinuncia al suo piglio professionale ed istrionico, ricevendo il dileggio del pubblico al punto di provocargli l'ira davanti a delle personalità politiche locali. E proprio così, ricorderemo Carlo Carraro, protagonista indiscusso della commedia dell'arte veneziana.

venerdì 27 giugno 2014

Tour a Venezia: Goethe 1786, Byron 1816, Hemingway 1948, tangentisti del #MOSE e famiglia Casalesi 2014.

Venezia 1948, Hemingway.
Venezia offre svaghi e divertimenti per tutti i gusti da tempi immemorabili. Per gli esteti più raffinati non c'è niente di meglio, tra un museo e l'altro, di una piacevole pausa in un locale storico e aristocratico come il Quadri di Piazza San Marco, il Caffè Florian, oppure l'Harry's Bar. 
George Gordon Byron
Questi locali accolsero illustri ospiti come Goldoni, Lord Byron, Foscolo, Goethe, Dickens, Proust, D'Annunzio, Eleonora Duse, Rousseau, Stravinsky e Modigliani e tanti altri. 
Al giorno d'oggi, quelli del tuo debito pubblico oltre i 2000 miliardi di euro, sorseggiando un ottimo caffé ed assaggiando qualche delizioso pasticcino puoi invece avere il privilegio di assistere ad uno spettacolo come fossi comodamente seduto in prima fila su una jeep durante un avventuroso safari: lo scambio di qualche raffinata tangente ai tempi del MOSE (leggi a proposito cosa dice Arrigo Cipriani il patron dell'Harry's Bar). Puoi assistere al privilegio di vedere anche i tuoi soldi, venendo le tangenti pagate con soldi pubblici, scorrere a fiumi nell'allegria generale di un carnevale che dura tutto l'anno. Arlecchino passa la busta a Brighella. La guardia di finanza fu la prima a immortalare quelle succulente buste così generosamente spesse da non entrare nella tasca interna della giacca come nel caso che segue.

VENEZIA, pagamento della mazzetta. Nello specifico l’imprenditore Nicola Falconi passa la bustarella a Pio Savioli, consulente del Co.Ve.Co, cooperativa che fa parte del Consorzio Venezia Nuova, concessionario unico del Mose.

Durante il tour safari per Venezia avete quindi la possibilità di assistere a queste straordinarie relazioni tra animali. Non avvicinatevi troppo per non disturbarli, ricordatevi che stanno lavorando. L'aspetto interessante e notevole, soprattutto dal punto di vista antropologicoè che tutto questo è avvenuto, e avviene, in una atmosfera rilassata, senza mai che il Sindaco, il Rettore, il Patriarca, o le altre cariche pubbliche abbiano tuonato e si siano scagliati contro la corruzione dilagante che avveniva proprio sotto il loro naso per parecchi anni. Garbo agiografico. Sarebbe come chiedere a Bruno Vespa di parlare in diretta televisiva del fatto che il suo collaboratore per tanti anni a Porta a Porta Renato Mannheimer sia indagato dalla Procura di Milano per associazione a delinquere finalizzata a una frode fiscale da 7 mln di euro
Durante la bella stagione c'è la possibilità di rilassarsi seduti ai tavolini all'aperto sorseggiando uno spritz tonificante, nel cuore di Piazza San Marco, cullati dalla musica dell'orchestra privata del Caffè Florian. Sbirciando l'occhio sul tavolino del vicino, nella giornata fortunata, potreste assistere alla stipula dell' appalto dei sogni di tutta una vita, dove prestigiose imprese si impegnano ad asfaltare il Canal Grande piuttosto che a vendere all'asta il Canaletto qui di seguito riportato, il vero originale ai tempi del MOSE. 
Dipinto del Canaletto ai tempi del MOSE. @cassiuslullaby
Agli appassionati esperti cacciatori della selvaggina più rara, si consiglia di mettersi davanti all'ingresso di una nota impresa assicuratrice per poter scorgere i sacchi del nero giornaliero, che a Venezia rappresenta il vero petrolio, arrivare con l'aristocratico 'gatto sornione con gli stivali' (i piani di accumulo assicurativi hanno caratteristiche di impignorabilità ed insequestrabilità che attraggono coloro che necessitano, e sognano, di blindare il proprio capitale evaso al fisco).
Oppure sorprenditi con il tour dei "bacari", le caratteristiche osterie di Venezia, dove l'ubriaco cantore nordista, rimasto indietro, canta ancora in loop le lodi di un altro megaprogetto, quello della sublagunare di Renato Brunetta che tanto ama Venezia.
Non dimenticate di far visita anche all'Università Ca' Foscari dove con un po' di fortuna potreste incontrare il pregiudicato Paolo Scaroni, o simili, invitato dal Magnifico Rettore Carlo Carraro ad inaugurare l'anno accademico.
Gli amanti dell'opera lirica e del balletto possono assistere agli spettacoli del Gran Teatro La Fenice, ricostruito "com'era e dov'era" dopo il terribile incendio del 1996. Nel loggione, se fortunati, scorgerete Piergiorgio Orsoni ancora con l'elmetto, di ritorno da una attenta ispezione ai cantieri del MOSE o il patriarca Scola, impegnatissimo con la sua fondazione a cui i tangentisti donavano generosamente per accaparrarsi un posto in prima fila e meritarsi la sua benedizione.
Ma io lo so, voi avete ancora voglia di svagarvi, instancabili! Se avete voglia di trasgredire il Casinò di Venezia fa al caso vostro. Gattonando piano piano, elegantissimi, potreste fortunosamente imbattervi negli esponenti della famiglia Casalesi, l'ultima rispettabile famiglia illustre che ai tempi del MOSE degna la Serenissima di amorevoli attenzioni, ancora una volta immortalate da quei 'paparazzi' della guardia di finanza.


#Veneziastaiserena

giovedì 26 giugno 2014

Andavano a New York a promuovere ed esportare il sistema MOSE, a concessionario unico modello 'Frank Costello', eccellenza mafiosa del made in Italy.

Da sinistra a destra: Matteo Zoppas, Presidente della Confindustria Venezia – Unione degli Industriali della Provincia di Venezia; Michael Bloomberg, Sindaco di New York; Giorgio Orsoni, ex Sindaco di Venezia; Carlo Carraro, Rettore dell’Università Ca’ Foscari di Venezia; Hermes Redi, Direttore Generale del Consorzio Venezia Nuova; Antonio Armellini, Ambasciatore e Consigliere del Sindaco per gli Affari internazionali, intenti a promuovere il MOSE a New York nel Febbraio 2013. Robe da soli uomini.
Quali sono le motivazioni culturali che possono spingere delle persone a prendere un volo e ad andare a promuovere ed esportare il modello MOSE a New York nel Febbraio 2013? Nel 2005 scrivevo nella mia umilissima tesi di laurea dedicata alla laguna di Venezia« Le motivazioni culturali che mi hanno spinto a prendere in esame il territorio della Gronda, sono state l’intensa banalizzazione e marginalizzazione che hanno contraddistinto queste aree, con la conseguenza di negare spesso alla natura e all’uomo, un rapporto diretto tra laguna e terraferma, attraverso un irrigidimento  della Gronda, con la presenza di macroinfrastrutture (casse di colmata, aeroporto Marco Polo, Porto Marghera, discariche) e microinfrastrutture marginalizzanti (ad esempio occupazioni abusive con arginature fisse e privatizzazioni di specchi d’acqua lagunari e la loro esclusione dal moto naturale delle maree). Questo irrigidimento della Gronda lagunare, ha comportato quindi una generica cementificazione e antropizzazione del territorio, intaccando le aree umide, fondamentali aree di transizione tra terra e acqua, già praticamente scomparse per le azioni della bonifica, che ha coinvolto questi territori nel corso della prima metà del XX sec. » Nessuno mi pagò per scrivere questo. Anzi, era una lotta che mi costringeva a scrivere più per evitare la querela che a denunciare liberamente il modus operandi. La letteratura di propaganda favorevole alle grandi opere invece è da sempre una corsa in discesa all'oro di chi l'ha commissionata. Ricordo ancora come di fronte alle difficoltà e alla frustrazione, il cafoscarino Prof.re Francesco Vallerani mi confidasse il disagio e la solitudine di chi trova il coraggio di denunciare i reati ambientali piuttosto che le sconcertanti colate di cemento che rovinano il Bel Paese. 
Irrigidimento della Gronda lagunare.
All'epoca non esisteva neppure la voce ''Gronda Lagunare'' su Wikipedia, che creai e che riporta ancora oggi l'immagine chiave dell'"irrigidimento" della Gronda lagunare tratta dalla tesi di laurea. Io la mia parte da studente la feci eccome, ignaro che qualche anno più tardi avrei visto i cafoscarini sindaco Orsoni e rettore Carraro farsi un selfie a New York promuovendo il sistema MOSE. 
Un anno che dedicai alla laguna per capire prima di tutto e poi cercare di trasmettere il messaggio allarmante che « non esiste più una zona di passaggio tra acqua e terra che consenta alla laguna, per così dire, di “muoversi” liberamente in una fascia di transizione.» Quando scaviamo canali profondi per le petroliere o le grandi navi costruiamo delle autostrade che permettono all'acqua di entrare velocemente a bomba in laguna in modo quantitativamente e qualitativamente innaturale. Se a questo scempio, vi aggiungete l'inesorabile scomparsa delle fondamentali aree umide che fungono da spugna 'anti acqua alta', che assorbono e rilasciano lentamente l'acqua, e la loro sostituzione con sponde rigide, eccovi che l'acqua per effetto dell'irrigidimento delle sponde viene 'rimbalzata' indietro provocando il fenomeno dell'acqua alta. 
Cosa fare? Proibire le grandi navi in laguna e lo scavo dei micidiali canali figli dei grandi interessi? Ripristinare le aree umide? Macchè sciocchi, quello che il buon senso e la cultura suggeriscono non drenano denaro e lasciano a secco le tasche idrovore dei furbetti. Eccoci al sistema MOSE, sistema tangentizio pagato con i soldi dei cittadini, e ad un debito pubblico che ne consegue che strozzerà, già lo sta facendo, le famiglie italiane.
Sulle risposte da dare siamo quindi culturalmente stati asfaltati da una cricca di furbi. Dove esiste un problema infatti, ci sarà sempre qualcuno che propina la grande opera, urgente e a carattere emergenziale, con grande movimentazione di terra. Lo sappiamo tutti quali sono le aziende in Italia interessate da sempre alla movimentazione di terra. 
Cantieri MOSE a Venezia.
L'amarezza di vedere quei volti sorridenti a New York intenti a promuovere il sistema MOSE, quello di Matteo Zoppas che non occupandosi più di lavatrici di qualità (la svedese Electrolux ha rilevato la Zoppas - Zanussi) lo trovi un po' ovunque con tanto tempo da perdere (il fratello Federico Zoppas siede nel CdA della Palladio Finanziaria di Roberto Meneguzzo coinvolto nel scandalo mose), e i volti di Piergiorgio Orsoni e Carlo Carraro, menti irrigidite e figuranti ai tempi di una Venezia (anche con l' Università) scopertasi indecente. Non voglio neanche parlare della presenza del solito panciuto rappresentante del Concessionario unico. Il MOSE rappresenta una mafia impostasi prima di tutto a livello culturale. Eccellenza mafiosa del made in Italy. Facciamo pure un ponte tra Venezia e New York (quello sullo stretto di Messina non decolla). Cosa nostra americana iniziò ad emergere nella Lower East Side di New York tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900. Le famiglie più famose sono state le cinque di New York: Gambino, Lucchese, Genovese, Bonanno e Colombo. Al suo apice (anni 1920-1950) la mafia italo-americana è stata la più potente organizzazione criminale di tutti gli Stati Uniti. A New York la maggior parte dei progetti edili, movimentazione terra, non potevano essere effettuati senza l'approvazione delle cinque famiglie. Ed al giorno d'oggi? Il 20 gennaio 2011, circa 800 agenti appartenenti a FBI, polizia statale, federale e locale hanno eseguito 110 arresti in una maxioperazione antimafia, decapitando le Cinque famiglie di New York, in particolare i Colombo, e altre due famiglie minori, per un totale di 127 persone incriminate. Una operazione che ricorda per portata quella appunto sulle tangenti del MOSE coadiuvata dalla procura di Venezia. Questi numeri rendono l'idea di come lo spirito della Mafia non sia una invenzione letteraria, ma tuttora una solida colata di cemento. Leggetevi l'articolo 'La mafia di New York si riorganizza' del Febbraio 2014. Non lo scrivo io, lo dice FBI che « la mafia a New York, in ripresa, ha imparato ad adattarsi ai tempi nuovi. » Ditemelo voi cosa andiamo a esportare a New York. Io dico, basta. Non se ne può più di sta roba. Fatemi capire, noi abbiamo il coraggio di andare ancora oltreoceano a parlare del sistema a concessionario unico modello 'Frank Costello'? Esiste un limite superato il quale, esiste solo la vostra indecenza.



Con riferimento a quello che chiamavo l’avvento dei ‘corsari della laguna’, non meno esiziali del turco più feroce, scrivevo nelle conclusioni della mia tesi: « ciò vale soprattutto per la politica e l’atteggiamento che si sono adottati nei confronti della laguna e di questi luoghi, ben diverso dal rispetto quasi sacrale che avevano gli antichi. Sotto il governo della Repubblica, la preservazione della laguna era immedesimata infatti con la conservazione della prosperità politica dello Stato, anzi della sua stessa esistenza. Anticamente i veneziani, con la consapevolezza che un palo fa paluo, minacciavano dunque di morte chiunque si permettesse d’introdurre nella laguna elementi che ne stravolgessero in qualche modo l’ecosistema. Se in questi luoghi, capita di percepire malesseri, per l’aria che si respira, per le vedute squarciate da elementi estranei al paesaggio, e per innumerevoli altri fattori, è anche perché si è perduto il rapporto culturale con il territorio; se perfino con Varrone nel De Re Rustica 37 a. C., iniziano valutazioni estetiche e di diletto e non solo di utilitas, perché intuisce che un bel paesaggio accresce anche il valore venale del terreno, ci sarebbe da domandarsi se le infrastrutture che progettiamo per questi luoghi, spesso figlie dell’emergenza o della necessità sociale, che crediamo indispensabili, siano veramente un valore aggiunto per questi luoghi, o piuttosto non aiutino ad accrescere una generica svalutazione e una banalizzazione imperante, di cui avranno consapevolezza solo le future generazioni. La tecnica propagandistica è sempre quella, e cioè quella prima di tutto di creare i presupposti culturali, perché un determinato ‘megaprogetto’, sia percepito come necessario e inevitabile dalla società civile.» 
Oltre alle mie umili parole correva l'anno 2005/06, che comunque mi trovo costretto a rivendicare orgogliosamente per differenziarmi da queste fattezze umane, quelle importanti di Italia Nostra, l'unica a tuonare culturalmente contro il MOSE, e dei movimenti sociali guidati da Tommaso Cacciari

venerdì 20 giugno 2014

Vostra Eminenza Angelo Scola, se solo Robin Hood ti avesse incrociato in laguna. Mentre tutti a Venezia rubavano, tu benedicevi le loro coscienze.

Un angelo in laguna? Il caso Angelo Scola.
Robin Hood si sa, amava rubare ai ricchi, per ridistribuire ai poveri. Quei San Martini appesantiti che entravano nella foresta di Sherwood (da cui oggigiorno prende il nome il circuito scomunicato ed eretico dei centri sociali) e non intendevano donare il proprio mantello, ne uscivano lietamente alleggeriti. Immaginatevi per un attimo il cardinale Angelo Scola addentrarsi zampettando con il suo pesante fardello, le sue bisacce stracolme, in quella foresta. Con lui tutti gli averi della Fondazione 'Studium Generale Marcianum' da lui creata. Per l'amor di Dio, averi regolarmente denunciati e contabilizzati e aggiungiamoci fin da subito per non indispettirlo 'Scola Santo Subito'Robin Hood non avrebbe battuto ciglio, lo avrebbe fatto uscire in sandali e mutande, convertendolo de facto all'ordine francescano. Forse perfino quel criminale del faccia d'Angelo, Felice Maniero, colui che tra le provincie di Padova e Venezia veniva visto quasi come un Robin Hood del Brenta, lo avrebbe volentieri alleggerito. Purtroppo Angelo Scola, adesso arcivescovo di Milano, ha invece imperato indisturbato in lungo ed in largo in una laguna senza più banditi se non l'abbaiare innocuo dei movimenti e dei centri sociali, finendo per diventare a suo tempo addirittura il candidato favorito per il dopo-Ratzinger. Dio ce ne scampi. Le frequentazioni tra Angelo Scola e Benedetto XVI risalgono ai tempi della 'Congregazione della Dottrina della Fede' essendo il primo consulente ed il secondo prefetto.
Benedetto XVI e Angelo Scola. 
Negli ultimi anni è chiaro a molti che l'Italia dal debito pubblico sconsacrato venga costantemente rovinata proprio da politici cattolici mezzani, quelli che si mettono e sempre stanno nel mezzo, quelli che mai si scompongono, mai una difficoltà vera. Un cattolicesimo ipocrita che funge da cuscino morbido e accogliente per delle teste corrotte. Una classe dirigente che diventa tale proprio in virtù dell' appartenenza alla Borghesia Cattolico Romana, quella a cui apparteneva Mario Monti, la cui attività taumaturgica di stampo bocconiano avrebbe dovuto risollevare l'Italia e rappresentare una novità dirompente in uno scenario quasi compromesso, e che invece si presentò agli italiani dal salotto di quel camerlengo ipocrita di Bruno Vespa, quello stesso salotto cattolico in cui era stata confezionata con garbo agiografico la politica berlusconiana più becera. Per certi versi non evangelici, purtroppo la "condanna a morte" di questo paese è un certo stile della curia. Vediamo come.
L'operato di Angelo Scola in qualità di patriarca di Venezia tra il 2002 e il 2011 si deve ascrivere a quel patto morboso e malato tra politica e bigottismo religioso che ci ha trascinati negli abissi della stagnazione, quella che per intenderci ci ha portati a celebrare la messa cattolica al Re del Porno (con Rocco Siffredi, Ilona Staller, Eva Henger, Paolini) e a rifiutarla a Piergiorgio Welby, piuttosto che ad avere in parlamento lo scempio dei tanti Giovanardi, il belato dei Bondi, e quei Casini che di fronte alla condanna per favoreggiamento aggravato a Cosa Nostra di Salvatore Cuffaro dichiarò "I miei sentimenti di amicizia con Salvatore Cuffaro appartengono a me come uomo e come cristiano: non li ho mai rinnegati e non li rinnego". Ve li ricordate gli anni cupi e misteriosi di andreottiana memoria?
Angelo Scola.
Mentre a Venezia assistiamo all'ennesimo crollo del sistema, dalla politica alla magistratura, dai controllori del Magistrato alle Acque ai giudici della Corte dei Conti, e l'Italia si sveglia con l'ennesimo comunicato sul record del debito pubblico a 2.146 miliardi miliardi di euro,  emerge che la Fondazione 'Studium Generale Marcianum' voluta da Angelo Scola riceveva finanziamenti da coloro coinvolti nello scandalo tangenti. Il debito pubblico immorale creatosi principalmente negli anni della Democrazia Cristiana dallo scudo crociato non potrà oggigiorno che aumentare se i soldi pubblici destinati ad una opera pubblica quale il Mose vengono in parte dirottati a favore di qualsiasi tipo di fondazione, in questo caso quella cattolica di Angelo Scola. Titola il Gazzettino: ''Fondi alla Curia per un posto in prima fila con Scola e Papa Ratzinger.'' Per farla breve, i corrotti facevano a gara a rimpinguare le casse della suddetta Fondazione per accreditarsi moralmente nell'entorage veneziano, presentandosi immacolati come se avessero fatto la prima comunione.
Screenshot del sito web della Fondazione  'Studium Generale Marcianum'  di Angelo Scola da cui si evince il partenariato con l'impresa di costruzioni Mantovani coinvolta nello scandalo veneziano.

Il meccanismo della lavatrice delle coscienze sporche era in vigore a Venezia anche grazie all'Università Ca' Foscari, vero e proprio Vaso di Pandora fortunatamente ora scoperchiato. Onorificenze 'vendute' dalle Università come la Chiesa vendeva le indulgenze. Non stupitevi se il Rettore Carlo Carraro, che fece la scuola cattolica all'Istituto Barbarigo della diocesi di Padova e che naturalmente siede anche nel CdA della Fondazione Marcianumdichiarò a mezzo stampa a commentare la nomina del cardinal Angelo Scola ad arcivescovo nella Milano del celeste Formigoni: « non posso nascondere il dispiacere per l’Università veneziana. Perdiamo un punto di riferimento culturale con il quale in questi anni abbiamo condiviso la stessa visione rispetto all’importanza della formazione per il futuro dei nostri giovani e della nostra società. Si tratta di convinzioni profonde che sicuramente troveranno sempre una salda àncora nel Patriarcato e nei progetti condivisi con Sua Eminenza Angelo Scola ». Permettetemi di dire che i due avevano anche come riferimento le Assicurazioni Generali, visto che Scola era amico personale dell’ex presidente Antoine Bernheim mentre Carlo Carraro era lautamente pagato nel Consiglio di Amministrazione.
Quella dichiarazione fece venire i capelli bianchi al Prof. Dario Calimani che espresse turbamento, per una realtà come quella universitaria in cui la cultura dovrebbe nascere dal dibattito che si sviluppa all’interno dell’istituzione piuttosto che da ispirazioni, visioni e ideologie esterne. 
Angelo Scola e  Piergiorgio Orsoni.
Rimane indelebile il fatto oggettivo che il nome del cardinale sia stato fatto diverse volte nell'ambito dell'inchiesta sul Mose e che i soldi della Cricca andassero anche alla sua Fondazione.  Il sistema Mose oliava ogni angolo della laguna, non poteva mancare quindi anche il Patriarcato di Venezia.  Fu proprio Angelo Scola a sostenere strenuamente la candidatura di Piergiorgio Orsoni a Sindaco di Venezia. Orsoni, definito dal corriere il Professore cattolico, è tutt’ora procuratore di San Marco, la più prestigiosa carica vitalizia della Repubblica di Venezia dopo il Doge, legata a doppio filo con il patriarcato. Nel consiglio di amministrazione della Fondazione eccovi sia il capo supremo delle tangenti, Mazzacurati, sia Orsoni, ex sindaco di Venezia.
Angelo Scola.
In una recente dichiarazione Angelo Scola ha dimostrato l'intenzione « di tutelarsi legalmente nei confronti di chi continuasse a dare informazioni imprecise, scorrette o false. Una tutela necessaria perché sia rispettata la verità e perché non sia disturbata la missione pastorale del cardinale Scola nella Chiesa di Milano. » Si sa, Angelo Scola appartiene in modo indissolubile a Comunione e Liberazione, tanto che anche da quelle parti arrivarono gli Auguri a "Papa Angelo Scola" in una gaffe memorabile subito dopo la nomina di Papa Francesco. Una lezione francescana.
Sicuramente non perderanno l'occasione per tacciare questo articolo di moralismo, contro il quale Comunione e Liberazione ha lanciato una crociata. Io dico che fortunatamente nella Chiesa è prevalsa una visione del mondo diversa e lo spessore della persona del Papa Francesco viene riconosciuto giorno dopo giorno tanto quanto quello di Angelo Scola si affievolisce. Da citare anche le parole dell'attuale Patriarca di Venezia che parla apertamente di un esame di coscienza anche per la Chiesa a Venezia.
Sono io quindi che mi tutelo moralmente scrivendo questo articolo. Mentre tutti a Venezia rubavano, tu Angelo benedicevi le loro coscienze. Se solo Robin Hood ti avesse incrociato in laguna.

domenica 8 giugno 2014

Ca' Foscari come il Vaso di Pandora. Mai così in basso in 150 anni di prestigiosa storia di questa istituzione.

Alcuni dei magici intrecci nel CdA di Ca' Foscari, Vaso di Pandora. 
Università Ca' Foscari, mai così in basso in 150 anni di prestigiosa storia di questa istituzione, che ne dica Radio Mosca che afferma il contrario. Abbiamo visto quello che appare a tutti gli effetti un cerchio magico e bim bum bam, ne abbiamo dedotto che purtroppo Ca' Foscari ancora puzza. Che l'Università Ca' Foscari abbia toccato il fondo con la gestione del Rettore uscente Carlo Carraro è noto ormai a tutte quelle persone che non sono rimaste con le dita intrecciate davanti al televisore durante gli esperimenti di ipnosi del mago Casella sulla Rai. 
Ci sono motivi per pensare che sia noto perfino a Carlo Carraro che in questi giorni sta sornionamente impacchettando le sue cose preparandosi ad un lungo viaggio che lo porterà negli States dove andrà ad occuparsi altrove di cambiamenti climatici. Sono molti a ringraziarlo per il lavoro svolto e ad augurargli di andare a cambiare il clima da un'altra parte. 
Il Mago Silvan
Chissà, magari il suo maggior cruccio e rimpianto, quale genio incompreso dalla lampada creativa,  è di non essere riuscito a convincere il Senato Accademico a riconoscere al Mago Silvan una onorificienza per alti meriti “nel campo dell’illusionismo e della prestidigitazione”. Sim, sala, bim, neanche la magia del suo Blog istituzionale dal titolo 'Parliamone' ha incantato, visto che nelle ultime elezioni rettorali il 75% dei voti sono andati a candidati che si erano dichiarati non allineati al suo governo, che ne voglia Carlo Carraro che ora si sbraccia a rilasciare magiche dichiarazioni affermando che ci sia continuità con il suo operatoIl meccanismo della propaganda rettorale funzionava infatti esattamente come quello di qualsiasi Ministero della Propaganda che sciorinava i successi oggettivi innegabili in termini di costruzioni di nuove strade e ponti culturali, di bonifiche di paludi universitarie e ovviamente gli eccellenti risultati conseguiti nello sport universitario, senza mai far cenno al baratro morale nel quale l'Università, e Venezia tutta, stava precipitando. Non è mai stata proferita la parola magica 'corruzione', proprio quella che sta innegabilmente spolpando il Bel Paese. Per non parlare della parola 'Etica'. Lo stesso errore concettuale di quei nonnetti, duri di comprendonio come la sella di un cosacco, che ti dicono 'quando c'era quel grande Statista, Lui si che le cose le faceva e lo stato sociale funzionava', poi che quel Lui abbia fatto anche le leggi razziali e ci abbia mandato a morire persino in Russia, trascinandoci nell'oblio, non importa. Non stupisce che l'ultima di Carlo Carraro sia stata quella di mandare Ca' Foscari 'a morire intellettualmente a Mosca'. Ma con quest'ultimo scempio il Vaso di Pandora ora è colmo e persino la maga Nicoletta Paciaroni vede ora tra le sue carte quella del 'carro', della dipartenza del Rettore Carraro.
L'amara ironia della rete. Su twitter hashtag #ReFasullo
Non c'è trucco e non c'è inganno, se arrestano il Prof. Piergiorgio Orsoni a Ca' Foscari si parla di sport. Se il rettore manda in missione un prorettore a Mosca a consegnare una 'pizza onorificienza' a domicilio al controverso ministro della cultura russo che avrebbe copiato la sua tesi al 67%, allora a Ca' Foscari si parla di sostenibilità. Se Ca' Foscari sta per svendere 'tre palazzi storici per una cassapanca' ad una finanziaria allora nell'ateneo veneziano l'argomento principale proposto potrebbe essere il danno 'disumano' che gli studenti arrecano alle royalties fotocopiando i libri. Tutto questo mentre Carlo Carraro siedeva, lautamente oliato, su uno dei CdA, quello delle Generali, tra i più vergognosi della storia repubblicana. C'è da chiedersi se non fosse Tariq Aziz a suggerire al Rettore dal carcere le strategie di comunicazione (o la Casaleggio Associati del #vinciamonoi?), quello che per intenderci andava a belare nella tv di stato che Saddam Hussein stava per vincere la guerra anche quando si sentivano in sottofondo le cannonate dei tank americani avvicinarsi a Baghdad.  
Il vaso di Pandora, leggendario contenitore di tutti i mali. 
Per noi comuni mortali, semplici malgari dell'altopiano di Asiago, è comunque la composizione del Consiglio di Amministrazione della Ca' Foscari a rappresentare il vero mistero dell' arte della prestidigitazione. La miglior tesi di laurea potrebbe essere quella che riesca a sbrogliare questa matassa noiosamente attorcigliata. Il Dott. Andrea Valmarana membro del CdA cafoscarino e consulente dell'Università in materie fiscali siede anche nel collegio sindacale, un organo di vigilanza, del Gruppo Morellato & Sector SpA di proprietà del fratello del Rettore, famiglia Carraro. Parliamone. Rampollo di un’antica famiglia vicentina nobilitata dai dogi della Serenissima nell’elenco delle “Case fatte per soldo”, sempre il Dott. Andrea Valmarana siedeva nel Cda della finanziaria Palladio e risulta allo stato attuale incaricato da questa nel collegio sindacale della Est Capital Group Spa a cui la finanziaria Palladio partecipa. C'è qualcosa che non va anche da quelle parti, con l'amministrazione straordinaria per decreto del ministero dell’Economia motivato da irregolarità e la rimozione del Presidente il cafoscarino Prof. Gianfranco Mossetto, anch'egli specializzazione negli States. Si pensi che poteva essere proprio la Est Capital del prof. Gianfranco Mossetto, secondo indiscrezioni comparse a seguito di alcune dichiarazioni di Carlo Carraro, a realizzare guarda a caso la nuova casa dello studente da circa 900 posti che Ca' Foscari voleva realizzare a Santa Marta in accordo con l'Iuav. La presenza del Dott. Andrea Valmarana in entrambi gli organi societari (Ca' Foscari - Est Capital), con accesso a notizie riservate su un affare da 40 milioni di euro, configura o no un chiaro conflitto di interessi? Parliamone.
Prof. Gianfranco Mossetto. Dolce vita a Venezia.
Tornando con la bacchetta magica sulla finanziaria Palladio, hanno da pochi giorni proprio arrestato l'amministratore delegato, il cafoscarino Roberto Meneguzzo (anche lui specializzazione negli States), che aveva il suo capitale nelle Assicurazioni Generali. Parliamone. Proprio a rappresentare anche Roberto Meneguzzo nel Cda delle Generali il Rettore Carlo Carraro era stato nominato consigliere indipendente da un altro membro del Cda di Ca' Foscari, prof. Domenico Siniscalco, Presidente di Assogestioni (fino al Novembre 2013), l’associazione italiana delle società di gestione del risparmio. Carlo Carraro e Domenico Siniscalco si frequentano anche nella Fondazione ENI, il primo presidente del comitato scientifico, il secondo membro del CdA della Fondazione con a guida Paolo Scaroni, anch'egli sempre nel CdA delle Generali. Questi vorticosi incroci erano già apparsi a margine di un articolo del Gazzettino e su una inchiesta dell'Espresso ma il buon senso non è più di casa da parecchio tempo a Ca' Foscari, pronta a suonare nei comunicati stampa come Orfeo l'inesistenza di qualsiasi conflitto di interesse senza accorgersi che Euridice è già entrata negli Inferi.

Abbiamo visto anche come il ragioniere Vincenzo Consoli, la cui Veneto Banca partecipa pesantemente nella Palladio finanziaria in cui il ragioniere è membro del CdA e del comitato esecutivo, si ritrovi, qualche anno dopo la laurea honoris causa conferitagli da Ca' Foscari, in qualità di sponsor e ospite d'onore alla consegna dei diplomi di laurea a Ca' Foscari nel novembre 2011. 
Sul blog del Rettore nel settembre 2010 propendevo alla seguente riflessione critica: « non sento lo studente protagonista dell’università italiana, ma vedo ancora fiorire un modello di Professore, più interessato ad appagare il proprio ego ed a coltivare una propria carriera personale, che preoccupato di trasmettere con passione una qualche forma di sapere alle nuove generazioni. » Ora, quattro anni dopo, aggiungo: vedo quel modello di Professore affarista uscire lentamente in modo evanescente dal Vaso di Pandora scoperchiato. Buon viaggio. 

mercoledì 4 giugno 2014

Ca' Foscari, ancora puzza. Quell'altro cafoscarino arrestato, Roberto Meneguzzo, che porta ancora a quel maledetto CdA delle Generali a cui partecipava Carlo Carraro.

Roberto Meneguzzo, laurea a Ca' Foscari in Economia e Commercio.
Nella triste Venetopoli di questi giorni spunta tra i tanti nomi eccellenti, oltre al Professore ordinario di Ca' Foscari Piergiorgio Orsoni, anche il cafoscarino Roberto Meneguzzo, amministratore delegato di Palladio Finanziaria punto di riferimento della finanza dell'intero Nordestè stato arrestato.
Abbiamo visto come il cerchio magico di Carlo Carraro e del pregiudicato Paolo Scaroni, il primo direttore scientifico ed il secondo presidente della Fondazione Eni Enrico Mattei, li vedesse sedere insieme nel CdA delle Assicurazioni Generali con alla presidenza il pregiudicato Cesare Geronzi. Nonostante tutte le sentenze contro, tuttora Cesare Geronzi presiede la carica di Presidente della Fondazione Assicurazioni Generali, così come Paolo Scaroni è presidente della Fondazione Eni. Sembra infatti che in Italia neanche a primavera si riescano a fare veramente le pulizie di fondo. 
Le pulizie vennero fatte parzialmente alle Generali soltanto nella primavera del 2011 con l'allontanamento di Cesare Geronzi dal CdA, voto sul quale Carlo Carraro e Paolo Scaroni si trovarono sostanzialmente d'accordo. Non si trovarono d'accordo invece in un'altra primavera, alla fine del maggio 2012, quando Carlo Carraro si oppose alla sfiducia dell'amministratore delegato Giovanni Perissinotto. Perissinotto venne allontanato, nonostante il voto contrario di Carlo Carraro.
Perché opporsi all'allontanamento di qualcuno che sarebbe stato raggiunto successivamente da un avviso di garanzia che avrebbe dato ragione a chi invece lo voleva allontanare? Eccoci a Roberto Meneguzzo, che partecipava al capitale delle Assicurazioni Generali. Carlo Carraro, Rettore della Ca' Foscari, sarebbe stato portavoce in generale proprio della finanza Veneta, che aveva invece espresso un giudizio positivo sull'operato di Perissinotto. Tra questi Roberto Meneguzzo della holding finanziaria vicentina Palladio e Vincenzo Consoli l'amministratore delegato di Veneto Banca (l’istituto di credito è socio della finanziaria Palladio con il 9,85%, ma ha anche in pegno altre tre quote per un ulteriore 29 per cento; Vincenzo Consoli siede anche nel CdA e nel comitato esecutivo della finanziaria Palladio). Non vi meraviglierete quindi se troveremo Vincenzo Consoli sponsor e ospite d'onore alla consegna dei diplomi di laurea a Ca' Foscari nel novembre 2011. Nel giugno 2005 il ragioniere Consoli aveva già ricevuto dalla Facoltà di Economia dell’Università Ca’ Foscari di Venezia la laurea specialistica in Amministrazione e controllo honoris causa. Ca' Foscari a regalare lauree a personaggi ambigui è sempre la prima della classe.
Banchiere Vincenzo Consoli,
sullo sfondo Carlo Carraro al laurea-day.
Ed allora non aveva forse ragione quella gente che fischiava il banchiere in Piazza San Marco nonostante i tentativi della Ca Foscari di rilanciarne l'immagine di fronte alle famiglie degli studenti? Quante domande senza risposte. Che spreco di lauree in questa Italia del malaffare. Quando il 'popolo senza laurea' interruppe il discorso del banchiere laureato honoris causa da Ca' Foscari, il rettore intervenne al microfono per placare gli animi: "Questa manifestazione non sarebbe stata possibile senza Veneto Banca". Perché allora non dire anche, in un atto di onestà intellettuale, che il discorso di fine anno accademico delle università americane (commencement speech), che vogliamo copiare, lì non è tenuto dagli sponsor, a cui non è permesso interferire con una cerimonia accademica, e che lì non ha niente a che vedere con la politica, il sindaco o il vicesindaco, con la pubblicità commerciale e con la visibilità. La via all'italiana di Carlo Carraro ha trasformato quella che avrebbe dovuto essere un'occasione culturale in un ennesimo spot pubblicitario del banchiere di turno in coda per pulirsi e centrifugare la propria coscienza e onorabilità utilizzando come i suoi colleghi l'illibata, ma neanche tanto, università. Ca' Foscari, modello lavatrice della reputazione.
L’arresto di Roberto Meneguzzo mette la parola fine ad un ambizioso progetto personale e professionale che ha visto una piccola cerchia del Nord-Est tentare l’ingresso in grosse partite finanziarie del Paese e non solo. Meneguzzo è anche vicino a Valentino Valentini, l’uomo di Berlusconi che gestisce le relazioni con Vladimir Putin, al cui ministro della cultura, dalla tesi copiata al 67%, recentemente Ca' Foscari ha conferito servilmente una onorificienza. Mai così in basso in 150 anni di prestigiosa storia di questa istituzione.

Si intenda che questo blog sarà sempre a disposizione senza censure di chiunque ritenga tale ricostruzione fantasiosa e che voglia per questo chiarire la propria posizione, contribuendo a quella verità che noi tutti ci meritiamo. 

sabato 31 maggio 2014

Onorificenze 'vendute' dalle Università come la Chiesa vendeva le indulgenze. La ricerca nelle Università occidentali di onorificenze, che verranno poi esibite, come una sorta di patente democratica, al proprio popolo stremato dal feudalesimo.

Ecco come vengono esibite a livello comunicativo le onorificenze, 'vendute' dalle Università come la Chiesa vendeva le proprie indulgenze. Ne beneficia una Università che si presume libera o gli affari dell'ENI? Vediamolo insieme. 'Parliamone', si intitola il Blog del Rettore della Ca' Foscari che giammai ha affrontato sul suo blog, tacciato di ipocrisia e propaganda, questi nodi problematici che afferiscono all'Etica. 
Riprendendo quanto scritto pochi giorni or sono sul cerchio magico che coinvolge il Rettore della Ca' Foscari Carlo Carraro ed il pregiudicato per corruzione Paolo Scaroni, integro a quella che purtroppo non è una favola, la notizia che la 'Deloitte', l'azienda che gattona anche in quella che è la mia Università a reclutare studenti e a sponsorizzare workshop, era anche il principale revisore dei conti della Parmalat, coloro che per indenderci dovevano sorvegliare che non avvenisse proprio il più grande scandalo di bancarotta fraudolenta della storia italiana. Questo ad aggiungersi al fatto che, tra i tanti misfatti, come abbiamo visto la Deloitte ha in pancia l'alien 'Monitor Group', azienda fallita per bancarotta dopo aver procurato una tesi di dottorato alla London School of Economics, in parte copiata, ad uno dei figli di Gheddafi
Tornando al crack Parmalat, la multinazionale americana ha ammesso la colpa riuscendo ad uscire dal processo con un patteggiamento milionario
Il 7 Settembre 2010 avevo chiesto al Rettore con un commento pubblico sul suo Blog istituzionale di evitare la partecipazione in un CdA che vedeva al vertice proprio Cesare Geronzi che come scrivevo era ben conosciuto all'epoca proprio per il crack Parmalat. Quel commento non ricevette alcuna risposta, ma non lo meritava probabilmente secondo una visione del mondo aristocratica, stile Luigi XVI. Qualche anno dopo  Cesare Geronzi verrà condannato a cinque anni.
George Soros a Ca' Foscari: lesson learnt?
Il Rettore di Ca’ Foscari Carlo Carraro l’aveva detto a chiare lettere, che Ca’ Foscari avrebbe potuto conferire il titolo di “Membro onorario del Corpo accademico di Ca’ Foscari” (Ca’ Foscari Honorary Fellow) a personalità esterne all’ateneo che si fossero distinte nelle arti, nelle scienze o nella società, o che, cito testualmente, “abbiano svolto particolari azioni a favore di Ca’ Foscari, e possano contribuire alla sua visibilità e al suo prestigio.” Forse il ministro della cultura russo Vladimir Medinskij premiato da Ca' Foscari contribuisce al suo prestigio?  Sicuramente alla sua visibilità, visti gli innumerevoli giornali che si sono occupati del caso, offuscando l'immagine dell'ateneo.
Per quanto concerne invece i soldi ricevuti da Ca' Foscari dalla Gulf Research Center (Grc) che hanno comportato l'assegnazione della Ca’ Foscari Honorary Fellow a Abdel Aziz Sager, personaggio che Guido Moltedo sul quotidiano Europa ha ricordato per i suoi legami con esponenti della parte più retrograda dell’establishment saudita, eccoci ai motivi per i quali a mio avviso era importante magnificare Abdel Aziz Sager, che può svolgere un importante ruolo di intermediario tra gli interessi dell’ENI ed il regime sovrano saudita.
La Gulf Research Center (Grc) ha sede a Ginevra, città che la giornalista Stefania Rimini definisce in modo perspicace “la capitale dei mercanti di petrolio”, proprio intervistando per una puntata di Report un membro della Grc, Giacomo Luciani. Esistono strette relazioni tra la Grc e qualche compagnia petrolifera italiana? Per capire le possibili relazioni che intercorrono tra l’Eni e la Grc si pensi che proprio lo stesso Giacomo Luciani lavorò per l’ENI con ruoli di alta responsabilità per 10 lunghi anni, tra il maggio del 1990 e il maggio del 2000, dedicandosi all’Arabia Saudita. Il sito internet della Grc lo indica, ad oggi, come uno dei suoi consulenti più importanti. Giacomo Luciani rappresenterà inoltre la Grc nell’importantissimo progetto Polinares portato avanti dall’Università di Dundee e che vede coinvolti tra i partners anche la Fondazione Eni Enrico Mattei, che annovera nella sua squadra proprio il Rettore della Ca’ Foscari. Il Progetto Polinares vede quindi il coordinatore ed i partners, tra cui appunto Grc e Fondazione Eni Enrico Mattei, essere finanziati attraverso soldi pubblici della UE, complessivamente per la bellezza di 2,678,642 euro. Fin qui niente da dire, se non appunto il fatto che sia palese che tra Eni e Grc intercorra un buon partenariato proficuo.

È l’Axia Financial Research (su questo link http://www.axiaonline.it/2002/crimini_e_misfatti/crimini_e_misfatti1001.htm che ho potuto consultare prima che venisse rimosso. Potrebbe essere che alcuni dei link qui riportati possano nel tempo diventare non funzionanti.., pensate che la voce wikipedia della Deloitte neanche riporta che fossero loro i revisori dei conti della Parmalat. Chi ha orecchi per intendere, intenda) ora a illuminarci il percorso e a portarci direttamente nei pozzi dell’Arabia Saudita e precisamente in un impianto a Madinat Al Jubail della IBN ZAHR. Questa società è stata costituita nel 1984 all'epoca dei governi Craxi. La partecipazione di Eni è del 10 percento attraverso Ecofuel, compagnia posseduta e controllata al 100 per cento da Eni Spa. Tra i soci della società di diritto arabo IBN ZAHR, nome europeo "Saudi European Petrochemical Company”, c’è anche Apicorp, una holding di partecipazione costituita fra governi arabi, tra cui spicca proprio l’Arabia saudita. Eccoci quindi al primo giro di boa; l'Eni è costretta a relazionarsi con l'establishment saudita a fronte della propria partecipazione nella IBN ZAHR. Ovvio si dirà, ma il dato ci aiuta forse a capire l’importanza di magnificare Abdel Aziz Sager, che può svolgere un importante ruolo di intermediario tra gli interessi dell’ENI ed il regime sovrano saudita. Affari si intenda. 
Siamo sporchi di petrolio anche nelle università.
Trivellando ancora ma senza scavare pozzi infiniti e perdere di vista il quadro generale, si sappia che Apicorp si occupa solo di chimica e il suo investimento più rilevante al 32 per cento è nella Aradet irachena, meglio nota come "Arab Company for Detergent Chemical", che venne messa, tra l’altro, sotto osservazione dagli ispettori dell'Onu ancora durante la guerra del Golfo. L’Axia Financial Research parla, a tal proposito, apertamente di crimini e misfatti
La London Business School premia Mohamed Al-Mady
Tornando alla IBN ZAHR, l’ottanta per cento è detenuto invece dalla SABIC; sarà importante far notare, ai fini della vicenda trattata, che il CEO della SABIC, Mohamed Al-Mady, fortemente compromesso con il regime autoritario saudita, ricevette a sua volta in pompa magna nel luglio del 2007 una Honorary Fellow dalla London Business School, come viene sottolineato nella sua pagina wikipedia. Lo stesso titolo che ora Ca’ Foscari conferisce all'ennesimo personaggio ambiguo. Lo scenario certo è complicato, ma si stanno aprendo degli spiragli. Il dato certo è che traspare la volontà di ricercare nelle Università occidentali onorificenze, che verranno poi esibite, come una sorta di patente democratica, al proprio popolo stremato dal feudalesimo. C’è il sospetto quindi che anche Ca’ Foscari sia diventata la lavatrice, su pressione e commissione di qualcuno, della coscienza e della reputazione per chi deve rifarsi un nome e ripresentarsi "candido" ("candidato") alla società civile come attore credibile. Ma questo ancora per poco
Diritti LGBT in Russia. In Russia è un atto criminale tenere un gay pride (qualsiasi parata o 'esposizione' omosessuale a Mosca è duramente perseguita), parlare in difesa dei diritti degli omosessuali, o distribuire materiale che promuova le richieste dei gay o propagandare l'idea che le relazioni gay siano uguali a quelle etero. Le organizzazioni internazionali dei diritti umani, nonché i governi delle democrazie occidentali, hanno duramente condannato una tale legislazione. La situazione attuale è stata descritta il peggior clima in materia di diritti umani dell'epoca post-sovietica; l'attivista russa Lyudmila Alexeyeva ha definito questa situazione come un precipitare verso un nuovo Medioevo.

venerdì 30 maggio 2014

A Ca' Foscari è primavera. Cade l'impero carrariano, fa breccia l'Etica trasversale.

Voliamo alti. Il cielo sopra Ca' Foscari è sereno.
Ca' Foscari nelle votazioni che si sono susseguite in queste limpide giornate di fine maggio 2014 ha optato per la Primavera quella vera, un cambiamento di pelle, una mutazione forte e netta che sin dalla prima votazione ha assunto il carattere della 'caduta di un impero' aristocratico e percepito arrogante. Nella prima votazione, quella vera che rivela in una fotografia cristallina la situazione reale attuale dell'ateneo cafoscarino al netto di ogni successivo accordo o travaso di voti,  i carrariani si sono fermati a 143 voti, mentre i protagonisti della storica primavera cafoscarina, in forte discontinuità con l'ultimo Re, hanno fatto breccia nell'impero con ben 453 voti. Ed allora voliamo alti in questa bellissima primavera. Protagonisti l'olmaria, le margherite, il salice, il papavero e l'ortica, nel quadro dell'Ofelia di cui sotto. La vera vincitrice, colei che emerge bellissima senza eguali, colei che ancora canta nonostante stesse per annegare inerme nei cerchi magici di un' acqua torbida, è l'Etica trasversale nelle persone dei Proff.ri Cardinaletti, Bugliesi e Licalzi. Voliamo alti. 
L'Etica canta, anche quando sta per annegare.
(John Everett Millais, Ofelia)
Lasciamo perdere quei campanilismi stonati di San Gimignano, quei fortini e quelle torri che favoriscono soltanto il culto individuale delle singole personalità a discapito collettivo e rischiano di sporcare un quadro limpido che vede riemergere vincitrice l'Etica a Ca' Foscari. Molti non lo sanno, qualcuno forse non riesce a capirlo ed a farsene una ragione, ma a Ca' Foscari hanno vinto proprio tutti perché ha vinto l'istituzione Ca' Foscari. Il cuore cafoscarino dell'istituzione, che ultimamente sembrava smarrito e stordito, è tornato a battere rappresentando una maggioranza silenziosa (ma anche no, grazie alle pratiche di rianimazione del legittimo dubbio che il Prof. Filippomaria Pontani ha operato sull'Etica attraverso l'utilizzo del defibrillatore a commenti) che non ci sono motivi per non pensare che saprà unirsi compatta e coesa, nel nome di quei valori etici tanto annichiliti ma che invece non appartengono proprio a nessuno e non sono nelle disponibilità di nessuno. Se cerchi di affogare l'Etica infatti (o di far portar via una semplice sirena dalla polizia), questa prima o poi riemerge ed inizia un canto bellissimo. 

lunedì 26 maggio 2014

Il cerchio magico con protagonisti Paolo Scaroni e Carlo Carraro. C'era una volta la 'Monitor Group' che tubava con Gheddafi. Poi venne la 'Deloitte', se la prese, ed insieme vissero felici e contenti frequentando le università italiane.

Berlusconi e Gheddafi.
Mettetevi comodi. Un tè, dei biscotti, dai che vi racconto una storia vera. C'era una volta una società americana di consulenza che si faceva chiamare e si chiama "Monitor Group". A questo punto molti di voi staranno sbadigliando. Lo so, portate pazienza poi diventa interessante. La società si occupa di lobbying intellettuale. Cresce, cresce, fino a che per troppa spregiudicatezza finisce nella tenda del colonnello Gheddafi, non importa se questi torturasse, violentasse e costringesse alla schiavitù sessuale migliaia di adolescenti. Il colonnello riempì i forzieri di questa coraggiosa società americana con milioni di dollari chiedendo in cambio però una cosa: disse il colonnello ai consulenti, tra cui anche tra i più importanti docenti dell'Harvard School of Business: « andate in lungo e in largo e riabilitate il mio nome. Il mio non deve sembrare un regime »Inoltre aggiunse, « voglio che mio figlio Saif Gheddafi si laurei alla London School of Economis, non importa quanto mi costi ». Il network di collaboratori e ''talenti'' della Monitor Group, immaginatevi, incominciò a lavorare alacremente. Quasi non ci credevano dell'inaspettata fortuna, un contratto da 3 milioni di dollari annui, rimborsi spese non inclusi. Chi leccava, chi tesseva le lodi, chi lubrificava, chi sversava somme ingenti alla London School of Economics, chi scriveva la tesi per conto di Saif Gheddafi. Tutto sembrava andare per il meglio quando improvvisamente quell'immagine positiva, che cercavano di affibbiargli come fosse l'ennesima medaglia ipocrita, si frantumò miseramente sui media di tutto il mondo, portando poi come sapete all'intervento internazionale. 
Sir Howard Davies
L'imbarazzo fu così grande che Sir Howard Davies, il rettore della London School of Economics, una delle più prestigiose istituzioni accademiche dell’Occidente, dovette dimettersi, proprio per aver accettato finanziamenti alla ricerca da parte di un fondo sovrano libico. Sir Howard Davies, prima della rivoluzione libica, non si era minimamente preoccupato per i legami intellettual-finanziari che la London School of Economics aveva interlacciato con il regime libico ed i suoi fondi sovrani. Nessuna perplessità. Disse sconsolato, prima di dimettersi: « la reputazione dell'università è stata danneggiata e io devo predermi le mie  responsabilità per questo ». Ma c'era di peggio. Venne alla luce quello che voi lettori già sapete. La tesi di dottorato di Saif Gheddafi era stata copiata sicuramente per un 6% dell'elaborato e rimaneva il sospetto che il resto fosse stata scritta proprio dai consulenti della nostra Monitor Group
Paolo Scaroni e Vladimir Putin
La compromessa Monitor Group aveva inoltre iniziato nel 2009 una partnership con la Fondazione ENI Mattei (con a capo Paolo Scaroni dal 2005 e direttore scientifico il Rettore della Ca' Foscari Carlo Carraro dal 2010 al 2013) che portò alla costruzione del piu' grande database a livello mondiale con oltre 1.150 transazioni condotte dai fondi sovrani nel periodo 1981-2008. L'incontro tra la Monitor Group e la Fondazione presieduta da Paolo Scaroni non fu poi così imbarazzante visto che questo vecchio lupo di mare nel 1996 aveva precedentemente patteggiato la condanna a un anno e quattro mesi di reclusione per le tangenti pagate per gli appalti nelle centrali Enel. La sentenza era stata emessa dai giudici della sesta sezione penale del Tribunale di Milano. Scaroni era accusato di corruzione dal Pm Paolo Ielo per una serie di tangenti versate al Psi quando era amministratore delegato della Techint. Per la cronaca di questa favola Paolo Scaroni verrà successivamente condannato nel 2011 dalla terza sezione penale della Cassazione  anche per i danni provocati dalla centrale Enel di Polesine Camerini (Rovigo). Paolo Scaroni convince l'amico Carlo Carraro, Rettore della Ca' Foscari a partecipare dall'aprile 2010 al Cda delle Assicurazioni Generali (compenso annuale 224mila euro) con a capo Cesare Geronzi conosciuto ai mass media per i crack Cirio e Parmalat, senza curarsi di qualsiasi elementare considerazione sul cumulo di incarichi e sulla possibilità di recare indirettamente danno all'immagine dell'ateneo. Il Rettore di Ca' Foscari Carlo Carraro contraccambia l'amico invitando Paolo Scaroni pubblicamente ad inaugurare l'anno accademico  2010/2011. Al diffondersi della notizia che Paolo Scaroni fosse stato invitato ad inaugurare l'anno accademico ne sono seguite forti contestazioni che hanno lacerato l'ateneo sempre a discapito della sua immagine
Abdel Aziz Sager e Carlo Carraro
Durante la Primavera Araba, siamo a maggio del 2011, questi maledetti fondi sovrani sono sempre più irresistibili. Ca' Foscari con Carlo Carraro decide di premiare con il riconoscimento di Membro Onorario del Corpo Accademico di Ca’ Foscari - Abdel Aziz Sager, un imprenditore saudita a fronte di un'elargizione di 400.000 euro alla Scuola di Relazioni Internazionali. Ne seguirono aspre polemiche per l'appartenza imbarazzante dello sceicco-finanziatore al regime saudita. Si sa, lì le donne non possono guidare ma questo non importa. Non rattristatevi, questa favola triste non finisce qui. Torniamo per un attimo alla  ''Monitor Group''. Essendo stati scoperti mentre tentavano di riabilitare un dittatore, letteralmente con le mani nella marmellata, la nostra Monitor Group annaspa. Manca aria. Fondata nel 1983 da un gruppo di otto imprenditori, tutti legati alla Harvard Business School, ora la società di geni si ritrova a dover dichiarare bancarotta. La sua agonia si trascina fino al Gennaio 2013 quando la principessa Monitor Group ebbe la fortuna di incontrare il principe azzurro ''Deloitte'', questi dal nome raffinato decise di comprarla e portarla via con sé. Ecco che se cliccate sul loro vecchio sito http://www.monitor.com/ verrete teletrasportati dall'inferno al paradiso della nuova societa' DELOITTE. Nel frattempo la speranza era che la brutta storia venisse dimenticata. Deloitte si presentava infatti in tutto il suo splendore apparentemente illibato. Un' azienda americana di servizi di consulenza e revisione, la prima nel mondo in termini di ricavi e numero di professionisti. Oltre 200.000 dipendenti impiegati in oltre 150 diversi Stati. Considerata una delle Big Four, le quattro più grandi aziende di revisione, nell'esercizio fiscale 2013, ha raggiunto la cifra record di $32.4 miliardi di ricavi. A questo punto la maggior parte di noi si sono dimenticati che la Deloitte ha ancora in pancia l'impresentabile Monitor Group. L'azienda sembra ora pulita. Infatti trovano il coraggio di presentarsi nel cuore pulsante di Economia all'Università Ca' Foscari, San Giobbe e ai loro career day, finance day. Una studentessa promuove sul sito sorridente la propria carriera in Deloitte.

Una giornata di studio e workshop organizzata da Università Ca' Foscari Venezia e Fondazione Ca' Foscari Venezia, in collaborazione con Deloitte.

Si intenda Deloitte è a tal punto presentabile che incomincia a penetrare nelle varie università. In particolar modo risulta efficace nell' immettere il proprio marchio nei loro portali, quasi a cercare protezione. Nessuno si ricorda della Monitor Group. Tutto a gonfie vele, nessuna ombra sul web. Le Deloitte eredita anche i rapporti con l'ENI di Paolo Scaroni e diventa mandataria di ENI S.p.A. per quanto riguarda la riscossione dei crediti. Si intenda, il cerchio magico vede sempre protagonista la Fondazione Eni a Ca' Foscari. Fu così che il miglior studente in assoluto presentato per la prima volta nel 2011 alla cerimonia di San Marco, fu Matteo Sostero, figlio del prorettore Ugo Sostero. Padre e figlio sul palco. Segni particolari, ovviamente aver fatto uno stage presso la Fondazione Eni Mattei. Ne seguirono attriti tra gli studenti, lo studente Ahmed Daoud, una camicia rossa, osò interrompere il discorso cotonato di Beppe Severgnini. Fu trivellato di fischi, gridavano ''ENI'', ''ENI'' oppure ''fuori'', ''fuori'', non ricordo, fate voi intuendo il sarcasmo.
Lo studente Ahmed Daoud, il contestatore della cerimonia a San Marco.
Poi improvvisamente ancora una volta tutto sembra riprecipitare nuovamente. A questo punto mettete i bambini a letto che la favolta diventa per adulti. Proprio mentre organizzano il workshop a Ca' Foscari di cui sopra esce un bruttissimo articolo del Fatto Quotidiano. Deloitte starebbe insegnando alle multinazionali ad aggirare il fisco. Action Aid, un'organizzazione internazionale indipendente impegnata nella lotta alle cause della povertà, denuncia l'immoralità della pratica suggerita dal colosso della consulenza che insegna ai clienti come risparmiare sulla pelle del Mozambico passando per le Mauritius. Che tristezza. Aggiungetevi il Sole24ore dal titolo ''Deloitte coinvolta nell'inchiesta Usa sul riciclaggio in Iran'' e la frittata è fatta. Se volete altre magagne vi basta leggerle. A farne le spese (cioè a vedersi sottrarre gettito) nazioni povere come il Mozambico. Il 50% della popolazione vive con circa 2 dollari al giorno e il welfare è una parola sconosciuta. Ma la Deloitte si adopera per togliergli gettito fiscale. Che tristezza vedere i nostri studenti alle prese con simili società. 
Le università italiane dovrebbero battersi con tutte le proprie forze contro i fenomeni di elusione fiscale, tax dodging, quelle attività che permettono alle multinazionali di bypassare il fisco locale grazie a paradisi fiscali. Ma hanno ancora l'autorevolezza per farlo o oppure sono diventate un caravanserraglio degli affari piuttosto che una lobby del pensiero che collabora con regimi autoritari? 
Prorettrice di Ca' Foscari, Silvia Burini, premia a domicilio il ministro di Putin.
L'Università Ca' Foscari Venezia con Carlo Carraro mitragliatrice di eventi è riuscita in una impresa senza eguali. Ha premiato a domicilio, spedendo in missione come fosse una postina una propria prorettrice, il ministro della cultura di Putin. Costui, dal profilo culturale agghiacciante,  ha copiato il 67% della propria laurea e non il 6% come Saif Gheddafi. Silvia Burini, la prorettrice, è evaporata puff subito dopo le sue dimissioni. Chi se la ricorda più. Burini chi?  Purtroppo quello che resta è l'immagine di Ca' Foscari severamente offuscata nei media. L'Ateneo guidato da Carlo Carraro sembrerebbe aver privilegiato operazioni di politica internazionale volti a riabilitare sullo scacchiere internazionale personaggi discutibili (cosiddetto soft power, abilità nel persuadere), a detrimento degli sforzi dei nostri studenti che raggiungono il traguardo della laurea solo grazie al duro sacrificio. Ma le vittime del soft power cafoscarino, sono anche coloro che stanno dall'altra parte e vedono una università presunta democratica venire a premiare i loro aguzzini. Carlo Carraro ha ammesso di aver ricevuto delle pressioni da parte dell'ambasciata a Mosca, la quale a sua volta ha smentito chiaramente le parole del rettore, e da parte di alcuni industriali veneti. Restano quindi le pressioni da parte di questi presunti industriali. Quindi Carlo Carraro ha indirettamente riconosciuto che l'Università Ca' Foscari non è libera, anzi l'istituzione pubblica viene pesantemente condizionata da qualcos'altro che è chiaramente un interesse privato. Un qualcosa di così potente da trasformare una dignitosa prorettrice in una postina kamikaze, prendi il volo e poi dai le dimissioni. Qualcuno in maniera sprovveduta o voluta ha coinvolto una istituzione pubblica in relazioni con personaggi impresentabili in una università a discapito dell' immagine di questa. Stiamo forse inseguendo il sogno leghista della politica estera veneta? 61 sedi di rappresentanza all'estero per la Regione Veneto con aumento della spesa pubblica. Oppure semplicemente quel volo a Mosca tanto in fondo lo paga la collettività e non di certo la prorettrice o Carlo Carraro di tasca loro? Porca miseria questa non è una favola. 

Sharing