venerdì 29 febbraio 2008

Giustizia per Federico Aldrovandi:renovatio nella Polizia di Stato


C'è una madre in Italia, che chiede dal suo Blog, di "accendere una luce sul buio che doveva coprire la morte di suo figlio". Un lumicino provo ad accenderlo anch'io sulla vicenda, cercando con l'occasione di capire perchè la maggior parte delle persone quando viene fermata dalla Polizia di Stato, ha paura, invece di sentirsi protetta.

Il corpo tumefatto di Federico Aldrovandi, un giovane nato a Ferrara il 17 luglio 1987 e mortovi il 25 settembre 2005 all'età di 18 anni, dopo una collutazione con 4 agenti della Polizia di Stato. La madre di Federico Aldrovandi, è stata costretta a pubblicare sul suo Blog questa foto del figlio scattata in obitorio, perchè all'inizio la tesi della questura tendeva a sostenere che il giovane fosse morto a causa di una overdose dovuta alle droghe che aveva ingerito (francobolli all’Lsd o ecstasy). In effetti la foto, che evidenzia le ecchimosi dovute alle percosse, si commenta da sola.
All’alba del 25 settembre 2005 il diciottenne Federico Aldrovandi, incesurato, muore ammanettato a faccia in giù, in una pozza di sangue durante un controllo di polizia. Purtroppo in una simile vicenda ovviamente i contorni sono poco chiari. Non voglio qui ripercorrere l'intera vicenda che peraltro è complessa e largamente trattata nel web (vedi l'articolo "Uno squillo nell'alba di Federico" del Corriere della Sera ), ma nel documentarmi mi sono soffermato su due elementi oggettivi, che mi paiono importanti ed inconfutabili:
  1. Due manganelli furono rotti nella collutazione tra i 4 agenti e Federico. (vedi dichiarazione dell'allora Ministro Giovanardi in Parlamento nel corso di una interrogazione parlamentare)
Nel prossimo video, con Federico ormai morto ed accasciato sull'asfalto si sente distintamente un poliziotto dire "eh, sono l'unico che ha il portafoglio" (di federico) e poi una fragorosa risata.
-
Da questi due fatti oggettivi, e quindi non confutabili dalla accusa e dalla difesa, credo che nascano delle considerazioni spontanee. Possibile che 4 agenti siano costretti ad usare e quindi a rompere dei manganelli sulla testa di un 18 enne disarmato pur di immobilizzarlo? La cultura del manganello, è l'unica parola della polizia? Se 4 poliziotti sono costretti a usare il manganello per immobilizzare un giovane disarmato, non è meglio che cambino mestiere? Non mi risulta che nessuno dei 4 polizziotti abbia riportato alcuna contusione. Ipotizziamo anche che Federico, fosse in preda ad una crisi a causa delle droghe che pare avesse assunto, il comportamento di 4 professionisti delle forze dell'ordine è quello di rompergli 2 manganelli sulla testa? E poi, possibile che la morte di un ragazzo di 18 anni, una giovane vita spezzata, dia la possibilità ad un poliziotto a pochi metri dal corpo esamine di ridere in modo fragoroso dopo una battuta di un collega? No, davvero, la madre di Federico ha ragione a gridare che qualcosa in questa faccenda davvero non torna.

Federico, alla sera andava a distribuire le pizze per non gravare troppo sull'economia della famiglia. Meritava uno Stato che funziona, che capisce i giovani e le loro problematiche (alle 5 del mattino purtroppo è pieno di giovani impasticcati che ritornano a casa, ed il manganello non è il modo per dialogare con loro) e che punisce in modo trasparente chi tra i suoi rappresentanti compie abusi di potere. Anche nella sventurata ipotesi che Federico cantasse e sbraitasse in preda a sostanze dopanti, che fosse aggressivo o manesco (come riportano le fonti della polizia), resta il fatto che Federico era disarmato, e quindi i lividi sul suo volto, il suo sangue, sono le immagini di un omicidio.
La madre di Federico nel suo Blog dice tra le tante cose "Si pensi che la macchina della polizia contro la quale si sarebbe fatto male mio figlio, non è stata sequestrata ed è stata lavata e riparata sottraendola all’esame dei periti del GIUDICE. Si pensi che i manganelli rotti sul corpo di mio figlio non sono stati sequestrati ma sono stati consegnati, ripuliti, solo dopo l’esplosione del blog."
Quella mattina in una delle volanti c'era un defibrillatore. Uno degli agenti aveva anche fatto il corso per poterlo utilizzare. Invece di sentire degli agenti di Polizia ridere maneggiando il portafoglio di Federico, sarebbe stato bello sentirli concitati nel cercare di salvargli la vita con il defibrillatore dopo averne accertato l'arresto cardiaco. Questo significa essere dei professionisti, degli uomini. I picchiatori, non sono degli uomini.

Punto GPS N 14°24.644 W 003°19.699. La solidarietà accesasi intorno al caso di Federico si è materializzata nella costruzione di pozzo per l'approvigionamento di acqua in Mali. Il pozzo, entrato in funzione nell'agosto 2007 e costato 5050 € , è stato finanziato dagli amici di Federico.
Che la Polizia di Stato abbia un bisogno estremo di rinnovarsi e di far emergere dentro di se personale altamente qualificato, lo si evince dai numerosi filmati che ho raccolto. Il fatto che sia un mestiere difficile e pericoloso, sottopagato piuttosto che dimenticato dallo Stato, non può diventare una eterna scusante che giustifichi innumerevoli episodi in cui la reazione delle forze dell'ordine è risultata sproporzionata alla minaccia se non del tutto arbitraria.
In Italia, ci sono tanti altri lavori che sono molto più pericolosi e sottopagati: penso a quei "cavatori" che ricorda Luis Sepulveda nel suo "Le rose di Atacama", in cui peraltro si rammenta che nella zona di Carrara muoiono da sei a otto cavatori all'anno (la polvere di marmo è una maledizione bianca che pian piano pietrifica i polmoni), penso ai lavoratori edili generici nei tanti cantieri italiani, che cadono come mosche nell'indifferenza generale.
Gli episodi, che mi sono rimasti impressi particolarmente in questi anni, vanno dalle violenze della polizia e di altri corpi al G8 di Genova (2001), all'assassinio di Federico Aldrovandi (2005) e di Gabriele Sandri (2007).
Per quanto riguarda i fatti del G8 di Genova, io rimango convinto che un qualsiasi drappello di poliziotti o carabinieri non debba in nessun caso, mai e poi mai, arretrare di fronte a bande di facinorosi, a meno che la ritirata non possa perpetrarsi in modo del tutto composto e tale da alleggerire una situazione pesante. A Genova, nel 2001, ho visto drappelli delle forze dell'ordine ritirarsi in modo caotico e confuso, rendendo le orde di scalmanati ancora più aggressive, come se si stesse giocando al gatto che rincorre il topo. Carlo Giuliani, è morto proprio durante il ritiro caotico del 12° Battaglione Sicilia dei Carabinieri. Se una camionetta dei carabinieri non si fosse trovata isolata e i suoi occupanti non fossero stati colti dal terrore, forse Carlo Giliani sarebbe ancora vivo. Questo la dice lunga sull'impreparazione, delle nostre forze dell'ordine, e sulla responsabilità ancora più grave, di chi in quella occasione, ha messo personale senza esperienza (ad esempio Mario Placanica, il carabiniere che materialmente sparò uccidendo Carlo Giuliani) a fronteggiare una tale situazione. Nessuno mette in dubbio l'aggressività dei manifestanti, ma è anche vero che esistono gli strumenti dissuasivi idonei per non indietreggiare di fronte a centinaia di scalmanati, fino ad arrivare all'estremo rimedio, cioè sparare proiettili di gomma.
    Sequenze fotografiche della morte di Carlo Giuliani.
Oltre alle sopraccitate ritirate caotiche di molti reparti, che non hanno fatto altro che aumentare il disordine, la scarsa professionalità di una parte delle forze dell'ordine si è manifestata nella totale mancanza di coordinamento tra i reparti coinvolti (sembra non funzionassero bene le comunicazioni radio, figuriamoci in caso di conflitto), un atteggiamento sprezzante fascista politicamente orientato contro i manifestanti, l'abuso di potere concretizzatosi in percosse gratuite ed offese morali inutili. Testimonianza di quanto appena detto, sono i prossimi video. Ogni calcio in più ad un manifestante inerme, è un calcio all'onorabilità del corpo di cui fa parte il funzionario dello Stato; questo è il mio modo di pensare. Il primo filmato testimonia l'utilizzo criminale dei blindati contro i manifestanti. Questa non è professionalità. Basterebbe che uno di quei blindati sbandasse perchè un manifestante muoia.
Il secondo filmato testimonia l'utilizzo di armi improprie da parte dei carabinieri.
-
Le nostre forze dell'ordine hanno suscitato anche perplessità all'estero, poichè duranti partite di calcio a livello europeo (Roma - Manchester United) si sono messe in evidenza per un utilizzo indiscriminato del manganello, che può causare lesioni interne anche molto gravi.
L'episodio che comunque, ha lasciato sconcertati molti italiani, credo sia stato non molti mesi fa, una conferenza stampa surreale, con il portavoce della Polizia Roberto Sgalla (lo stesso del G8 di Genova) che chiede ai cronisti di non fare domande e il questore di Arezzo Vincenzo Giacobbe che racconta una storia in cui un poliziotto della stradale ("un ottimo elemento che di solito opera benissimo") spara due colpi in aria ma colpisce un giovane tifoso laziale seduto sul sedile posteriore della Megane Scenic che stava lasciando l'area di servizio di Badia al Pino. Gabriele Sandri. 
Ora che un questore in Italia, si possa permettere di prendere in giro i cittadini dicendo che un agente ha sparato in aria ed un giovane di 28 anni, Gabriele Sandri, contemporaneamente viene colpito al collo da un proiettile e muore, forse diventa imbarazzante per quella che ufficialmente si dice essere una democrazia. Tale episodio la dice lunga sul clima omertoso e autoreferenziale che si respira nella Polizia di Stato.

Gli ultimi episodi hanno visto la polizia distinguersi particolarmente nel manganellare i cittadini che protestavano a Marigliano (NA) per questioni legate allo smaltimento dei rifiuti.
La Polizia, deve rinnovarsi. La cultura del manganello non paga. La violenza crea violenza. Anch'io nel lontano 2002, ho avuto un incontro ravvicinato alle 4 del mattino con una volante della Polizia impazzita. Avevo 22 anni. Voglia di chinarmi al potere arbitrario zero, orgoglio come sempre da vendere. Mi ero fermato dopo essermi imbattuto in un incidente stradale sul Terraglio (strada che collega Mestre a Treviso), in cui non ero minimamente coinvolto. Ero rimasto scioccato dal fatto che avevo visto una persona dolorante venire estratta dalle lamiere. Figuratevi cosa mi successe per aver avuto il coraggio di dire ai due poliziotti della volante che sopraggiunse, che erano in notevole ritardo. Per un paio d'ore, in modo arbitrario sono stato tenuto sotto le intemperie al freddo, anche dopo che i protagonisti dell'incidente e le loro autovetture erano state portate via. Denigrato, trattato come un criminale. Me la volevano far pagare. La pressione psicologica era fortissima. Quella notte era in corso una tempesta. Subii gravi ingiustizie, una per tutte la contestazione della guida in stato d'ebbrezza e relativo sequestro del veicolo, quando quei poliziotti non mi avevano mai visto guidare visto che erano stati chiamati li per un incidente stradale; ingiustizie che mi spinsero per fortuna a non firmare il verbale stillato da quel Poliziotto. Ma a questo mondo a volte esiste una Giustizia. Il medesimo poliziotto nell' Aprile del 2007 venne arrestato per concussione. 

Nel 2002 avevo lasciato depositato agli atti, tra le altre cose quanto segue "Io continuavo ad avere la sensazione che il funzionario ce l’avesse con me, per ciò che avevo detto riguardo il ritardo nell’arrivo del posto e che me la volesse far pagare, tant’è vero che ad un certo punto scoraggiato dall’atteggiamento del funzionario di Polizia, che a mio avviso si disinteressava dell’incidente per accanirsi su di me, ho chiamato i Carabinieri (112) e nuovamente la Polizia Stradale". Nel 2007 al medesimo poliziotto sono stati contestati decine di episodi dove terrorizzava gli automobilisti nel Veneto facendosi scudo della divisa. Gli atteggiamenti intimidatori, provocatori, persecutori e assurdi verso gli automobilisti, erano gli stessi che aveva assunto verso la mia persona nel 2002.Vi rendete conto, di quanti danni possa causare anche soltanto un agente corrotto?
La Polizia inoltre deve imparare a confrontarsi con i giovani. E' difficile trovare in Italia, un giovane che pensi che la Polizia sia amica del cittadino. Perchè una simile fama? Perchè quelle pantere sulle volanti ad intimorire, e non una politica di avvicinamento a quello che è il cittadino comune. Gli occhiali scuri, tipo rambo, i modi di fare bruschi ed arbitrari perchè, perchè, perchè? Non puoi chiedere ad un giovane di abbassare lo sguardo perchè è un poliziotto ad intimartelo. Io penso di capire la situazione nella quale è morto Federico Aldrovandi.
----------------
Non ho mai capito perchè, le volanti con a bordo persone che detengono un potere enorme, tra cui anche quello di uccidere loro simili, non vengano dotate di telecamere in modo che il "controllore sia effettivamente a sua volta controllato", anche nel suo interesse. Chi impugna manganelli, pistole, o qualsiasi arma che possa arrecare offesa, e detiene il potere di preservare l'ordine, dovrebbe avere tutto l'interesse affinche vi sia una prova costante ed inconfutabile del pieno rispetto delle leggi. Finchè non verrà installata una telecamera per ogni volante, esisteranno sempre delle zone d'ombra, che vanno a discapito dei più deboli e di chi tra i poliziotti fa questo lavoro in modo onesto e non violento, per quanto possibile.

2 commenti:

Sharing