martedì 19 aprile 2011

Angry Dance



Non c'è scudo, non c'è manganello, nulla al mondo e' cosi' potente quanto un'idea della quale sia giunto il tempo: I call for revolution.

Hunter of emotions

Fotografia trasognante che pare situarsi in un sogno. La sabbia del deserto entra senza bussare in una casa abbandonata a Kolmanskop in Namibia, un insediamento di minatori abbandonato da oltre 50 anni.
Mi sento un cacciatore di emozioni. Un hunter of emotions. So fiutarle. So seguire le piste, è la cosa che mi riesce meglio. Sono un professionista ma non è ancora un lavoro. Ricercare, coltivare e condividere emozioni. La parola più usata guarda a caso in questo blog è proprio "emozioni". Incontro tutti i giorni persone che sono già morte. Il loro corpo vive. Qualcosa in loro si è spento per sempre. Abbiamo un fuoco dentro che si può spegnere. Sono talmente morte che non puoi neanche dirglielo, non c'è più speranza. Rimanete vivi, prima di tutto con l'anima e poi con il corpo.



Nomad - (I Wanna Give You) Devotion

lunedì 18 aprile 2011

Uno dei video più emozionanti di Vittorio Arrigoni


Vittorio Arrigoni, il pacifista italiano risponde a Roberto Saviano.

Maratona Fotografica "Città di Venezia" 2011

Maratona Fografica 2011 - Tutte le informazioni, il regolamento, i contatti nel sito www.maratonafotograficavenezia.it

Non perdere un'occasione unica per passare una giornata divertendoti e per scoprire una città meravigliosa guardandola con occhi diversi da quelli usuali del turista, nonchè un modo per condividere con altri fotoamatori la tua stessa passione. Fai circolare la notizia.
La manifestazione si svolgerà a Venezia il giorno domenica 15 maggio 2011 con partenza dal piazzale antistante la stazione FS di Venezia S.Lucia alle ore 10.

Sono previste 3 tappe dove verranno consegnati 2 temi alla volta: 6 ore di tempo e 6 temi da svolgere: la sfida è questa!

All’arrivo ogni partecipante consegnerà le 6 foto scelte per il concorso: vincerà la Maratona Fotografica chi ha sviluppato al meglio tutti i temi; sarà inoltre premiata la foto migliore di ciascun tema.

Le foto vincitrici e una selezione delle migliori, verranno esposte in una mostra aperta al pubblico che verrà inaugurata sabato 11 giugno 2011.

Le preiscrizioni posso essere già effettuate sul sito dedicato alla manifestazioni http://www.maratonafotograficavenezia.it/ Sarà possibile iscriversi direttamente anche il giorno stesso della Maratona dalle ore 7.30 fino alle ore 9.30 e non oltre; in questo caso l’Associazione non garantisce la partecipazione in relazione al numero dei preiscritti.

Le quote di iscrizione sono:

- 20 euro per i non soci Effemme

- 10 euro per i soci Effemme e per i minorenni

Il pagamento della quota di iscrizione deve avvenire il giorno stesso della Maratona Fotografica prima dell’ora d’inizio della manifestazione, pena l’esclusione dalla stessa.

I premi sono:
- Primo premio per chi avrà sviluppato al meglio tutti i 6 temi: reflex digitale Nikon D3100 kit

- Primo premio per ciascun miglior tema: fotocamera digitale compatta

Sono, inoltre, previsti altri premi in materiale fotografico per i secondi e terzi classificati, più eventuali premi aggiuntivi decisi dalla giuria. Tutti i premi sono convertibili in buoni acquisto presso il negozio photomarket di Mestre, sponsor della manifestazione.

S.O.S: La voce di Wikipedia relativa all'uomo "Vittorio Arrigoni" è in mano ad un anonimo, un certo "Lucas", che non riporta fedelmente i fatti

La voce di Wikipedia su Vittorio Arrigoni alle ore 11:20 del 18/04/2011 non riportava una importante notizia comparsa in un giornale. Ho tentato quindi di aggiungere quanto segue come evidenzia la cronologia della voce:

"A sua totale insaputa, il pacifista italiano era stato inserito nella black list delle persone sgradite ad Israele. Per questo motivo, alla Vigilia di Pasqua del 2005, venne fermato dai soldati israeliani alla frontiera giordana, mentre tentava di entrare in territorio israeliano per raggiungere alcuni suoi amici palestinesi. Vittorio Arrigoni chiamò l’ambasciata italiana che lo rassicurò sul fatto che Israele fosse un paese amico. I soldati, che gli ruppero i regali che portava con sé, lo trattennero per parecchie ore prima che arrivasse un gruppo di militari dei corpi speciali che, nonostante Vittorio non opponesse alcuna resistenza ispirandosi come lui stesso dirà a Gandhi, lo prelevarono con la forza e lo condussero in un loro veicolo. Ivi, Vittorio venne selvaggiamente picchiato e umiliato da cinque soldati israeliani e quindi scaricato a terra sanguinante alla frontiera giordana. Il veicolo israeliano tentò infine di investirlo. Vittorio avrà modo di dichiarare in seguito, in un articolo di giornale da lui stesso riportato sul suo blog, che ebbe timore in quei frangenti di essere ucciso dai soldati israeliani e che quell'episodio gli aveva inferto profonde ferite nella sua anima."


Le modiche che ho apportato sono state cancellate dopo 14 minuti, nonostante fossero il riassunto di un articolo di un giornale. Il mio contributo poteva essere migliorato come tutte le cose, ma chi ha cancellato quanto avevo scritto, un certo "Lucas", ha scritto subito in totale malafede alle ore 11:34:

Nel 2005 viene inserito nella lista nera delle persone sgradite ad Israele. Nell'aprile dello stesso anno 2005 viene fermato alla frontiera Giordana e selvaggiamente picchiato.


La malafede si coglie perchè la frase non riporta esplicitamente menzione degli autori dell'aggressione a Vittorio, gli israeliani. Era più importante cancellare in fretta e furia quello che avevo scritto. Mi sono permesso di insistere e di ripristinare la tramatura di una notizia che di per sè era oggettiva. A quel punto, lo stesso "Lucas" ha pensato bene di darmi un avviso: "al prossimo contributo contrario alle linee guida di Wikipedia scatterà un blocco in scrittura sulla tua utenza, pertanto questo è l'ultimo invito a collaborare in modo costruttivo." Successivamente mi hanno bloccato l'utenza definitivamente per mano di un altro utente un certo "Jalo", proprio colui che aveva proposto la cancellazione dell'intera voce "Vittorio Arrigoni"!!!!! Se Wikipedia è in mano a degli ignoranti come "Jalo", qual è il futuro dell' Enciclopedia libera?????
Quando gli israeliani hanno ucciso i pacifisti Rachel CorrieTom Hurndall anche loro membri dell'International Solidarity Movement (ISM) come Vittorio Arrigoni, forse c'era un Jalo ignorante a proporre di eliminare la loro voce da Wikipedia?


Il voto dell'utente di wikipedia "Jalo" con il quale ha proposto di cancellare la voce Vittorio Arrigoni. Lo stesso guarda a caso ha bannato definitivamente il sottoscritto.

Perchè Wikipedia è in mano a dei nickname\utenti anonimi che considerano PROPRIE le voci enciclopediche?

Ecco, Jalo, l'utente di Wikipedia che ha proposto la cancellazione da Wikipedia della voce del pacifista italiano "Vittorio Arrigoni". Successivamente lo stesso utente mi ha bannato. Jalo si definisce orgogliosamente sulla sua pagina "uno degli evil managers di it.wiki, membro onorario della cricca."
Una versione più mansueta di JALO.
Come può, chi dice di adorare le tenebre, proporre la cancellazione della voce di chi ha dato la propria vita per la pace? Quanto ignoranti bisogna essere per proporre una simile idiozia?

ISRAELE VERGOGNA: Vittorio Arrigoni era sulla black-list degli israeliani che lo avevano già picchiato e lui aveva pensato che lo avrebbero ucciso.

Articolo di giornale che dimostra come Vittorio Arrigoni fosse stato inserito  nella black list israeliana. Una vergogna anche per lo Stato Italiano non aver difeso all'epoca un proprio cittadino, che aveva l'unica colpa di avere degli ideali pacifisti. L'ambasciato italiana infatti fu solo in grado di dirgli: "Stai tranquillo, Israele è un paese amico".

Vittorio Arrigoni, il volontario italiano ucciso in questi giorni, era stato picchiato da cinque soldati israeliani alla vigilia di Pasqua del 2005; riporto fedelmente l'articolo di giornale: è stato trattenuto in frontiera da soldati israeliani per otto ore, caricato su un autobus e picchiato selvaggiamente da cinque militari. Se non fossero intervenuti i soldati giordani, probabilmente Vittorio Arrigoni 30 anni, sarebbe stato travolto da un autobus. Questo è il bilancio della terribile avventura che il giovane ha subito alla vigilia di Pasqua. Attualmente il trentenne si trova ancora presso l'hotel Concorde ad Hamman, dove lo abbiamo contattato telefonicamente. Il suo arrivo in Italia è previsto per i prossimi giorni. Arrigoni, residente in paese in via Giovanni XXIII, da anni è impegnato come scudo umano per proteggere le popolazioni palestinesi, e come ogni anno, l'altra settimana, si è recato prima in Giordania, per poi passare la frontiera israeliana. Da qui ha avuto inizio l'incubo.

Vittorio Arrigoni.
"Sono arrivato in frontiera alle 9 - ci ha raccontato il trentenne - avevo un passaporto nuovo, perchè il vecchio era scaduto e dovevo recarmi in Palestina da alcuni amici che mi stavano aspettando. Uno di loro è gravemente malato e dovevo portare dei soldi per le sue cure mediche. Quando l'addetta ai controlli ha verificato il mio nome al terminale, ha avuto un sobbalzo. Ho capito che non sarebbe stato facile, ma non avevo idea di quello che sarebbe successo." Da qui è iniziato un lungo interrogatoio. "I militari israeliani hanno incominciato a torchiarmi chiedendomi ripetutamente se ero un delinquente. Hanno effettuato un controllo assurdo al mio bagaglio, spaccando anche alcuni regali che vi erano contenuti. Mi hanno manomesso il cellulare che ora non funziona più. Dopo una mattinata trascorsa in questo modo mi hanno consentito di chiamare l'ambascita italiana. Il personale italiano mi ha invitato alla calma assicurandomi che mai mi avrebbero fatto del male, visto che Isarele è un paese amico". Evidentemente le cose sono andate diversamente. "Ho subito minacce di arresto - ha aggiunto il trentenne - ma nessuno è stato in grado di spiegarmi il perchè io sono sulla così detta BLACK-LIST, cioè la lista nera. Mi hanno ripetuto che non potevo passare per motivi di sicurezza. Poi sono arrivati tre militari, credo fossero di un corpo speciale, perchè erano alti circa un metro e novanta e pesavano intorno ai cento chili. Uno di loro mi ha detto che avrebbero dovuto muovere violenza contro di me. Ho pensato che l'unica cosa che potessi fare era ispirarmi a Ghandhi. E così ho fatto. Non ho opposto alcuna resistenza. Sono stato sollevato di peso e portato in un autobus". Erano circa le 17. Quando le porte si sono chiuse, ci ha spiegato ancora il trentenne, è iniziato il peggio. "Altri due militari attendevano a bordo del pullman di cui una era una donna - ha aggiunto ancora il bulciaghese - Hanno iniziato a picchiarmi selvaggiamente sul volto e a prendermi a calci. Io portavo un ciuffo di cappeli raccolti in una treccina, che mi hanno strappato dal capo. Il tutto è durato per circa quattro minuti, il tempo di raggiungere il confine con la Giordania. Ma ho pensato che mi avrebbero ucciso. E stata un'eternità. Poi mi hanno buttato al di là della frontiera in territorio giordano, gettandomi addosso la treccina che mi avevano strappato. Se i militari giordani non mi avessero raccolto, mi avrebbero travolto con l'autobus."
Il giovane è stato poi medicato in frontiera e condotto in albergo dove ha avvisato l'ambasciata di quanto era successo. "I militari giordani hanno fatto rapporto su quanto hanno visto. Io ho lividi sparsi per tutto il corpo che attestano quanto è successo, ma le ferite più profonde sono nella mia anima. Non sono più un uomo libero, perchè non posso andare dove voglio. Quello che mi sorprende è che Israele sia indicata come l'unica democrazia del Medio Oriente." Della vicenda di Vittorio Arrigoni si è occupata nei giorni scorsi anche Radio Popolare che ha chiamato il giovane e ha mandato in onda una testimonianza in diretta.

domenica 17 aprile 2011

Vittorio Arrigoni scrisse del suo Battello Ebbro ("Le bateau ivre") come Arthur Rimbaud e disse: "brillerò anche per coloro che non hanno osato"

Il Battello Ebbro di Vittorio Arrigoni (1975-2011) e Arthur Rimbaud (1854-1891). Ebbro perchè il distacco da un mondo convenzionale intriso di omogeneizzazione, mediocrità, divertimenti banali, affetti superficiali, gusti triviali, falso appagamento, incapacità di provare amore e desiderio provoca ebbrezza.
C'è una stupenda poesia scritta il 23 Marzo 2005 da Vittorio Arrigoni, il giovane volontario italiano ucciso a Gaza, che rende, più di ogni altro scritto, l'idea di quel miliziano della pace quale lui era. Ed insieme a lui gli altri giovani caduti per la pace della International Solidarity Movement.   Credo sia stata scritta da lui, di suo pugno, perchè si trova ad oggi solamente in questo post sul suo blog, che ci tengo a dire, rappresenta uno dei libri più emozionanti e facilmente accessibili sul web. Sono sicuro che il blog di Vittorio sarà una delle stelle comete che guideranno le future generazioni verso un mondo di pace più giusto. Pensate solo che il suo motto era "Restiamo Umani". Il titolo della poesia "Le bateau ivre" è ripreso volutamente da una poesia di Arthur Rimbaud scritta nel 1871 all'età di sedici anni, in cui il poeta maledetto si identifica nel viaggio di un battello ebbro, che abbandona le costrizioni del mondo occidentale e cerca di realizzarsi nella libertà della natura, rappresentata dal mare aperto. Se Rimbaud tornerà dall'Africa in Europa per morire tra atroci sofferenze a Marsiglia a soli 37 anni e nella sua poesia l’avventura della evasione fantastica verso l'ignoto si conclude con un ritorno rassegnato, maliconico, quasi autodistruttivo, alla più nota acqua d’Europa, Vittorio Arrigoni nella sua poesia vara un fiero battello ebbro di sola andata e lo guida contro gli "orrori del mondo" conscio del proprio "richiamo al dovere". Morirà soffrendo in Medio Oriente, a Gaza il 15/04/2001 a soli 36 anni.  Sono parole sue: "Ho brillato anche per coloro che non hanno osato."

Vengono i brividi a leggere la versione di Vittorio Arrigoni di "Le bateau ivre":

L'odissea oscura si svela
dinnanzi ai prossimi giorni,

ho un battello ebbro come taxi per il non ritorno,
nessun testamento se non il mio ricordo sepolto
nelle coscienze di coloro che ho amato.
i miei ideali sconvolti si fanno brace
e brucia onnipresente il richiamo al dovere
il volere primo della mia anima errante,
Lasciarsi alle spalle ogni scrupolo di conforto
per la passione della compassione
della connivenza con la tragedia,
della ricerca di un medicamento
contro ogni orrore del mondo.


Sarò in Palestina,
entro poco
se le stelle mi saranno compiacenti
e brillerò anche per coloro che non hanno osato,
perchè non è una resa schivare i domini della morte,
ma è per la mia anima offesa un richiamo alla non abdicazione.


Quella strada che il fato mi fece svoltare
che è presto mutata nella mia causa utopica
e mi perdoni la mia musa,
la mia famiglia certificata
e quella atavica che cercai ricomporre
tutti e tutte coloro che son stati sfiorati dai miei tentacoli d'emozione
chiedo perdono
per non aver osato guardare uno specchio
e scoprirmi reso alla ricerca dell'assurdo.

Vittorio Arrigoni.
Per la difficile interpretazione invece della versione di Arthur Rimbaud, intrisa della stessa droga e delle stesse sostanze allucinogene a cui anelava, potete appoggiarvi a questo link. Ecco la versione del poeta maledetto di "Le bateau ivre":

Appena presi a scendere lungo i Fiumi impassibili,
Mi accorsi che i bardotti non mi guidavan più:
Ignudi ed inchiodati ai pali variopinti,
I Pellirosse striduli li avevan bersagliati.


Non mi curavo più di avere un equipaggio,
Col mio grano fiammingo, col mio cotone inglese.
Quando assieme ai bardotti si spensero i clamori,
I Fiumi mi lasciarono scender liberamente.


Dentro lo sciabordare aspro delle maree,
L'altro inverno, più sordo di una mente infantile,
Io corsi! E le Penisole strappate dagli ormeggi
Non subirono mai sconquasso più trionfante.


La tempesta ha sorriso ai miei risvegli in mare.
Più lieve di un turacciolo ho danzato sui flutti
Che eternamente spingono i corpi delle vittime.
Dieci notti, e irridevo l'occhio insulso dei fari!


Più dolce che ai fanciulli qualche acida polpa,
L'acqua verde filtrò nel mio scafo di abete
E dalle macchie rosse di vomito e di vino
Mi lavò, disperdendo il timone e i ramponi.


Da allora sono immerso nel Poema del Mare
Che, lattescente e invaso dalla luce degli astri,
Morde l'acqua turchese, dentro cui, fluttuando,
Scende estatico un morto pensoso e illividito;


Dove, tingendo a un tratto l'azzurrità, deliri
E ritmi prolungati nel giorno rutilante,
Più stordenti dell'alcol, più vasti delle lire,
Fermentano i rossori amari dell'amore!


Io so i cieli che scoppiano in lampi, e so le trombe,
Le correnti e i riflussi: io so la sera, e l'Alba
Che si esalta nel cielo come colombe a stormo;
E qualche volta ho visto quel che l'uomo ha sognato!


Ho visto il sole basso, fosco di orrori mistici,
Che illuminava lunghi coaguli violacei,
Somiglianti ad attori di antichi drammi, i flutti
Che fluivano al tremito di persiane, lontano!


Sognai la notte verde dalle nevi abbagliate,
Bacio che sale lento agli occhi degli Oceani,
E la circolazione delle linfe inaudite,
E, giallo e blu, il destarsi dei fosfori canori!


Ho seguito, per mesi, i marosi che assaltano
Gli scogli, come mandrie di isterici bovini,
Stupito che i lucenti piedi delle Marie
Potessero forzare i musi degli Oceani!


Ho cozzato in Floride incredibili: fiori
Sbocciavano fra gli occhi di pantere con pelli
D'uomo! In arcobaleni come redini tesi
A glauche mandrie soto l'orizzonte dei mari!


Ho visto fermentare gli stagni enormi, nasse
Dove frammezzo ai giunchi marcisce un Leviatano!
Frane d'acqua scuotevano le immobili bonacce,
Cateratte lontane crollavano nei baratri!


Ghiacciaci, soli d'argento, flutti madreperlacei,
Cieli ardenti! Incagliavo in fondo a golfi bruni
Dove immensi serpenti mangiati dalle cimici
Cadon, da piante torte, con oscuri profumi!


Ai bimbi avrei voluto mostrare le dorate
Dell'onda cupa e azzurra, o quei pesci canori.
- Schiune di fiori, mentre salpavo, m'han cullato,
E talvolta ineffabili venti m'han dato l'ali.


Martire affaticato dai poli e dalle zone,
Il mare che piangendo mi addolciva il rullio
Faceva salir fiori d'ombra, gialle ventose,
Ed io restavo, simile a una donna in ginocchio,


Quasi isola, scuotendo sui miei bordi i litigi
E lo sterco di uccelli dagli occhi bioni, e urlanti.
Vogavo ed attraverso i miei legami fragili
Gli affogati a ritroso scendevano a dormire!


Io, battello perduto nei crini delle cale,
Spinto dall'uragano nell'etra senza uccelli,
Né i velieri anseatici, né i Monitori avrebbero
Ripescato il mio scafo ubriacato d'acqua;


Libero, fumigante, di brume viole carico,
Io che foravo il cielo rossastro come un muro
Che porti, leccornie per i buoni poeti,
Dei licheni di sole e dei mocci d'azzurro;


Io che andavo chiazzato dalle lunule elettriche,
Folle trave, scortato dagli ippocampi neri,
Quando il luglio faceva crollare a scudisciate
I cieli ultramarini dai vortici infuocati;


Io che tremavo udendo gemere acento leghe
I Behemot in foia e i densi Maèlstrom,
Filando eternamente sulle acque azzurre e immobili,
Io rimpiango l'Europa dai parapetti antichi!


Ho visto gli arcipelaghi siderei e delle isole
Dai cieli deliranti aperti al vogatore:
- È in queste notti immense che tu dormi e t'esili
Stuolo d'uccelli d'oro, o Vigore futuro?


Ma basta, ho pianto troppo! Le Albe sono strazianti.
Ogni luna mi è atroce ed ogni sole amaro:
L'acre amore mi gonfia di stordenti torpori.
Oh, la mia chiglia scoppi! Ch'io vada in fondo al mare!


Se desidero un'acqua d'Europa, è la pozzanghera
Nera e gelida, quando, nell'ora del crepuscolo,
Un bimbo malinconico abbandona, in ginocchio,
Un battello leggero come farfalla a maggio.


Non posso più, bagnato da quei languori, onde,
Filare nella scia di chi porta cotone,
Né fendere l'orgoglio dei pavesi e dei labari,
Né vogar sotto gli occhi orrendi dei pontoni.



Ritratto di Arthur Rimbaud all'età di diciassette anni, ca. 1872 (Étienne Carjat). Un anno prima aveva composto Il Battello Ebbro.

venerdì 15 aprile 2011

Nato da una famiglia di partigiani ha combattuto il nazifascismo di oggi: VITTORIO ARRIGONI ed il suo motto "Restiamo Umani"

Vittorio Arrigoni (4 febbraio 1975 – Gaza, 15 aprile 2011). Il suo motto è "Restiamo Umani".
Sono triste. Non avevo mai visitato il blog di Vittorio Arrigoni, non ne conoscevo l'esistenza. Non sapevo che fosse a Gaza dopo il barbaro assassinio da parte degli israeliani di due attivisti di International Solidarity Movement (ISM) Tom Hurndall e Rachel Corrie. Anche Vittorio Arrigoni era membro della medesima associazione. Appena entrato nel suo blog vi leggo "Guerriglia alla prigionia dell'Informazione. Contro la corruzione dell'industria mediatica, il bigottismo dei ceti medi, l'imperdonabile assopimento della coscienza civile. La brama di Verità prima di ogni anelito, l'abrasiva denuncia, verso la dissoluzione di ogni soluzione precostituita, L'infanticidio di ogni certezza indotta. La polvere nera della coercizione entro le narici di una crisi di rigetto. L'abbuffata di un pasto nudo, crudo amaro quanto basta per non poter esser digerito." Poche parole per rendermi conto che avevi già raggiunto tutte quelle verità che una società anestetizzata non è più in grado di capire. Ci lasci in eredità il tuo pensiero, Vittorio. La cosa più importante che potevi lasciarci.


Chi era e cosa ci lascia Vittorio Arrigoni.

mercoledì 13 aprile 2011

Giovani calciatori SOTTO LE LUCI di San Siro e giovani operai SOTTO TERRA. Stanno uccidendo gli operai, HEROES DEL SILENCIO

 
Dedico questa canzone ai miei coetanei operai che cadono come mosche. Solo una rivoluzione vi avrebbe salvato. Le morti bianche sono come l'elenco noioso della spesa. Il prossimo sarai te che stai leggendo? La società se ne frega. Stasera c'è Schalke 04 - Inter.

I giocatori dell'Inter per tirare calci ad un palla sono pagati profumatamente milioni di euro al mese dalla famiglia Moratti. La medesima famiglia detiene lo stabilimento della Saras di Sarroch, a circa 20 chilometri da Cagliari, dove lavorano gli operai per 900 euro al mese. La famiglia Moratti maneggia così tanto denaro da destinare al circo calcistico proprio grazie al sudore della fronte di questi operai. In questo stabilimento un giovane operaio di 30 anni, Pierpaolo Pulvirenti, è morto il 12 Aprile 2011 dopo essere rimasto intossicato. Assieme ad altri due colleghi stava effettuando lavori di manutenzione di un serbatoio. Gravi anche le condizioni del collega Gabriele Serrano, 23 anni, anche lui intossicato dal gas. Non destano, invece, preoccupazione quelle di Luigi Catania, il terzo operaio coinvolto nell’incidente, che si è fratturato una gamba cadendo da una scala nei concitati momenti successivi all’incidente.
Nello medesimo stabilimento della Saras, il 26 maggio 2009, erano morti altre tre operai, anche loro intossicati mentre effettuavano i lavori di bonifica di una cisterna. Gigi Solinas, 26 anni, si sentì male subito all’interno del serbatoio mentre Daniele Melis, 30 anni, e Bruno Muntoni, 56 anni, persero la vita nel tentativo di soccorrere il collega. 
Che a morire siano giovani precari di ditte d'appalto, non è un caso. In prima linea a morire ci mandi carne giovane inesperta da macello.


Se esiste una sequenza di morti di giovani vite di operai, da qualche parte ci sarà UN MANDANTE ASSASSINO, che si arricchisce risparmiando sulla loro sicurezza. QUESTO ASSASSINO VA CONSEGNATO ALLA GIUSTIZIA, perchè è seriale, cioè tenterà sempre di arricchirsi a spese della vita degli altri.

giovedì 7 aprile 2011

Qual è una canzone ever green riempipista? In and out of love.


L'ho ballata nelle estati magiche nelle isole Greche; con questo dolce ululato femminile "Huuuuuuuhh" che si libra e vibra nell'aria ricordando Madonna, ho letteralmente volato; è tra le melodie più belle di sempre. Armin Van Buuren lyrics feat Sharon Den Adel - In and out of love. Si inizia a ballare please, è iniziata la primavera.

See the mirror in your eyes
See the truth behind your lies
Your lies are haunting me

See the reason in your eyes
Giving answer to the why
Your eyes are haunting me

mercoledì 6 aprile 2011

Questa è l'Italietta che umilia la Storia. Il Popolo della Libertà tenta di abolire l'Apologia di Fascismo.


Gli esponenti del Popolo della Libertà Cristiano De Eccher, Fabrizio Di Stefano, Francesco Bevilacqua, Giorgio Bonacin, Achille Totaro, hanno presentato in Senato un disegno di  legge costituzionale per abolire la norma che vieta «la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista» (Fonte Corriere.it) Questo, è sicuramente uno degli episodi più gravi, se non il più grave, nell'epoca infame del berlusconismo. Una vergogna senza fine.

martedì 5 aprile 2011

Thank you Wes Madiko



Wes Madiko, cantante nato nel 1964 in Motaba, nella sperduta Repubblica del Cameroon, meglio conosciuto semplicemente come "Wes", riuscì nel 1997 a catapultare in Europa il continente africano con il singolo "Alane"; fu un successo senza precedenti. Mi è rimasta nel sangue questa canzone. Il ritmo, il calore, il sogno di un'Africa che poteva scaldarci, illuminarci, indicarci un cammino giusto per tutti i popoli sulla terra. All'inizio del video una ragazza africana balla tra i pannelli solari. Era il 1997. Thank you Wes Madiko.


Il ritorno?

Sharing