Visualizzazione post con etichetta Into the Wild. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Into the Wild. Mostra tutti i post

domenica 17 agosto 2014

Michele Dallapiccola, il medico veterinario prestato alla 'politica' eccitato dalla caccia all'orsa coi cuccioli.

Michele Dallapiccola a destra.
« E’ un orso dannoso che va fermato, tra tenerlo tutta la vita in gabbia e farlo passare a miglior vita non so cosa sia meglio ». Così dolcemente e pacatamente si esprime sul Corriere l’assessore Michele Dallapiccola, laureato in Medicina veterinaria, alto esponente del Partito Autonomista Trentino Tirolese, e che attualmente ricopre in Trentino il ruolo di Assessore all’agricoltura, foreste, turismo e promozione, caccia e pesca.
Ce lo immaginiamo così, con la siringa in mano, pronto a far passare dolcemente e pacatamente a miglior vita gli orsi troppo 'selvatici'. Un esperto, lui che ha diretto il "Macello Pubblico Alta Valsugana" S.r.l. quale Amministratore Unico. Ed eccoci alla sventurata Daniza, l'orsa coi cuccioli, intrinsecamente colpevole di aver dato delle zampate ad un fungaiolo che si era nascosto dietro un albero per osservare la cucciolata. Uno scemo qualunque, penserete. No, sono questi i frangenti in cui i tanti Dallapiccola danno il meglio di sé. L'Italia tracolma di mezzuomini, i tanti Schettino, cellule dormienti pronte ad attivarsi per rovinare l'Italia e rovesciare l'ordine naturale delle cose. Quando l'ignoranza poi si laurea, eccovi l'iniezione letale. Vi basti leggere i tweet tra il sadico e l'eccitato di Michele Dallapiccola che rincorreva l'orsa Daniza: 


« Inverveniamo SUBITO », SUBITO in maiuscolo, in quanto l'orsa terrorista Daniza potrebbe farsi saltare in aria con il radiocollare in centro a Trento. « Operazioni di tutela delle persone »??? Ma siamo noi che dovremmo tutelarci da lei. Fermiamoci un secondo. Ci sono quattro orsi messi letteralmente in croce nel Trentino. Dire che son stressati, è dir poco. Portano il radiocollare, devono continuamente spostarsi per evitare la nostra morbosità, devono sopravvivere alle dichiarazioni di esponenti della Lega Nord e Forza Italia che vorrebbero abbatterliCome vi sentireste vivendo con un radiocollare e i Dallapiccola che ogni giorno vi analizzano la cacca, pronti ad accusarvi di essere troppo selvatici? L'assurda cattura di quest'orsa, non farà che stressarla ulteriormente. 
Uccidete Daniza. Daniza assassina. Rinchiudetela con 3 radiocollari sul collo. Sparatele tranquillanti. Oppure Dio ci scampi dai Dallapiccola? Liberi tutti, anche gli orsi.



lunedì 30 settembre 2013

Wales, I turn to you.

Me, in Wales 29-09-2013. Panorama Walk (Llangollen)
When the world is darker than I can understand.
When nothing turns out the way I planned.
When the sky turns grey and there's no end in sight.
When I can't sleep through the lonely night.

Wales, I turn to you. Like a flower leaning toward the sun.
I turn to you. 'Cos you're the only one.

lunedì 9 aprile 2012

Oltre confine, la New Forest.

Ho fotografato questo bellissimo pony nella New Forest (UK)
"Oltre confine, che cosa c'é, ci sará un posto fatto apposta per me, oltre il confine la libertá" canta Antonello Venditti in "Oltre il confine". Giá, la New Forest si trova oltre confine, in Gran Bretagna. Qui di seguito una selezione delle fotografie scattate. Questa immensa antica foresta é la piú grande estensione di boschi, prati e brughiere dopo le Highlands scozzesi. Vedrete, vedrete, che la sua caratteristica sono piccoli cavallini, ponies, che scorazzano finalmente liberi. Una avventura. Altra cosa, Lyndhurst, caratteristica cittadina,  merita una passeggiata.  Nominata foresta reale venne difesa nei secoli dei secoli da regole severissime allo scopo di mantenerla una intatta riserva di caccia per il sovrano. Un tribunale apposito (Verderers Court) é responsabile della tutela e della manutenzione della foresta. Una esperienza da ripetersi in Italia, dove i tribunali sono poco ancorati alla tutela della natura e del territorio.
New Forest (UK)

New Forest (UK)

New Forest (UK

New Forest (UK)

In esplorazione oltre confine.


Un pony un po' piú irriquieto degli altri. Nobile portamento.



I ponies pascolano nella New Forest (UK)

Verso il tramonto i ponies si raggruppano in pacifici branchi.

Gli occhi di un pony.

Knightwood Oak, quercia che si ritiene abbia piú di 400 anni a Lyndhurst.

sabato 17 marzo 2012

Pecoranera meglio se antagonista.

Devis Bonanni, una pecora nera che ha scritto "Africa".
Il 20 Aprile 2010 dedicai un post a Devis ed al suo progetto di Ecovillaggio. Trovandomi alla Marsilio Editori alla fine del 2010 pensai bene, sconfinando rispetto alle mansioni attribuitemi (quanto é bello sconfinare e quanto é triste e noioso replicare meramente le proprie mansioni senza creativitá), di proporre un progetto editoriale su questa storia che ora vede finalmente la luce in un libro intitolato "Pecoranera. Un ragazzo che ha scelto di vivere nella natura" con tanto di articolo del Corriere in pompa magna . All'epoca ricordo passai due notti a lavorare fervidamente su un file in powerpoint che doveva spaccare, volevo che fungesse da testa d'ariete e sfondasse la porta dell'Editore scettico e diffidente ai facili entusiasmi. Piú passano gli anni e piú mi rendo conto come dei piccoli gesti possono cambiare lo scorrere delle cose. In questo senso "Il favoloso mondo di Amélie" é un film da guardare. Pochi giorni or sono, ho scritto una lettera di encomio dedicata ad un professore di Inglese che a mio modo di vedere nel mio college a Cambridge si distingue per creativitá. Tra le altre cose scrissi: "Sometimes you can see the perfect teacher in a film (The Emperor's Club and Dead Poets Society for example), I think I have been lucky to have find him in the reality." Il giorno dopo lo stesso Professore dovendo scrivere delle frasi ipotetiche alla lavagna si é lasciato andare dalla commozione ed ha scritto la seguente frase che traduco direttamente: "Se non avessi ricevuto una lettera di incoraggiamento, oggi avrei dato le dimissioni". Mi é venuta la pella d'oca. Nel tuo piccolo il mondo si puó migliorare. Insomma, quando provi una emozione, quando senti che qualcosa va fatto, fallo e combatti con grinta.

martedì 15 novembre 2011

Un adolescente di terza età in giro per il mondo in moto Guzzi con il Toporso.


Si chiama Claudio Giovenzana, uno psicologo, fotografo e videomaker di professione. Ama definirsi un “adolescente di terza età” per vari motivi, uno forse è la sindrome di Peter Pan, incurabile anche se ha 33 anni, un’altro è perchè sta viaggiando in moto da 3 anni e 50.000 km con il suo compagno di avventura, un orsacchiotto, il Toporso. La strada lo porta da tante parti, conoscendo gente, fotografando, facendo video e scrivendo taccuini. A lui piacciono le storie delle persone, le leggende, la ricerca della felicità. A lui piace il profumo dell'avventura, la vita on the road, i grandi scrittori di viaggio. Il suo sito internet http://www.longwalk.it/

sabato 19 marzo 2011

Andrew Skurka a 29 anni è tra i trekker più veloci del pianeta: "Adventurer of the Year"

Andrew Skurka, Arctic National Wildlife Refuge, Brooks Range; August 2010
Andrew Skurka non è un ragazzo qualsiasi; 29 anni, istruzione di alto livello alla Duke University stava per rischiare di diventare uno dei tanti manager in un qualche triste ufficio di Wall Street quando, prendendo a morsi gli schemi classici della propria famiglia e rompendo i rapporti  (ricordate la storia di Chris McCandless?), ha scelto di abbracciare la natura, gli interminabili spazi incontaminati che gli procurano un senso irrefrenabile di felicità e libertà. Proprio la sua amata Madre Terra paradossalmente gli ha dato un vero lavoro e ora se lo contendono gli sponsor.

Andrew Skurka, Arctic National Wildlife Refuge, Brooks Range; August 2010
Potete constatare quanto detto visitando il suo sito internet in cui sono elencate tutte le sue avventure. In soli 176 giorni nel 2010 ha girato l'Alaska e varie catene montuose  dello Yukon, un viaggio di 7.530 chilometri a piedi, sugli sci, in zattera, attraversando otto parchi nazionali. Ciò vuol dire che conosce quel territorio meglio del politico che lo deve amministrare! In questo ultimo viaggio ha trascorso anche 24 giorni senza incontrare un essere umano, affrontando temperature fino a meno 33 gradi. Ha fatto l'autostop per andarsi a rifornire di cibo nei villaggi. Giusto per rendere l'idea, al mattino doveva infilare i piedi negli scarponi ghiacciati, perchè in simili situazioni si congela proprio tutto. I piedi quasi sempre inzuppati perchè, come tutti i trekker sanno, quando il piede sprofonda nella neve per troppo tempo, non c'è attrezzatura che tenga.

Andrew Skurka, Arctic National Wildlife Refuge, Brooks Range; August 2010
In simili viaggi, si conosce un rigido regime alimentare (pasta disidratata, carne secca, come premio  M&M's). Puoi essere privato del sonno e conoscere momenti di completo sconforto. Andrew Skurka non è però un trekker improvvisato. Negli ultimi nove anni ha percorso una cosa come 40.200 chilometri (ha attraversato il West Americano nel 2007 e percorso la Route Sea-to-Sea nel 2009, il sentiero degli Appalanchi) e a 29 anni è ritenuto uno tra i trekker più veloci ed esperti al mondo; si è distinto infatti per una straordinaria resistenza fisica dovuta ad una intensa preparazione.

Andrew Skurka, Grand Canyon National Park; March 2009
Andrew è conosciuto per la sua velocità. Va veloce il ragazzo. Movimenti veloci e leggeri che gli permettono di percorrere decine di chilometri in un giorno, raggiungendo delle medie da superoe. Il ragazzo si è visto riconoscere l'epiteto di "Adventurer of the Year" dal National Geographic che gli ha dedicato un ampio reportage ed hanno parlato di lui tra gli altri, il New York Times, The Wall Street Journal, Fox News Channel, National Public Radio, National Geographic Adventure, Men's Journal. Non è tutto; è anche uno scrittore e per il 2011 offre la possibilità di partecipare a delle escursioni che lo vedono come guida  nei suoi paesaggi preferiti: High Sierra, the Greater Yellowstone Ecosystem, the Colorado Plateau, Colorado Rockies, and Alaska.

Andrew Skurka, Kenai Fjords National Park; June 2009

Andrew Skurka, Chugach Mountains; July 2009

 National Geographic gli ha dedicato un ampio reportage

Se le foto riportate incantano per la loro bellezza, guardate la pianta bluastra dei piedi di Andrew Skurka  per intuire la fatica.
La canzone preferita da Andrew Skurka: "Dancing Queen" degli Abba

Andrew Skurka in azione in un video.

venerdì 7 gennaio 2011

Angelo Calianno: "L'uomo bianco che mentiva nel Paese più ospitale della Terra"


Angelo Calianno nel villaggio di Niafunké, nel Mali in Africa. Classe 1979, profondo conoscitore del continente nero, fin dall'età di 18 anni ha attraversato  in lungo ed in largo paesi africani quali il Botswana, Zimbawe, Zambia, Sud Africa, Gambia, Guinea, Sierra Leone, Tunisia, Marocco, Mali, Algeria; in medioriente il Kurdistan, Palestina, Israele, Syria, Libano ed in Sud America l’Argentina, Cile e Bolivia. L’Europa ovviamente se l’era bevuta già a colazione. Lavora come tour director e contemporaneamente scrive come freelance per Peace Reporter. Notevole il suo reportage da una terra maledetta "Lettere dalla Palestina" ed il racconto di una avventura in solitaria nel parco del Matese, completamente immerso nella natura.  

Il racconto che segue è stato scritto da Angelo Calianno ed è stato ritenuto meritevole di pubblicazione dai docenti della Scuola del viaggio e quindi pubblicato nel 2010 nel libro "Partire" edito da A. Vallardi.
Da dove vieni?
Sierra Leone…
Sierra Leone? E cosa facevi lì? Perché hai scelto quel posto? Quanto tempo ci sei stato?
Dovresti vederla, l’Africa, risposi.

Due mesi prima.
Conoscevo il mondo, o almeno pensavo di conoscerne parte di esso.
Avevo visto già molti paesi Africani, ero stato presente durante la guerra civile in Zimbabwe, avevo attraversato le distese della savana del Botswana, partecipato alle sommosse campesine in Bolivia, ero in quella fase dell’esistenza, in cui pensi che il tuo posto sia solo in viaggio. Ero in quel momento in cui, ci si sente come un satellite, in cui si può essere qualsiasi tipo di persona, purché non complice delle malefatte del mondo.
Eppure nessuna delle esperienze precedenti mi avrebbe preparato alla Sierra Leone, io non so se un viaggio possa davvero portare alla maturità o possa cambiare la vita. Non credo che le persone cambino davvero mai. Ma so che esistono paesi i quali  risvegliano parti di noi assopite o troppo represse, esistono persone che con la loro esistenza, diventano i nostri maestri più importanti.
In Sierra Leone ci arrivai per caso, ero in Gambia quando, l’incontro con un contrabbandiere di diamanti ed un ex capitano della SAS inglese, che guidava elicotteri per una compagnia di estrazione mineraria, mi incuriosirono su questo paese.
Che fine aveva fatto la Sierra Leone dopo la guerra che per 10 anni l’aveva dilaniata? Perché era sparita dai satelliti dell’informazione?
Tutte domande irresistibili, che si mischiano ai racconti magici e suggestivi dei sierraleonesi lontani da casa, che vorrebbero tanto tornarci.
“Benvenuti nel paese più ospitale del mondo”, un murale al porto di Freetown mi accolse così. Quale disegno c’è nella povertà? Nella disgrazia? Chi decide quali posti devono essere tormentati da guerre e carestie mentre gli altri si godono la bella vita? In Africa questo accento è più marcato, perché le enormi ricchezze e bellezze della terra, si accompagnano quasi sempre a guerre intestine causate dall’avidità occidentale.
La Sierra Leone con i 30,000 mutilati, ne è solo un esempio.
“Io sono stato fortunato, mi hanno tagliato solo una mano” racconta Samiel parlando del periodo in cui c’erano i ribelli del RUF. “Mi hanno detto, hai la faccia simpatica, ti toglieremo solo la mano o un piede, a molti amici è andata peggio, e allora gli veniva tolto un braccio e una gamba a colpi di machete”.
Questa è solo una delle storie del paese più ospitale del mondo. Raccontata da Samiel e dai suoi amici con una naturalezza impressionante. Sono storie che farebbero tremare il più cinico dei cuori, immagini che farebbero finire il cielo dall’altro capo del mondo, se non fossimo in Africa.
Dopo alcuni giorni nella capitale Freetown, decido di ripartire, addentrarmi verso est, verso il confine con la Guinea.
Il viaggio, splendido quanto duro, su logore panche di legno messe come sedili in un vecchio scuolabus inglese, ci portò tra frutta e noccioline all’altro capo della nazione, dove l’umidità delle foreste si fa opprimente, dove l’unico uomo bianco che si intravede è qualche missionario, dove la gente ha bisogno di fermarti la mattina al mercato, per raccontarti la sua storia.
“Ho viaggiato molto nella mia vita: Senegal, Marocco, ho studiato anche l’arabo a Taroudant, ma nessun posto è come Kabala”. Kabala è una città vicino al confine con la Guinea, dove la terra rossa Africana si mischia con i cieli puliti senza elettricità ed il verde delle foreste.
La frutta è più fresca, la persone passano i pomeriggi a chiacchierare, sorseggiando un imbevibile intruglio, distillato di foglie di palma, e fumando al fresco, nelle ore più calde.
Kabala sembrava il posto migliore per ripararmi dai troppi racconti di guerra e mutilazioni, caduti sulle mie piccole spalle da europeo.
Ma i racconti non hanno una pausa, hanno un luogo e un momento ben preciso, questo era quel momento, che io fossi pronto o meno. Ma i racconti non fanno pausa, hanno un luogo e un momento ben preciso per arrivare: questo era il momento, che io fossi pronto oppure no. “I caschi blu dell’Onu, che in teoria avrebbero dovuto difenderci, qui venivano dal Bangladesh, nazione più povera al mondo allora e preceduta solo…dalla Sierra Leone. I soldati quando arrivarono con la loro politica di non intervento, si limitarono a guardare quello che i ribelli del Ruf facevano a questa gente. Loro se ne stavano al riposo nella nostra casa, violentando le donne e facendo razzia dei cibi che trovavano. Ma il decidere di non intervenire, non è già una presa di posizione ben precisa?". Questo mi racconta uno dei padri missionari da 25 anni in Sierra Leone.
La sera ogni tanto portava un vento fresco che veniva da chissà dove fino a qui, lontano dal mare e dalle montagne. Si vedevano poche luci durante le mie passeggiate notturne, erano bagliori di piccoli cellulari di alcuni ragazzi, che servivano ad illuminare un po’ la strada. Ogni tanto si diffondeva una musica di una radiolina a batterie, unico mezzo di connessione con un mondo che ha dimenticato alcune delle sue terre, o se ne ricorda solo nel momento del bisogno.
Un predicatore a Freetown rivolgendosi ad alcuni bianchi disse:
“E voi che pensate di essere al sicuro, arriverà il vostro momento! Perché un giorno il vostro mondo finirà, e quando avrete perso le vostre comodità e non saprete più come fare, verrete a farvi insegnare la sopravvivenza da noi, che in queste condizioni abbiamo sempre vissuto. E allora forse potremo essere fratelli, oppure ancora una volta, ve ne andrete, non lasciando altro che morti e terra bruciata, perché, l’uomo bianco mente”.
L’uomo bianco mente, questa frase non l’ho più dimenticata.
In pochi gironi a Kabala diventai una specie di personaggio. Mentre giravo per il mercato la gente mi fermava per chiedermi una chiacchierata, informazioni sull’Italia, qualche tiro con il pallone, per bere un distillato di vino di palma, alcolicissimo, non certo la bibita ideale con 40 gradi all’ombra e l’80 % di umidità.
Diventai così famoso che, in occasione di una gara di atletica, consegnai io i premi.
Con affetto Kabala mi strinse nel suo cuore, i padri missionari mi offrivano pranzi gustosi con cibi africani cucinati all’Italiana, i ragazzi giocavano a calcio; chi era stato meno fortunato durante la guerra e aveva perso una gamba o un braccio, mi raccontava la sua storia, facendosi spingere la rudimentale sedia a rotelle di legno su per un’altura di sabbia.
Una delle principali regole tra viaggiatori dice di lasciare un luogo nel momento in cui ci si affeziona troppo. Perché quel posto potrebbe non lasciarci partire mai più, e le cose da fare ed i posti da vedere erano e sono ancora troppi.
Il momento di lasciare Kabala era arrivato. Lo feci mettendomi in una macchina con altre 7 persone, anche se ne poteva contenere solo 4. Lo feci alla mia maniera, all’alba, non guardando i visi di chi mi salutava, facendo un inchino al luogo che mi ha accolto, uscendo di scena, almeno per il momento.
Il viaggio diventò un’altra splendida avventura: la macchina si rompe, in soccorso venne un mercante che vendeva qualsiasi cosa: dall’oro ai diamanti, dalle batterie per telefoni cellulari alla benzina.
“E tu che ci fai qui? Diamanti? Ne vuoi portare qualcuno in Europa?"
“No, sa, non vorrei avere problemi in aeroporto.”
“Con me non ne avrai, e poi ti basta pagare qualcosa.”
Ovviamente rifiutai.
I miei due mesi in Sierra Leone non si possono riassumere facilmente: le persone incontrate, le storie raccontate. Ma i miei due mesi in Sierra Leone non mi hanno reso una persona migliore. Quelle storie e quei racconti mi hanno bastonato e mi hanno lasciato amore per le persone e molti dubbi. Perché spremere una terra, usurpandola fino a quando non ci sarà più niente da estrarre?
Avrei dovuto scrivere di un viaggio che mi ha dato la maturità, maturità che non credo di aver raggiunto nemmeno dopo tutte le altre piccole grandi imprese affrontate.
Quello che però l’ Africa ci può insegnare è essere sempre gentili con il prossimo, con gli stranieri; il modo in cui venni e vengo trattato in ogni singola spedizione è qualcosa che avevamo ed abbiamo dimenticato, una benedizione che cerco di meritarmi nella vita di tutti i giorni, essendo sempre e comunque in debito verso quei luoghi.
E se mai ci saranno strade e pozioni magiche ingurgitate sotto forma di alcool o cibi esotici che ricorderò, questi saranno sicuramente quelli della Sierra Leone, “il paese più ospitale del mondo”.
“E tu”, come mi disse mister J prima di partire, “Torna a casa, racconta che la guerra è finita, racconta quanto è bella la Sierra Leone e quanto è ospitale la sua gente. Va tra la tua gente e racconta queste cose.”

Due mesi dopo all’aeroporto di Bruxelles ero l’unico ad avere addosso colori diversi, che non fossero il grigio o il nero. O forse i colori c’erano, ma dopo quelli africani, io non li vedevo più.
Una ragazza seduta accanto mi chiese: "Sierra Leone? E cosa facevi lì? Perché hai scelto quel posto? Quanto tempo ci sei stato?"
"Dovresti vederla, l’Africa", risposi, "e se riesci a passare con lo spirito intatto i primi tempi, te ne innamorerai, e vivrai le impressioni che credevi di conoscere, ripescate in una vita antica che non conoscevi. Imparerai ad essere amata ed amare un luogo come non pensavi di poter mai fare, e persino casa tua, al tuo ritorno, avrà un aspetto migliore. E dopo qualche tempo, la dimenticherai o proverai a reprimere il suo ricordo, perché troppo forte sarebbe la voglia di tornare, la voglia di mollare tutto e ripartire. Spaventosa questa voglia. Ti farebbe mentire a te stessa dicendoti che forse stai bene così, perché non c’è niente che ti manca, perché in fondo…l’uomo bianco mente.

Angelo Calianno 
 
Il racconto che segue è stato scritto da Angelo Calianno ed è stato pubblicato nel 2010 nel libro "Partire" edito da A. Vallardi.

mercoledì 20 ottobre 2010

domenica 16 maggio 2010

Walden: andai nei boschi perché volevo vivere con saggezza e in profondità


Copertina del libro "Walden": è possibile leggere il libro a questo link

Il libro che mi accingo a leggere con entusiasmo, Walden, è ritenuto uno dei primi romanzi ecologici ed ha influenzato il pensiero ecologico contemporaneo. Fu scritto quasi interamente durante il soggiorno di H. D. Thoreau in una capanna, costruita in gran parte da solo, sulle sponde del lago Walden che si trova vicino alla cittadina di Concord (Massachusetts), USA.

Walden, ovvero La vita nei boschi, è il resoconto dell'avventura dell'autore, Henry David Thoreau, che dedicò ben due anni (1845-1847) della propria vita nel cercare un rapporto intimo con la natura e insieme ritrovare sé stesso in una società che non rappresentava ai suoi occhi i veri valori da seguire, ma solo l'utile mercantile.

La cappanna ricostruita.
Il suo è stato un esperimento, il suo obiettivo era quello di voler cercare la conciliazione dell'artista nel mondo naturale grazie all'ottimismo del vedere l'uomo come artefice del proprio destino e come essere dipendente da sensazioni ed emozioni. Il bosco diventa, luogo dell’anima e della contemplazione.
La sua è stata una prova di sopravvivenza ed insieme una testimonianza all'umanità: l'uomo riesce a vivere anche in condizioni di povertà materiale, e anzi, da queste può trarre una maggior felicità imparando ad apprezzare maggiormente le piccole cose.

"Andai nei boschi perché volevo vivere con saggezza e in profondità e succhiare tutto il midollo della vita, sbaragliare tutto ciò che non era vita e non scoprire in punto di morte che non ero vissuto." (Henry David Thoreau, Walden)

martedì 20 aprile 2010

Un altro mondo è possibile fuori dal gregge: cercasi amici contadini

http://www.progettopecoranera.it/ ©  Progetto Pecora Nera

PECORA NERA è un progetto per coltivare la terra insieme, collaborando con la natura e dividendo equamente il frutto del lavoro comune. Attualmente coltiviamo terreni per circa mezzo ettaro e la nostra direzione è raggiungere l'autosufficenza alimentare, così da ridurre la nostra impronta ecologica sul pianeta. Vogliamo coinvolgere altre persone nel nostro progetto, a diversi livelli di partecipazione, secondo le possibilità di ognuno.

http://www.progettopecoranera.it/ © Progetto Pecora Nera
Devis nella foto si chiede "vale la pena oggi di guadagnarsi il pane facendo il contadino? in questi anni sono passato da momenti di entusiasmo a giorni di disillusione. Da par mio, ho verificato cosa significhi produrre e vendere cibo. Sono orgoglioso che i miei pomodori siano considerati squisiti e che, di bocca in bocca, arrivino persone da altri paesi per rifornirsi da me." Devis torna nel campo e rimugina tutto il pomeriggio. Zappata-congettura-zappata-ipotesi-zappata-arringa-zappata-calcolo e così via per ore...


Devis con il suo temibile gallo Achille © Progetto Pecora Nera

Devis, che sogna il trattore e per giocattoli ha dei "semi", ci racconta tanti piccoli segreti nel suo blog; ci rammenta di come un tempo il maiale fosse l'animale "ammortizzatore alimentare"  che faceva la differenza tra mangiare e morire di fame. Nel suo blog apprendo di una "agricoltura del non fare", in cui non bisogna arare il terreno e minimizzare il più possibile gli interventi dell'Uomo, che si limita ad accompagnare un processo largamente gestito dalla Natura, entrando in competizione con le tecniche agricole tradizionali e moderne.
Le sfide © Progetto Pecora Nera
Devis, in stile Chris Mccandless, nel Marzo 2010 è partito dal Friuli ed ha pedalato per 7 ore al giorno raggiungendo la Sicilia © Progetto Pecora Nera
Sognando l'Africa. © Progetto Pecora Nera
Devis on the road © Progetto Pecora Nera
Il blog di Devis mi ha lasciato senza parole. Son rimasto stupefatto. Non avrei mai pensato che un giovane potesse essere detentore di così tanti segreti sulla natura e sulla vita. Devis parla un altro linguaggio...ci parla di Ecovillaggi, piccole comunità rurali o urbane che integrano una struttura sociale basata sulla solidarietà con attività pratiche legate alla progettazione ecologica. Una pecora fuori dal gregge.

Devis campeggia tra gli ulivi © Progetto Pecora Nera

Condivido con Devis la medesima tensione verso la natura e verso la terra, l'attenzione al paesaggio e all' ambiente, il ribollire sanguigno delle emozioni e la loro condivisione; la tentazione dell'avventura e dell'esplorazione alla ricerca di conoscenza e virtù. C'è una differenza però sostanziale che invidio a Devis. Lui la terra l'ha lavorata veramente. Ma la vita è un dono meraviglioso proprio perchè quando meno te lo aspetti, quando ti guardi le mani e non vedi dei calli sapienti, qualcuno ti porge la falce ed il martello.

L'autosufficienza © Progetto Pecora Nera
Cercasi amici contadini..da metà aprile a fine maggio Devis ha pensato ad un periodo di scambio ospitalità-lavoro. Si alloggia in una casa molto spaziosa ed indipendente, si consuma in compagnia cibo di sua produzione. Il lavoro non richiede particolari abilità o predisposizione fisica, cerchiamo sempre di variare le attività per rendere l'esperienza il più significativa possibile. Si lavora intensamente la mattina e al pomeriggio si è liberi di passeggiare e riposare. Per ragioni pratiche la permanenza minima, per le persone che vengono da fuori e non sono mai state a pecora nera, è di cinque giorni. Chi già ci conosce può anche venire in giornata o per un weekend. Per passare qualche giorno da Devis l'indirizzo è info@progettopecoranera.it  

PROGETTO PECORA NERA
http://www.progettopecoranera.it/

venerdì 18 aprile 2008

Una storia vera, un viaggio nella natura alla ricerca della libertà assoluta: nelle Terre Estreme con Chris McCandless



Non è poi così inconsueto che un giovane si lanci in un'impresa considerata incauta dai più vecchi. Nella nostra cultura, non meno che in altre, l'esporsi al rischio costituisce una sorta di rito di passaggio. Il pericolo ha sempre esercitato un certo fascino. Sostanzialmente è questo il motivo per cui gli adolescenti guidano troppo veloce, bevono troppo e prendono troppe droghe, ed è questo il motivo per cui le nazioni sono sempre riuscite a reclutare ragazzi per le loro guerre.

Devils Thumb in Alaska: un'intrusione di diorite che il lavorio di antichi ghiacciai ha trasformato in una torre di immense e spettacolari proporzioni. Una delle vette al mondo più difficili da scalare. La montagna ha un aspetto particolarmente sinistro: un'enorme pinna di pietra sfaldata, scura e maculata di ghiaccio. (l'autore del libro "Nelle Terre Estreme" Jon Krakauer, la scalerà a 23 anni. Per il racconto dell'impresa vedi Jonathan Krakauer, Eiger Dreams, Anchor, 1997)

Ecco un passaggio della scalata di Jon Krakauer:
A tenermi attaccato alla montagna, a tenermi attaccato al mondo, erano soltanto due sottili chiodi di molibdeno al cromo piantati in un centimetro di acqua congelata. Eppure più mi arrampicavo, più mi sentivo a mio agio. Al principio di ogni scalata, specialmente se solitaria, senti costantemente il richiamo dell'abisso alle spalle, e per resistere devi compiere uno sforzo tremendo e consapevole, non puoi permetterti di abbassare la guardia un solo istante. Il vuoto, col suo canto di sirena, ti fa salire i nervi a fior di pelle, rende i movimenti incerti, goffi, scoordinati. Ma proseguendo la scalata, ti abitui all'esposizione, a stare gomito a gomito col destino, finisci per credere nell'affidabilità delle tue mani, dei tuoi piedi, della tua testa, finisci per fidarti del tuo autocontrollo. [...] un'rresistibile chiarezza di propositi [...] ritmo lento e ipnotio - piccozza, piccozza, rampone, piccozza, piccozza

La foto in alto ed in basso mostra il Cerro Torre, che furono scalate da Jon Krakauer, l'autore di "Nelle Terre estreme". Il medesimo scrittore nel libro "Aria Sottile", racconterà di una sua partecipazione ad una spedizione sull'Everest dove una tempesta colse di sorpresa gli alpinisti uccidendone nove.
Il Cerro Torre è una delle più spettacolari cime del Campo de Hielo Sur, è situato in una regione contesa fra Argentina e Cile, a ovest del Fitz Roy (o Cerro Chalten). La vetta del Cerro Torre è considerata fra le più inaccessibili del mondo perché, qualunque via si scelga, bisogna affrontare almeno 800 metri di parete granitica, per arrivare ad una cima perennemente ricoperta da un "fungo" di ghiaccio. Inoltre le condizione climatiche e meteorologiche della regione sono particolarmente sfavorevoli.

Una società di costruzioni, la Yutan Construction, al fine di costruire la Stampede Trail, la strada che Chris McCandless seguì per addentrarsi nella foresta, acquistò tre vecchi autobus (modello International Harvester degli anni '40), li fornì di cuccette e stufe rudimentali, per ospitare gli operai durante i lavori. Successivamente visto il fallimento del progetto, la strada tornò ad essere impraticabile a causa del permafrost in disgelo e delle inondazioni stagionali, due autobus furono riportati indietro, mentre il terzo, presso il quale troverà rifugio e la morte Chris McCandless, rimase a metà sentiero per offrire rifugio ai cacciatori. Il bus, che tuttora giace arruginito nella radura accanto allo Stampede Trail, ha il motore ovviamente guasto, parecchi finestrini sono rotti o mancano del tutto. La vernice verde e bianca è completamente ossidata e una scritta ormai sbiadita, ma che che si può leggere ancora nella foto qui riportata, indica che un tempo il vecchio autobus apparteneva al trasporto cittadino di Fairbanks, era il numero 142.

ON LOCATION: il regista Sean Penn (a sinistra) e lo scrittore Jon Krakauer di fronte al bus che Chris McCandless usò come campo base e dove purtroppo troverà la morte, a cui indagò la Alaska State Troopers, la polizia di stato. Viluppi di epilobio soffocano gli abitacoli delle ruote e s'insinuano oltre gli assi. Il 142 di Fairbanks è parcheggiato accanto a pioppi tremoli e a una decina di metri dalla cima di una modesta altura, una lingua di terra elevata che sovrasta la confluenza del fiume Sashana e di un affluente più piccolo. L'ambiente è piacevole, aperto e pieno di luce. E' facile capire perchè McCandless ne abbia fatto il proprio campo base. Anche il padre di Chris visitando l'autobus ebbe a dire "Riesco a capire cosa possa aver attratto Chris". Intorno al veicolo sono sparpagliate centinaia di ossicini e migliaia di aculeidi porcospino, resti della piccola selvaggina che costituiva il grosso della dieta di McCandless. A margine di quest'ossario giace uno scheletro più imponente, quello dell'alce che il ragazzo aveva ucciso per poi tormentarsi di rimorso.

Chris McCandless all'interno dell'autobus su un pannello di compensato scrisse, firmandosi Alexander Supertramp Maggio 1992: "Da due anni cammina per il mondo. Niente telefono, niente biliardo, niente animali, niente sigarette. Il massino della libertà. Un estremista. Un viaggiatore esteta la cui dimora è la strada. Scappato da Atlanta. mai dovrai fare ritorno perchè the west is the best. E adesso, dopo due anni a zonzo, arriva la grande avventura finale. La battaglia climatica per uccidere l'essere falso dentro di lui e concludere vittoriosamente il pellegrinaggio spirituale. Dieci giorni e dieci notti di treni merci e autostop lo hanno portato fino al grande bianco del Nord. Per non essere più avvelenato dalla civiltà, egli sfugge, e solo cammina sulla terra per smarrirsi nella foresta"


Christopher Mccandless, era un giovane di 24 anni, quando morì di stenti nelle sperdute terre dell'Alaska. Ha lasciato come testamento questa istantanea, una fotografia ottenuta con l'autoscatto, con la quale bisogna confrontarsi; le gambe accavallate ed una postura rilassata, una camicia di lana spessa o flanella a quadri, gli stivali, la barba incolta ed i capelli disordinati del viaggiatore, l'espressione serena, un sorriso eterno di chi guarda alla macchina fotografica con l'intenzione di lasciare un ricordo sereno; quante volte si indossiamo vestiti scargianti per attirare l'attenzione, colori spesso ottenuti attraverso processi chimici di lavorazione industriale?
Eppure i colori tenui della terra che indossava Mccandless, attirano per la loro semplicità e si confondono perfettamente con il contesto ambientale in cui si trovava, compreso quel bus 142, che per tanti giorni lo ha riparato dal freddo e dalle tormente di neve. Christopher Mccandless, cercava a tal punto di confondersi con Madre Natura, di mimetizzarsi, di essere un tutt'uno, che ha pagato con la vita, diventando cenere e ritornando polvere. Chris aveva ereditato i lineamenti angelici della madre, soprattutto gli occhi, le cui scure profondità rivelavano ogni emozione.
Davanti a questa fotografia, ogni coscienza si confronta volente o meno con i temi ancestrali della libertà dell'essere umano e della sua autenticità; quante persone in carriera, dal dirigente all'operaio sono tanto infelici tanto più sono permeati dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo; certo quest'ultimi sembrano assicurare una pace dello spirito, una agiatezza, che sono però il principio della fine. La vita scorre. Christopher, complice la giovane età e sicuramente una sensibilità rara, non ha accettato il compromesso, che una società come la nostra ormai pretende ed impone, non ha permesso al compromesso di annientarlo, ma ha portato fino agli estremi il pensiero spartano per il quale, i soldi, le comodità, le agiatezze, indeboliscono e rendono impuro l'uomo.
L'autore del libro, Jon Krakauer, visitando l'autobus vi troverà una serie di oggetti che appartenevano a Chris: una borraccia di plastica verde, una minuscola bottiglia di pastiglie per purificare l'acqua, un cilindro consumato di Chap Stick, un paio di pantoloni imbottiti, un'edizione tascabile di O Jerusalem! con il dorso spaccato, guantoni di lana, una bottiglia di repellente per gli insetti Muskol, una scatola di fiammiferi piena, un paio di stivali da lavoro in plastica marrone col nome di Gallien scritto in pallido inchiostro nero sul risvolto (Gallien fu un uomo che gli diede un passaggio e gli regalò degli stivali), un fodero in pelle decorato dalle iniziali R. F. (l'involucro del machete che Ronald Franz diede al giovane), lo spazzolino da denti blu, una scatole di filo interdentale e la capsula d'oro del molare che stando al diario, si sarebbe staccata dal dente dopo tre settimane dall'arrivo. Lo scrittore inoltre trovò due paia di frusti Levi's; uno dei due è rattoppato alla bell'e meglio con nastro adesivo grigio per tubi, sull'altro sono state accuratamente cucite sulle ginocchia e sul sedere pezze di vecchia coperta. Quest'ultimo paio portava anche una cintura ricavata da una striscia di lenzuolo, testimonianza di quando Chris dimagrendo, si sarà trovato a perdere i pantaloni. Gli stessi oggetti che ritroveranno i genitori di Chris quando 10 mesi dopo la morte, decideranno di visitare l'autobus. La madre si sedette sul materasso sui cui era morto il figlio. Il padre sistemò una lapide appena dietro la porta, una semplice placca d'ottone con poche parole commemorative.

Lapide.
Northern view of Denali (Mt. McKinley) and tundra from Stampede Trailhead - Fall 1999. Chris McCandless imparerà a suo spese che, malgrado l'intuito suggerisca il contrario, è l'inverno, e non l'estate, la stagione migliore per avventurarsi a piedi nella foresta, in quanto il terreno in disgelo si trasforma in una tortura di muskeg paludoso e ontano impenetrabile.

Una sezione della fredda Stampede Trail, la strada che condusse Chris McCandless nella foresta. Macchie di ontani e da venature di abeti striminziti. Territorio ondulato e tortuoso. All'estremità dello Stampede Trail, girano parecchi sciatori, appassionati di motoslitte e slitte trainate da cani, ma soltanto fino a marzo o al principio di aprile, quando il ghiaccio sui fiumi comincia a rompersi

L'autobus non è semplice da raggiungere perchè lo Stampede Trail viene tagliato dal Teklanika, un fiume rapido e gelato, e la prospettiva di guadare questo torrente latteo spinge gran parte delle persone a fare dietrofront.
Lo Stampede Trail, la strada che Chris McCandless seguì per addentrarsi nella foresta, si snoda su questo territorio ondulato e tortuoso.
La fotografia sopra e sotto è il fiume Teklanika, che impedirà a Chris il 5 luglio del 1992 di tornare nella civiltà. Quando sessantasette giorni prima aveva guadato il fiume nel rigido clima primaverile, si era trovato di fronte un gelido ma tranquillo corso d'acqua alto fino al ginocchio, ed era bastato passeggiare fino alla riva opposta. Il 5 luglio invece, il Teklanika scorreva freddo e rapido a piena portata, gonfiato dalle pioggie e dal disgelo dei ghiacciai della Catena d'Alaska. L'acqua, resa opaca dai sedimenti glaciali e più calda soltanto di qualche grado rispetto al ghiaccio da cui derivava, aveva il colore del cemento umido. Troppo profondada guadare, emetteva lo stesso suono roboante di un treno merci e in pochi secondi la portentosa corrente avrebbe fatto perdere l'equilibrio al ragazzo e se lo sarebbe portato via.
Fiume Teklanika. Nella bella stagione sono davvero poche le persone che attraversano il Teklanika, gran parte del percorso è indefinito e ricoperto di vegetazione. Subito dopo il fiume, il sentiero curva a sudovest, risalendo il letto di un rapido ruscello e poichè i castori attraverso il ruscello hanno costruito una fitta rete di dighe, il sentiero sbuca direttamente nel mezzo di un'estensione d'acqua grande dodicimila metri quadrati.


Bus's coordinates should be these: ( 63°51′36.13″N, 149°24′50.62″W).

Chris era piccolo e miope, motivo per cui portava occhiali con montatura in metallo. Un gran lavoratore, secondo questa testimonianza "Lavorava sodo, come mai avevo visto in vita mia. Non importava di cosa si trattasse, lui lo faceva e basta: lavoro fisico pesante, togliere il grano marcio o i topi morti dal fondo di un buco, lavoro che ti sporchi così tanto che alla fine della giornata non sai nemmeno più a cosa assomigli. E mai ha lasciato un lavoro a metà: se iniziava qualcosa, doveva finirlo a tutti i costi, sembrava quasi una questione morale. Alex era la classica persona che definiemo "moralmente responsabile". Era abbastanza severo con se stesso."
Chris McCandless, in una foto vera posa con un porcospino in un autoscatto. (Courtesy Of Mccandless Family -- Villard Books Via Associated Press). McCandless aveva sempre avuto un atteggiamento ambivalente verso l'uccisione di animali. Ebbe non pochi rimorsi infatti quando abbattè un alce ed ebbe a dire nel suo diario "Vorrei non aver mai ammazzato l'alce. Una delle più grandi tragedie della mia vita".

Quello che segue è un passaggio evidenziato in uno dei libri rinvenuti con la salma di Chris McCandless:

"Volevo il movimento, non un'esistenza quieta. Volevo l'emozione, il pericolo, la possibilità di sacrificare qualcosa al mio amore. Avvertivo dentro di me una sovrabbondanza di energia che non trovava sfogo in una vita tranquilla." LEV TOLSOTJ, La Felicità familiare

Christopher Johnson McCandless se la prese molto quando i genitori dopo la laurea espressero il desiderio di compragli una macchina nuova. La sua auto era in ottimo stato, aveva ribattuto: una Datsun b210 del 1982 a cui teneva molto, essendo un acquisto dell'ultimo anno di liceo. Centoventottomila chilometri e qualche ammaccatura ma meccanicamente perfetta.


Quella di Chris era di colore giallo e aveva preso l'abitudine di usarla nei lunghi viaggi solitari delle vacanze scolastiche. Chris fu costretto ad abbandonarla, non prima di averla privata della targa e di averla nascosta come meglio poteva con una tela cerata marrone (non voleva che la famiglia fosse informata), dopo che una inondazione la travolse. Chris McCandless, ignorando i cartelli che indicavano l'assoluto divieto di guidare fuori strada a causa del pericolo delle inondazioni improvvise (per maggiori informazioni http://www.nps.gov), si era accampato infatto vicino ad un alveo in secca, dove l'auto fu travolta da un'ondata di acqua marrone, non forte al punto da procurare danni permanenti, ma abbastanza per metterla momentaneamente fuori d'uso.), che vi ritrovarono dentro una chitarra Gianini (la chitarra che la madre di Chris usava per suonare le ninne nanne per calmare il figlio Chris), un tegame contenente 4 dollari e 93 cent in spiccioli, un pallone da football, un sacchetto dell'immondizia pieno di vecchi indumenti, una canna da pesca con relativa attrezzatura, un rasoio elettrico nuovo, un'armonica a bocca, i cavi della batteria, una decina di kg di riso e, nel vano portaoggetti, le chiavi. Un Ranger riuscì a far partire il motore dopo aver caricato la batteria, e incredibilmente dopo aver constatato che "quell'auto andava come un razzo", la Datsun b210 di Chris venne usata con successo per combattere il traffico di droga.

Nello Zaino di Chris, c'erano libri di scrittori quali Thoreau, Tolstoj e Gogol, Michael Crichton (di questi lesse "Il terminale uomo", Robert Pirsig, Louis L'Amour. Ma quali sono quindi le persone al cui pensiero Chris ha attinto? A chi si ispirava quando, dopo aver abbandonato l'auto fuori uso, bruciò il proprio denaro, un patetico mazzetto di banconote, 123 dollari? Sicuramente Henry David Thoreau e Ralph Waldo Emerson , Tolstoj e Jack London. I primi due filosofi, considerati tra le menti filosofiche più sottovalutate che l'America abbia prodotto, incitavano uno stile di vita in profondo contatto con la natura. Per quanto concerne Tolstoj, così si espresse Chris in una lettera ad un ragazzo che nel corso dei suoi viaggi lo aveva aiutato: "[...] Spero ti abbia portato il libro, perchè Wayne, credimi, dovresti veramente leggere Guerra e pace. Quando ti dissi che hai uno dei caratteri più nobili fra quelli che ho conosciuto, ne ero davvero convinto. E' un libro straordinario e fortemente simbolico, ci sono cose che penso tu capirai, cose che sfuggono a gran parte della gente. Tornando a me, ho deciso che per un po' farò questa vita. Non mi riesce di rinunciare a tutta questa libertà e semplice bellezza. [...]
Henry David Thoreau (Concord, 12 luglio 1817 – 6 maggio 1862) è stato un filosofo e scrittore statunitense. Intrattenne una profonda amicizia con Ralph Waldo Emerson e con altri pensatori trascendentalisti. Nel 1845, per sperimentare una vita semplice e per protesta contro il governo, si stabilì in una piccola capanna da lui stesso costruita presso il lago di Walden. Qui poté dedicarsi a tempo pieno alla scrittura e all'osservazione della natura. Dopo due anni, nel 1847, lasciò il lago di Walden per vivere col suo amico e mèntore Ralph Waldo Emerson e la sua famiglia a Concord. Nel 1846 Thoreau rifiutò di pagare la tassa che il governo imponeva per finanziare la guerra schiavista al Messico, da lui giudicata moralmente ingiusta e contraria ai principi di libertà, dignità e uguaglianza degli Stati Uniti. Per questo, in seguito, fu incarcerato per una notte (e liberato il giorno successivo quando, tra le sue vibrate proteste, sua zia pagò la tassa per lui). Dopo qualche anno, nel 1849, scrisse il saggio Disobbedienza civile. L'opera fu letta anche da Tolstoj, Gandhi e M. L. King, che da questa trassero ispirazione per la lotta non violenta delle loro campagne. Nel 1854 pubblicò "Walden, ovvero La vita nei Boschi", nel quale descriveva la sua esperienza di vita sul lago Walden. Walden, ovvero La vita nei boschi è il resoconto dell'avventura dell'autore, che dedicò ben due anni (dal 4 luglio 1845 al 6 settembre 1847) della propria vita nel cercare un rapporto intimo con la natura e insieme ritrovare se stesso in una società che non rappresentava ai suoi occhi i veri valori da seguire, ma solo l'utile mercantile.

Cartelli che avvisano del pericolo di inondazioni improvvise, nella LAKE MEAD NATIONAL RECREATION AREA, li dove Chris McCandeless si accampò.

L'auto fu ritrovata dai Rangers lungo il letto del Detrital Wash vicino al lago Mead al al confine tra Nevada ed Arizona (per maggiori informazioni visita il sito Arizona Flood Warning and Drought Monitoring Webpage


Nella foto il Monte Katahdin che Thoreau scalò. L'ascensione dei bastioni selvaggi e terribili benchè bellissimi, lo colpi e lo spaventò, ma lasciò in lui una sorta di vertiginosa soggezione. Quell'inquietudine suscitata dalle alture granitiche del Katahdin ispirò parte degli scritti più efficaci e ne colorò profondamente il pensiero riguardo alla terra e alla sua condizione rude e selvaggia.
Il saggio Disobbedienza Civile di Henry David Thoreau divenne per Chris McCandless una sorta di vangelo.
« La massa degli uomini serve lo stato in questo modo, non come uomini soprattutto, bensì come macchine, con i propri corpi. Essi formano l'esercito permanente, e la milizia, i secondini, i poliziotti, i posse comitatus, ecc. Nella maggior parte dei casi non v'è alcun libero esercizio della facoltà di giudizio o del senso morale; invece si mettono allo stesso livello del legno e della terra e delle pietre, e forse si possono fabbricare uomini di legno che serviranno altrettanto bene allo scopo. Uomini del genere non incutono maggior rispetto che se fossero di paglia o di sterco. Hanno lo stesso tipo di valore dei cavalli e dei cani. Tuttavia persino esseri simili sono comunemente stimati dei buoni cittadini. Altri, come la maggior parte dei legislatori, dei politici, degli avvocati, dei ministri del culto, e dei funzionari statali, servono lo Stato principalmente con le proprie teste; e, dato che raramente fanno delle distinzioni morali, sono pronti a servire nello stesso tempo il diavolo, pur senza volerlo, e Dio. »
(Thoreau in Disobbedienza Civile)

"Nessun uomo seguì mai il suo genio tanto da esserne sviato. Sebbene il risultato fosse debolezza fisica, tuttavia nessuno può dire che le conseguenze fossero da rimpiangersi, poichè queste erano una vita condotta secondo principi più alti. Se il giorno e la notte sono tali che voi li salutiate con gioia, e la vita emana una fragranza come fiori ed erbe molto profumate, il vostro successo sarù più agile, colmo di stelle e immortale. Tutta la natura si conratual con voi e,momentaneamente, voi avete occasione di benedirvi. I guadagni e i valori più grandi sono ben lungi dall'essere apprezzati. Facilmente giungiamo a dubitare che essi esistano. Presto li dimentichiamo. Essi sono la realtà più alta. [...] Il vero raccolto della mia vita quotidiana è qualcosa di altrettanto intangibile e indescrivibile dei colori del mattino e della sera. E' un po' di polvere di stella afferrata - un segmento di arcobaleno che abbiamo preso con una mano." Henry David Thoreau, Walden ovvero vita nei boschi (passaggio evidenziato in uno dei libri rinvenuti con la salma di Chris McCandless)

Ralph Waldo Emerson (Boston, 25 maggio 1803 – Massachusetts, 27 aprile 1882) è stato uno scrittore, saggista e filosofo statunitense. È conosciuto anche per essere stato un noto poeta. Il saggio Nature, pubblicato nel 1836, anche se non fu tra i più letti, contiene in poche pagine gran parte delle idee di Emerson.

Jack London (pseudonimo di John Griffith Chaney) (San Francisco, 12 gennaio 1876 – 22 novembre 1916) è stato uno scrittore statunitense, noto per romanzi quali Zanna bianca e Il richiamo della foresta. Nel 1897 partì per unirsi alla Corsa all'oro del Klondike: è in quella regione che scriverà i suoi primi racconti di successo. Tutta la sua vita fu infatti caratterizzata da esperienze lavorative diverse: fece lo strillone di giornali, il pescatore clandestino di ostriche, il lavandaio, il cacciatore di foche, il corrispondente di guerra russo-giapponese, l'agente di assicurazioni, il coltivatore e, appunto, il cercatore d'oro prima di diventare uno scrittore di successo. Lo scrittore morì per una overdose. Chris McCandless quando si ritrovò a vendere dei libri presso una bancarella, cercò di convincere ogni malcapitato a leggere "Il richiamo della foresta". L'infatuazione di McCandless per lo scrittore risaliva all'infanzia: la fervente condanna della società capitalista, l'esaltazione del mondo primordiale e la difesa degli umili rispecchiavano appieno le passioni di Chris. Incantato dell'avvicente ritratto che London fece della vita in Alaska e nello Yukon, McCandless lesse e rilesse "Il Richiamo della foresta", "Zanna Bianca" e tutti gli altri romanzi d'avventura dello scrittore.
Quando i genitori si offersero di compragli una macchina nuova scrisse alla sorellina Carine "Ho ripetuto milioni di volte che la mia macchina è la migliore del mondo, che ha attraversato il continente da Miami all'Alaska, che in tutte quelle migliaia di chilometri non mi ha mai dato problemi, che non la venderò mai, che gli sono molto affezionato, ma loro no, loro ignorano quello che dico e pensano che ne accetterei una nuova! In futuro starò attento a non accettare più i loro regali, perchè potrebbero pensare di comperare anche il mio rispetto". Con questa macchina, Chris partirà per la sua Odissea, un viaggio epico senza ritorno dopo aver dedicato, per come la vedeva lui, gli ultimi quattro anni a un compito oneroso e assurdo: laurearsi. L'obiettivo? liberarsi dei condizionamenti del mondo soffocante dei genitori e simili, quel mondo di superficialità, di sicurezza ed eccessi materialistici che lo escludeva dolorosamente dall'autentico pulsare dell'esistenza. In tal senso come simbolo della completa rottura col passato adottò un nuovo nome, Alexander Supertramp, e dal quel momento non si sarebbe più chiamato Chris McCandless (salvo che in una richiesta d'aiuto scritta prima di morire)

Quando vide una canoa in alluminio di seconda mano, d'impulso decise di acquistarla. Voleva ridiscendere il Colorado fino al Golfo di California, quasi 650 km a sud, oltre il confine col Messico.

Immagini del fiume Colorado sopra e sotto (http://www.nps.gov/)








Il capodanno del 31 Dicembre 1990, Chris lo passò guardando la luna piena alzarsi sul Gran Desierto, quattromila e quattrocento km quadrati di dune mutevoli, la più grande estensione di sabbia dell'America del Nord. In questo periodo stette per più di 36 giorni senza vedere un'anima viva, sopravvivendo con poco più di 2 kg di riso e quanto riusciva a guadagnare dal mare (ammirava il deserto costeggiando la costa con la canoa), un'eperienza che in seguito l'avrebbe convinto di poter sopravvivere con una dieta altrettanto scarsa anche nella foresta d'Alaska.
Gran Desierto
"Ma cos'è la storia? E' un dar principio a lavori secolari per riuscire a poco a poco a risolvere il mistero della morte e vincerla un giorno. Per questo si scoprono l'infinito matematico e le onde elettromagnetiche, per questo si scrivono sinfonie, ma non si può progredire in tale direzione senza una certa spinta. Per scoperte del genere occorre un'attrezzatura spirituale, e in questo senso, i dati sono già tutti nel Vangelo. Eccoli. In primo luogo, l'amore per il prossimo, questa forma suprema dell'energia vivente, che riempie il cuore dell'uomo ed esige di espandersi e di essere spesa. Poi i principali elementi constitutivi dell'uomo d'oggi, senza i quali l'uomo non è pensabile, e cioè l'idea della libera individualità e della vita come sacrificio."

Boris Pasternak, Il dottor Zivago (passaggio evidenziato in uno dei libri rinvenuti con la salma di Chris McCandless)
SLAB CITY, NILAND Per vedere il sito ufficiale della slab city clicca qui

Clicca qui per l'immagine da satellite

Chris durante i suoi viaggi, si recò negli Slabs, una vecchia base aerea della Marina militare abbandonata e distrutta, di cui resta solo un reticolo di vuote fondamenta di cemento disseminate in lungo e in largo nel deserto. Non appena arriva novembvre, quando nel resto del Paese il tempo peggiora, circa cinquemila tra emigranti, girovaghi e vagabondi d'ogni genere si riuniscono in questo luogo fuori dal mondo per vivere con pochi soldi sotto il cielo e le stelle. Gli Slabs fungono da capitale stagionale di una brulicante società itinerante, di una tollerante cultura di gommati che coinvolge pensionati e indigenti, esiliati e disoccupati perenni.

McCandless perlò spesso con la gente degli Slabs dei suoi piani per l'Alaska. Ogni mattina faceva esercizi di ginnastica. per prepararsi ai rigori della foresta.

Salvation Mountain di Leonard Knigth http://www.salvationmountain.us/ Per maggiori informazioni clicca qui




Video of Salvation Mountain

Salton City vicino a Salton Sea.

Chris McCandless si accampò vicino al Salton Sea, dormendo sulla sabbia protetto da una tela cerata appesa a un ramo di creosoto. Vicino a lui, in un bizzarro accampamento, circa duecento persone si erano adunate per svernare insieme nei propri veicoli,. Una America postapolcalittica, una comunità oltre i margini della società, dove gli hippie giravano completamente nudi per l'accampamento bagnandosi nelle fonti geotermiche: il posto esattamente si chiama Oh-My-God Hot Springs. (ora non esiste più perchè è stata spianata dai bulldozer e coperta di cemento per ordine della commissione sanitaria dell'Imperial Valley. I funzionari della contea sostengono di aver eliminato le sorgenti per timore che i bagnanti potessero contrarre gravi malattie dai microbi virulenti che ritenevano pullulare nelle vasche termali). McCandless se ne stava comunque per conto proprio ad un kilometro di distanza dall'accampamento. Si recò in cima al San Jacinto Peak, insieme ad un vecchio di oltre 80 anni, che nella notte di San Silvestro del 1957 perse la moglie ed il suo unico figlio che stava per laurearsi in medicina, in un incidente stradale causato da un ubriaco. I due strinsero una amicizia molto profonda, strascorrendo molto tempo insieme. Ilvecchio rivedeva in Chris il figlio perduto. Mentre conversava con il vecchio, Chris si sfogava esplodendo invettive contro i genitori, i politici e l'idiozia endemia dello stile di vita prevalente negli Stati Uniti. In una lettera che Chris scrisse al vecchio dopo che i due si separarono, si dice "Vorrei ripeterti di nuovo il consiglio che già ti diedi in passato, ovvero secondo me dovresti apportare un radicale cambiamento al tuo stile di vita, cominciando con coraggio a fare cose che mai avresti pensato di fare o che mai hai osato. C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perchè è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di un uomo non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l'avventura. La gioia di vivere deriva dall'incontro con nuove esperienze, e quindi non esiste gioia più grande dell'avere un orizzonte in continuo cambiamento, del trovarsi ogni giorno sotto un sole nuovo e diverso. Se vuoi avere di più dalla vita, Ron, devi liberarti della tua inclinazione alla sicurezza monotona e adottare uno stile più movimentato che al principio ti sembrerà folle, ma non appena ti ci sarai abituato, ne assaporerai il pieno significato e l'incredibile bellezza. Per cui Ron, in poche parole, vattene da Salton City e mettiti sulla strada. Ti garantisco che sarai felice di averlo fatto. Temo però che il mio consiglio non verrà ascoltato. Dici sempre che sono testardo, ma tu lo sei ancora più di me. Hai una meravigliosa opportunità sulla via del ritorno di vedere uno dei paesaggi più belli della terra, il Grand Canyon, qualcosa che ogni americano dovrebbe vedere almeno una volta nella vita. Eppure, per qualche ragione a me incomprensibile, non desideravi altro che arrivare a casa al più presto [...] Non fissarti in un posto, muoviti, sii nomade, conquistati ogni giorno un nuovo orizzonte [...]". (le parole di Chris McCandless si possono riassumere nel verso di Pindaro, tanto amato da Nietzsche: "diventà ciò che sei!, realizza le tue autentiche potenzialità".) Il Vecchio seguendo il consiglio di McCandless vendè tutto e comprò un Caravan accampandosi nel deserto, occupando lo stesso spazio che era stato di McCandeless vicino alle sorgenti calde, di cui ho parlato prima, aspettando il ritorno dell'amico. Quando un giornalista gli mostrerà le foto dell'autobus in cui il giovane perderà la vita in Alaska, il vecchio si allontanò con gli occhi umidi. Disse il vecchio "Quando Alex partì per l'Alaska pregai. Chiesi al Signore di avere un occhio di riguardo per quel ragazzo, gli dissi che era speciale. Eppure lo lasciò morire. Allora il 26 Dicembre, quando seppi cosa era successo, rinunciai a Dio. Mi ritirai dalla chiesa e diventai ateo. Decisi che non potevo più credere in un Dio che aveva permesso che una cosa tanto terribile accadesse a un ragazzo come Alex". Come ho scritto prima, il vecchio aveva già perso un figlio e la moglie in un incidente stradale causato da un ubriaco.


San Jacinto Peak Mountains
Chris McCandless aveva l'abitudine di sotterrare, nascondendoli, gli oggetti che non poteva portarsi dietro. Chris McCandless farà ritorno anche a Detrival Wash, dove ritrovò la vecchia targa della Datsun "Virginia SJF-421". Gli piaceva ritrovarli, passato tanto tempo. Aveva bisogno di punti fermi, in una vita nomade in cerca di se stesso. Aveva poi l'abitudine bellissima di scrivere cartoline e lettere alle persone con cui aveva vissuto per una o due settimane. Le medesime lo ricordano simpaticamente anche come un gran imbranato, uno che "vedeva gli alberi, ma non vedeva la foresta". Dire la verità rientrava in un credo che il ragazzo prendeva molto seriamente. Chris era affascinato dal paesaggio e si godeva la libertà in compagnia di vagabondi che incontrava sul cammino. Era dell'idea che non si dovesse possedere più di quanto non si riesca a caricare in spalla correndo alla massima velocità. Lavorò presso una azienda agricola, presso un ristorante italiano e presso un McDonald (i colleghi del McDonald gli fecero notare come puzzasse, poichè Chris non aveva dimora fissa).

Il rapporto tra Chris ed i genitori fu sicuramente problematico. Soprattutto il padre, autoritario, testardo, irritabile, spinse Chris alla ribellione, purtroppo con mancanza di misura. In una lettera alla sorella Chris, scriveva "[...] Dopo però, quando sarà il momento, con un taglio netto e veloce li escluderò dalla mia esistenza. Una volta per tutte divorzierò da loro come miei genitori e mai più, finchè avrò vita, parlerò con uno di quegli idioti. La farò finita con loro, una volta per tutte, e stavolta sarà per sempre."

Castità e purezza morale erano qualità sulle quali il ragazzo rimuginava spesso (uno dei saggi ai quali lui si ispirava Thoreau mai perse la verginità), al punto che nel libro Walden di Thoreau, Chris cerchiò il passo "la castità è la fioritura dell'uomo; e ciò che si chiama Genio, Eroismo, Santità e simili, sono solo i vari frutti che vengono come conseguenza di essa". Inoltre uno dei libri rinvenuti sull'autobus insieme alla salma fu una raccolta di storie che includeva "La sonata a Hreutzer" di Tolstoj, in cui un nobiluomo fattosi asceta denuncia le esigenze della carne. Insomma Chris, non era per niente ossessionato dal sesso, come gli adolescenti al giorno d'oggi, che sono bombardati da immagini pornografiche.
"L'Alaska ha sempre esercitato un certo fascino su sognatori e disadattati, su chi pensa di poter rattoppare i buchi della propria esistenza nell'incontaminata vastità dell'Ultima Frontiera. Soltanto che la foresta non perdona e di sogni e desideri non sa che farsene. Edward Hoagland, così scrive in Up the black to Chalkyitsik: "In America abbiamo la tradizione del grande fiume a due cuori: portare le propri ferite nella natura per una cura, una conversione, un riposo o quel che sia. E come nel caso di Hemingway, se le ferite non sono troppo gravi, funziona. Ma qui non siano nel Michigan (o per quanto, neppure nelle grandi foreste del Mississippi di Faulkner) Qui siamo in Alaska. Quando venne il momento di partire ed un amico si offerse di pagargli l'aereo egli rispose "No, no, voglio andarci in autostop. Volare sarebbe come imbrogliare, rovinerebbe tutto". Una persona che a differenza della maggior parte delle persone, mette in pratica quello in cui crede.

Prima di lasciare le persone con cui lavorava (mietitori) per dirigersi in Alaska, McCandless pianse e spedì a costoro questa cartolina: "Queste saranno le mie ultime righe, Wayne. Sono arrivato due giorni fa ed è stato molto difficile trovare passaggi nello Yukon, ma alla fine ce l'ho fatta lo stesso. Per favore, restituisci al mittente tutta la posta che ricevi. Potrebbe passare molto tempo prima che io ritorni al Sud. Se quest'avventura avrà un esito fatale e non dovessi più ricevere mie notizie sappi che per me tu sei un grand'uomo. Ora entro nella natura."

La storia di Chris McCandless, può avere qualche analogia con quella di Gene Rosellini, come scrive Jon Krakauer in "Nelle terre estreme". Gene Rosellini, che la gente vicino a Cordova (Alaska) chiamava il sindaco di Hippie Cove , studente alla University of Washington e poi alla Seattle University si immerse nell'antropologia, nella storia, nella filosofia e nella linguistica accumulando crediti di centinaia di ore senza mai laurearsi. Non ne vedeva il motivo. La ricerca della conoscenza, sosteneva, era un obiettivo degno di per sé, e non necessitava di alcuna convalida esterna. Lasciata l'accademia, nel 1977 giunse a Cordova in Alaska, dove nella foresta ai margini della città decise di dedicare la propria vita a un ambizioso esperimento antropologico

Cordova (Alaska)


Cordova (Alaska)


"Volevo capire se era possibile essere indipendenti dalla moderna tecnologia" riferì Rossellini 10 anni dopo. Si domandava se gli uomini potessero ancora vivere come gli antenati all'epoca dei mammut e delle tigri dai denti a sciabola o se invece la nostra specie si fose allontanata troppo dalle radici e non fosse più in grado di sopravvivere senza polvere da sparo, acciaio e altri artefatti dalla civiltà. Con l'ossessione tipica di questo genere di genio meticoloso e caparbio, Rosellini eliminò dalla propria vita tutti gli strumenti che non fossero quelli primitivi creati da materiali naturali con le sue stesse mani. Si convinse che gli uomini fossero regrediti in esseri progressivamente inferiori ed il suo obiettivo era quello di tornare a uno stato naturale. Si nutriva di radici, bacche, alghe e cacciava selvaggina con lance e trappole. Vestito di stracci, sopportava rigidi inverni e sembrava quasi che le privazioni gli procurassero piacere, al punto di dover tagliare un tronco con una pietra affilata mettendoci anche giornata (rifiutava sega e ascia). Come se non fosse abbastanza duro vivere secondo le regole che si era imposto, Rosellini si sottoponeva a un severo esercizio fisico non appena gli avanzava del tempo. Riempiva le giornate con la ginnastica callistenica (è una ginnastica dolce e ritmata, intesa a sviluppare forza e bellezza del corpo umano) il sollevamento pesi e la corsa, spesso con un carico di pietre sulle spalle. Nel corso di un'estate raccontò di aver coperto una media di trenta chilometri al giorno. Dopo decenni dove ammise di aver effettivamente sperimentato la realtà fisica, mentale ed emotiva dell'età della pietra, ammise che per gli esseri umani come noi li conosciamo non è possibile vivere nella natura e della natura. A 49 anni ammise la sconfitta e annunciò di voler girare il mondo con lo zaino in spalla, dai30 ai 40 km al giorno, 7 giorni alla settimana, 365 giorni l'anno. Ma nel novembre 1991, Rossellini fu trovato riverso sul pavimento della sua baracca con un coltello piantato nel cuore. Il coroner determinò che la ferita fatale era stata autoinflitta, ma non fu trovata nessuna lettera di spiegazione. Altra storia molto simile, quella di John Mallon Waterman, uomo da 400 flessioni al giorno, che a 16 anni John scalò il monte McKinley, la vetta più elevata dell'America settentrionale. La giovane psiche del giovane fu scossa dalla malattia mentale della madre, dal fratello che perse una gamba,e dal fatto che 8 amici e compagni di roccia rimasero uccisi in incidenti o si tolsero la vita. Dopo aver scalato incredibilmente il monte Hunter per 145 giorni si candidò alle elezioni scolastiche con un programma proponendo il sesso libero fra studenti e la legalizzazione delle droghe allucinogene. Non venne eletto,allora pensò di correre per il partito "Nutri l'Affamato", la cui priorità era essenzialmente che nessuno sul pianeta morisse di fame. Divenne sempre più spericolato nelle scalate al Denali, fino a che che scomparve in un ghiacciaio. Le sue orme andavano dritte verso un labirinto di crepacci giganti, a testimonianza del fatto che il ragazzo non compiva alcuno sforzo per aggirare evidenti pericoli.
La storia di McCandless assomiglia a quella inoltre di Carl McCunn e Everett Ruess. Quest'ultimo, un artista, a 20 anni s'avventurò nel deserto dello Utah, senza mai farvi ritorno. Così scriveva Everett al fratello "Quando farò visita alla civiltà? Non presto, credo. Non sonoancora stanco della vita selvaggia, anzi apprezzo sempre più la sua bellezza e l'esistenza errante che conduco. Preferisco la sella al tram e il cielo stellato al soffito, preferisco il sentiero oscuro e difficoltoso verso l'ignoto alla strada asfaltata, e la pace profonda del selvaggio allo scontento generato dalle città [...] E' vero, mi manca compagnia intelligente, ma sono cos' poche le persone con le quali posso condividere ciò che per me è tanto importante che ho imparato a contenermi. La bellezza intorno a me è sufficiente.


Davis Gulch (Canyons of the Escalante) è un canyon piccolo ma molto grazioso e per secoli i viandanti di questa terra arida e ostile hanno confidatato nell'oasi presente sul fondo della gola, una gola talmente stretta da far pensare a una fessura. Calarsi nel canyon è come giungere inun mondo nuovo, rispetto all'arida distesa di pietra nuda e sabbia rosso mattone che si trova in superficie;nel canyon infatti si trovano pioppi neri americani graziosamente chinati sopra fichi d'india in fiore e lunghi steli d'erba agitati dalla brezza. Le sue ripide pareti rocciose rivelano misteriose pittografie vecchie di 900 anni, e nelle rientranze riposano ancora i resti di antiche dimore dei Kayenta Anasazi.



In questo canyon, il Davis Gulch il ventenne Everett Ruess incise il proprio pseudonimo nella parete "Nemo 1934" (scritte ora cancellate dall'acqua che è salita di livello. Nemo poteva ispirarsi a Ventimila leghe sotto i mari di Jules Verne in cui il protagonista fugge la civiltà). Passati sessant'anni ancora non sappiamo quasi nulla della fine che fece Everett Ruess, inghiottito dal deserto. Per leggere le lettere che il giovane scrisse, esiste un opera biografica di W. Rusho "Everett Ruess: A vagabond for beauty"

Fucile Regmington semiautomatico calibro 22 conportata 4 x 20, un modello fuori produzione chiamato Nylon 66 che i cacciatori dell'Alaska preferivano per leggerezza e affidabilità. Fu il fucile che Chris McCandless usò per cacciare in Alaska, assieme a 4 scatole da cento cartucce.

Chris affrontò questa avventura con un fucile Regmington, 5kg di riso, una machina fotografica con 5 rullini. Ci sono rimaste una richiesta d'aiuto e 113 annotazioni concise ed enigmatiche racchiuse nelle pagine finali di un manuale di piante commestibili, che raccontavanole ultime settimane di vita del giovane. Mc Candless lasciò un segno indelebile in varie persone, anche se con buona parte di esse trascorse soltanto una settimana o due al massimo. Una volta stupì tutti, suonando il piano in una osteria in modo impareggiabile, producendo melodie country honky-tonk passando al ragtime e concludendo con pezzi di Tony Bennett (a Chris piaceva tantissimo, in particolare canzoni quali Tender is the night oppure Summers by the sea-sailboats in Capri). Era un istintivo, affrontava le sfide di petto e faceva ricorso alla sua straordinaria energia. Quando iniziò a correre, un'attività che premia volontà e determinazione piuttosto che finezza o astuzia, che il giovane scoprì la propria vocazione atletica, diventando uno dei migliori fondisti della regione. Si allenava con un pastore dello Shetland di nome Buckley e la corsa per lui era un intenso esercizio spirituale che rasentava la religione. (Chris era matto per Buck, un pastore dello Shetland, l'estate in cui scomparve, desiderava portarlo con sè e ne aveva chiesto il permesso a mamma e papà. Soltanto che Buck era appena stato investito e doveva ancora riprendersi, per cui gli risposero di no. Adesso ovviamente, rimpiangono la decisione, anche se d'altra parte il cane era conciato proprio male. Certamente se il cane fosse stato con lui, nonavrebbe corso gli stessi rischi, per salvaguardare la vita del cane) Per Chris riuscire bene in qualcosa era una questione mentale, una semplice questione di ottimizzazione dell'energia disponibile.
Shetland pastore

Alcune sue citazioni:
- "Non voglio sapere che ore sono, che giorno è e neppure dove mi trovo. Non me ne importa niente." Chris McCandless
- "Jack London è Re. Alexander Supertramp Maggio 1992 (Graffito inciso su un pezzo di legno scoperto sul luogo di morte di Chris McCandless)
- "Salve, belva primitiva! E anche a te, capitano Ahab! Alexander Supertramp Maggio 1992 (Incisione trovata nell'autobus abbandonato sullo Stampede Trail)
I cacciatori che trovarono Chris ormai senza vita da due settimane e mezzo, videro sulla punta di un ramo d'ontano vicino all'uscita posteriore del veicolo, una specie di bandiera di segnalazione, uno scaldamuscoli di lana rossa del tipo usato dai ballerini. Sulla porta socchiusa del bus era affiso un biglietto scritto a mano su una pagina strappata ad un romanzo di Nikolaj Gogol in cui c'era scritto:

S.O.S Ho bisogno del vostro aiuto. Sono malato, prossimo alla morte, e troppo debole per andarmene a piedi. Sono solo, non è uno scherzo. In nome di Dio, vi prego, rimanete per salvarmi. Sono nei dintorni a raccogliere bacche e tornerò stasera. Grazie. Chris McCandless. Agosto?


Quando Chris scrisse questo messaggio d'aiuto, era da mesi in sottoalimentazione. Era preoccupato, al punto da abbandonare il glorioso nomignolo Alexander Supertramp per tornare a quello ricevuto alla nascita dai propri genitori. Era il 12 agosto 1992, 7 giorni prima di morire. McCandless aveva accumulato un notevole deficit calorico e si reggeva su un equilibrio estremamente precario. Il 6, 7 e 8 agosto non aveva annotato nulla nel suo diario. Il 9 agosto scrisse di aver sparato a un orso senza però colpirlo, il 10 di aver avvistato un caribù, ma di non essere riuscito a sparare, e finalmente di aver ucciso 5 scoiatoli. L'11 agosto colpì e mangiò una pernice bianca, il 12 si trascinò fuori dall'autobus in cerca di bacche non prima di aver lasciato la richiesta d'aiuto sopracittata. Accanto ad un passo del libro Il dottor Zivago che così recitava "Si accorsero allora che solo la vita simile alla vita di chi ci circonda, la vita che si immerge nella vita senza lasciar segno, è vera vita, che la felicità isolata non è felicità. Era questo che amareggiava più di ogni altra cosa" Chris McCandless scrisse:

"Felicità è vera soltanto se condivisa"

Il 30 luglio, le sue condizioni fisiche precipitarono all'improvviso verso il disastro e già il 18 agosto Chris McCandless era morto. Si sono fatte molte congetture sulle cause di un declino tanto rapido, tra cui quella che sia rimasto lentamente avvelenato da alcune semenze (i semi di patata diventano moderatamente tossici quando cominciano a germogliare. Contengono la solanina, un veleno presente nella famiglia delle solanacee che, se ingerito per un breve periodo produce vomito, diarrea, cefalea e letargia, ma sul lungo periodo finisce per pregiudicare il ritmo cardiaco e la pressione sanguigna). Molto probabilmente McCandless ingerì una specie strettamente correlata, il pisello odoroso selvatico hedysarum mackenzii.
 Distese di Hedysarum mackenzii in Alaska. Benchè si tratti di una pianta più piccola, il pisello odoroso selvatico è talmente simile alla patata selvatica che perfino esperti botanici hano difficoltà a distinguerli. Esiste una sola caratteristica che li differenzi, che probabilmente Chris ignorava: nella parte inferiore delle foglioline verdi della patata selvatica sono presenti numerose venuzze laterali, mentre in quelle del pisello odoroso selvatico esse non sono visibili.

Fiaccato dai semi velenosi, McCandless scoprì di essere improvvisamente troppo debole per mettersi in marcia verso la salvezza. E poichè era troppo debole anche per cacciare seriamente, precipitò in una spirale di deperimento che lo portò alla morte. L'autopsia evidenziò come il grasso sottocutaneo era praticamente inesistente. Al momento dell'autopsia i resti di McCandless pesavano soltanto una trentina di kg. Il 5 agosto, 14 giorni prima di morire scriverà nel diario "Ma con un soffio di vita addosso. La morte incombe minacciosa. Troppo debole per mettermi in marcia, letteralmente intrappolato nella foresta - niente selvaggina".
Una foto vera di Chris McCandless. Una delle ultime cose che Chris McCandless fece fu quella di scattarsi una foto accanto all'autobus sotto la volta celeste del cielo d'Alaska. Con una mano rivolge il biglietto d'addio all'obiettivo e con l'altra proge un saluto sereno e coraggioso al mondo: “I have had a happy life and thank the Lord. Goodbye and may God bless all.”. "Ho avuto una vita felice e ringrazio il Signore. Addio e che Dio vi benedica!"


Prima di morire, McCandless compose un breve messaggio d'addio:

"Ho avuto una vita felice e ringrazio il Signore. Addio e che Dio vi benedica!"
A Chris piaceva molto leggere; in particolare sappiamo che tra i suoi libri preferiti c'era "Guerra e pace" di Tolstoj. Gli studi universitari presso l'Emory University di Atlanta, con una specializzazione in storia e antropologia. Era ossessionato dalle ingiustizie, quali l'oppressione razziale in Sudafrica e durante i fine settimana si aggirava nei quartieri più depressi di Wahington a chiaccherare con prostitute e senza tetto, a offrire loro un pasto o un consiglio sincero per migliorare le loro condizioni. Cercava di convincere anche gli amici a dedicarsi agli affamati e a coltivare una coscienza sociale. Prima di partire per la sua grande avventura diede in beneficienzacirca ventiquattromila dollari. Ma non era certo il classico benefattore taciturno e scontroso che disapprova il divertimento. Anzi, di tanto in tanto non disdegnava alzare il gomito, e fu sempre un incorreggibile istrione. Sosteneva che la carriera fosse una invenzione del ventesimo secolo. Dimostrò di essere anche un venditore senza pari, quando fu assunto da un imprenditore edile per piazzare vendite nel quartiere.

Chris McCandless ha provocato indirettamente tanto dolore alla sua famiglia. La sorella, molto legata a Chris, dice di non passare giorno senza piangere. Il Padre disse guardando una istantanea del figlio "La cosa più brutta è non averlo più vicino. Ho trascorso parecchio tempo con Chris, forse più che con gli altri figli. Mi piaceva tanto la sua compagnia, anche se ci ha procurato parecchie delusioni". Il padre che lavorava per la Nasa era molto autoritario, ma da quando Chris nel 1990, fece perdere le proprie tracce, qualcosa nel padre cambiò. La scomparsa del figlio è stata motivo di paura e sofferenza che hanno fatto emergere un lato morbido e tollerante della sua personalità.

Old Rag Mountain, o semplicemente Old Rag. Alla sommittà che si nota nella foto, Chris McCandless insieme al Padra, all'età di 8 anni la raggiunse portando lo zaino in spalla per tutto il cammino. Da quel momento le escursioni in montagna diventarono una consuetudine familiare e quasi ogni anno padre e figlio tornarono all'Old Rag per ripetere l'esperienza.

Chris ricercava la Verità. In uno dei libri (Henry David Thoreau, Walden ovvero vita nei boschi) rinvenuti con la salma di Chris McCandless c'era un passaggio sottolineato e annotata in grande la parola "Verità" nella calligrafia del ragazzo. Il passaggio era questo "Datemi la verità, invece che amore, denaro o fama. Sedetti a una tavola imbandita di cibo ricco, vino abbondante e servi ossequiosi, ma alla quale mancavano la sincerità e la verità; partii affamato da quel desco inospitale. L'ospitalità era fredda come i gelati". Prima di partire per il lungo viaggio senza ritorno, Chris era già ritornato a casa dopo un viaggio che lo aveva visto rischiare di morire disidratato nel deserto del Mojave.


Deserto del Mojave

Il suo desiderio di verità verrà distrutto nell'ambito familiare quando scoprirà che il padre aveva continuato a frequentarsi con la prima moglie. Quando la doppia vita dell'uomo venne alla luce, la rivelazione provocò ferite rpofonde e tutte le persone coinvolte soffrirono enormemente. Quando si tratta dei proprio genitori, i figli riescono a diventare giudici spietati e poco inclini alla clemenza, e ciò fu particolarmente vero nel caso di Chris. Ancor più egli adolescenti in genere Chris vedeva solo il bianco o il nero, e giudicava se stesso e gli altri secondo un codice morale di insostenibile rigore. Arrivo a vedere il padre quindi come un ipocrita bigotto. Confessò alla sorella Carine che l'inganno commesso dai genitori rendeva la sua "intera infanzia una specie di finzione". E così crebbe il risentimento nei confronti dei genitori insieme allo sdegno per le ingiustizie perpretrate nel mondo in generale (caccia alle balene dei giapponesi). Sempre più ruppe i rapporti con i genitori e anche con la sorella a cui sembrava tenere tantissimo. Nel luglio del 1992, 2 anni dopo la partenza di Chris da Atlanta, la madre saltò sul letto a Chesapeake Beach nel mezzo della notte e svegliò il marito "Ero cerca di aver sentito la voce di mio figlio che mi chiamava" spiega con le lacrime al volto. "Non so come potrò superare questa cosa. Non stavo sognando, non me lo sono immaginato, era proprio la sua voce che mi pregava "Mamma, aiutami!", ma non potevo aiutarlo perchè non sapevo dove fosse. E non mi disse nient'altro, solo "Mamma, aiutami!".

Normalmente prima potevano passare anche sei o sette mesi senza che il bus vedesse traccia di visitatori. Ora dopo il film ed il libro è un po' diverso. Basta guardare questo articolo di questo blog http://edplumb.blogspot.com/2007/11/skiing-into-wild-night-at-bus-142.html . Alcune Agenzie turistiche promuovono già il Into the Wild Tour. La rivista Outside con l'edizione del Gennaio 1993 dedicava la copertina al servizio speciale sulla morte di Chris McCandles. La storia di Chris McCandless divenne di dominio publico e i quotidiani di tutto il Paese dedicavano ampio spazio perfino agli stralci del suo diario.

Dopo Chris McCandless.

Ho deciso di leggere "Nelle Terre Estreme" (Into the Wild) di Jon Krakauer Ed. Corbaccio, dopo aver visto lo splendido film di Sean Penn al cinema. Il libro si è rivelato il più bel libro che abbia mai letto (almeno questa è la sensazione dopo averlo finito). Quanto qui riportato quindi non è altro che la trascrizione dei passi più significativi ed alcune considerazioni. Il 20% delle royalties derivanti dalla vendita di Nelle Terre estreme sarà donato a un fondo di borse di studio a nome di Chris McCandless.

Sharing