lunedì 18 febbraio 2008

Controllo della velocità media con sistema TUTOR

Portale con Tutor. Il sistema individua e punisce chi, spingendo sull'acceleratore per lunghi tratti, mette a repentaglio la vita degli altri. I dati relativi alle auto che hanno rispettato i limiti di velocità sono immediatamente eliminati.
-
Se hai raggiunto questo articolo, attraverso qualche motore di ricerca, probabilmente guidando in autostrada hai sgranato gli occhi davanti all'avviso appena riportato ("con tutor controllo velocità media speed control") rimanendo traumatizzato o sorpreso dal Tutor, il nuovo"controllore" di velocità, utilizzato sulle strade a partire dal 23 dicembre 2005 (e chi lo sapeva?). Purtroppo gli automobilisti italiani non sono stati informati adeguatamente della novità, e quindi ho pensato di scrivere un articolo, che altro non è che un riassunto di quanto riportatato dal sito web della Polizia di Stato e quello di Autostrade S.p.A.
Segnaletica ufficiale di preavviso del Tutor
-
- Cos'è il Tutor?
Il Tutor è un innovativo sistema, sviluppato da Autostrade per l'Italia e messo a disposizione della Polizia Stradale che ne detetiene la piena ed esclusiva disponibilità, che permette di rilevare, in base al tempo di percorrenza, la velocità media dei veicoli.
Il Tutor, una volta riscontrata la violazione e previa convalida dell'agente di Polizia, interroga gli archivi della Motorizzazione per risalire all'intestatario, compila e stampa il verbale per la firma in originale e, contestualmente, inoltra in via informatica i dati per la procedura di notifica al trasgressore.
-
- Come funziona il Tutor?
Il Tutor permette, grazie all’installazione di sensori e portali con telecamere, il rilevamento della velocità media lungo tratte autostradali di lunghezza variabile, indicativamente tra 10 e 25 km. La velocità media è calcolata in base al tempo di percorrenza: il sistema monitora tutto il traffico e ne registra gli orari di passaggio sotto i portali posti all’inizio ed alla fine della tratta controllata.
-
- Dove è attivo il Tutor?
Attualmente il sistema è strutturato su 76 postazioni di rilevamento della velocità che coprono 1.056 Km di autostrada in concessione alle sociètà autostradali "Autostrade per l'Italia" e "Strada dei parchi". Clicca qui per l'elenco completo dei Tutor. E' importante sottolineare che le aree d'installazione del sistema sono state individuate in base al numero di incidenti e lo scopo è quello preventivo per creare un deterrente alle velocità più elevate. Il piano di installazioni 2008/2009 permetterà di raggiungere una copertura con il sitema Tutor di oltre 2500 km.
-
- Quando è attivo il Tutor?
Il Tutor è in grado di funzionare in qualsiasi condizione atmosferica e di illuminazione (di notte, con pioggia, in presenza di nebbia con visibilità fino a 30/40 metri)
-
- Quali sono i vantaggi?
Nei periodi di grande traffico sono più di 10 milioni i veicoli in viaggio sulle autostrade italiane. Le statistiche mostrano come oltre il 90% degli incidenti mortali sia dovuto a comportamenti di guida inadeguati e come ogni anno la velocità causi circa il 60% dei decessi che si verificano in autostrada. I risultati positivi del Tutor sono i seguenti:
  • Tasso di mortalità: - 50%
  • Tasso di incidentalità con feriti: -27%
  • Riduzione della velocità media (-15%) e della velocità di picco (-25%)
Il controllo automatico della velocità permette inoltre di impiegare le pattuglie della Stradale in altri servizi come: l'attività di soccorso, il rilevo di incidenti stradali, il controllo sul trasporto di merci pericolose. Il Tutor realizza in automatico i controlli che richiederebbero, in ciascun tratto controllato, l'impiego di dieci pattuglie al giorno.
-
- E la privacy?
E' Realizzato nel rispetto delle più severe norme sulla tutela della privacy e sicurezza informatica.I dati relativi alle auto che hanno rispettato i limiti di velocità sono immediatamente eliminati.
Per eventuali controversi relative al servizo autostradale è possibile attivare una procedura di conciliazione con il supporto delle Associazioni dei Consumatori qui indicate:
  1. ADOC
  2. ADUSBEF
  3. CODACONS
  4. FEDERCONSUMATORI

7 commenti:

Giassai ha detto...

C'hai la percentuale sui tutor? E le statistiche le prendi direttamente da studio aperto?

Comunque, sull'onda delle tue considerazioni, propongo di togliere l'asfalto dalle strade.

- Quali sono i vantaggi?

Tasso di mortalità: -100%
Tasso di incidentalità con feriti: -100%
Riduzione della velocità sia media che di picco: -100%

Tutto di guadagnato!

Sciretti Alberto ha detto...

http://www.poliziadistato.it/pds/primapagina/stradale/tutor_a4.html

http://www.repubblica.it/2007/10/motori/motori-ottobre-2007/motori-tutor-2007/motori-tutor-2007.html

Spero tu abbia dei dati che io non ho, per essere così acido e sarcastico. I dati li ho estrapolati da siti istituzionali. A questo punto visto il tuo sarcasmo, sicuramente dovuto al fatto che possiedi dati diversi, denuncia la Polizia di stato per calunnia, perchè nel link che ti ho mandato dice "E così a quasi tre anni dal suo utilizzo, il sistema Tutor ha avuto un ruolo fondamentale nel ridurre di oltre il 50 per cento il numero di incidenti mortali sulle autostrade."

Cmq se avessi viaggiato un po' ti saresti reso conto anche di persona di come nei tratti in cui è installato il tutor chi ha il piede pesante al volante rallenti e non ci siano più andature folli.

Ti devi documentare prima di lasciare un commento per dare aria alla bocca.

Saluti

Anonimo ha detto...

Salve , senza essere sarcastici o incoscienti , ritengo l'uso del Tutor un grosso spreco di soldi pubblici .
Se il nostro Stato ci tiene ad abbassare il livelli di mortalità da velocita' eccessiva basterebbe approvare una norma per cui tutte le auto circolanti sul suolo italiano sono omologabili solo se non superano i 130 Km/ora , anche se dispongono di motori con 450 CV (proposta già formulata lo scorso anno dali'ex ministro Bianchi!)
Si possono comunque divertire ai caselli autostradali con gare di accelerazione .... sino ai 130 Km. ahah aha !!

E per chi "cracca" il limitatore confisca immediata dell'auto , senza se e senza ma !!
Nessun casa costruttrice , anche straniera puo' lamentarsi perchè sarebbero tutte alla pari .
saluti cordiali
Gianfranco

Anonimo ha detto...

Si è tenuto conto che in caso di traffico sensibile si formano i trenini di auto in corsia di sorpasso a 130km orari ?? con evidente rischio di tamponamento a catena !!

Anonimo ha detto...

in particolare per la tangenziale di Napoli col TUTOR chiediamo làabolizione del pedaggio in quanto non chè più la convenienza di evitare la perdita di tempo in quanto a volte si va più veloci da fuori che da dentro e poi diventa un'attività a scopo di lucro in quanto ci guadagnano fior fiore di monete a colpire in massima parte lavoratori che dopo dieci ore e più di ore fuori di casa hanno le palle rotte e devono frenare in discesa perche senza accellerare con la sola forza cinetica del mezzo superano i limiti. 80 è come andare a piedi.
inoltre io metto il limitatore eletrtronico a 88 km orari e il 90 % di auto mi sorpassa )rimangono indietro solo le piattole o i ciecotalpa. scioperiamo non paghiamo e intasiamo a 20 orari la tang. e dopo gli sportelli punto blu per pagare il pedaggio.

quel porco

Anonimo ha detto...

mi trovi pienamente d'accordo,
i limiti di velocita' sono troppo bassi
andavano bene quando c'erano le 126, la simca la 128, la bianchina, macchine cioe' con prestazioni d sicurezza ke si limitavano ai soli freni e neanke tanto buoni,
aesso con ABS, ESP, gomme larghe ecc ecc quando vai a 150 nn te ne accorgi neanke.
io penso ke la causa degli incidenti e' la distrazione e nn la velocita',
il ministro o le forze dell'ordine nn possono dirmi ke una mercedes, un'audi, una porsche, o una qualsiasi auto "normale" nn e' facilmente gestibile in tangenziale o in autostrada a 100-150km/h, quindi alziamo i limiti di velocita' e facciamo piu' controlli anke con auto civetta in giro x le autostrade a vedere ki "dorme" in macchina e puniamo essi pesantemente e nn ki pigia un po' di piu' il piede sull'acceleratore se e' concentrato sulla guida senza distrazioni tipo cellulare, fumo di sigaretta ke gli va negli occhi, ecc ecc

Sciretti Alberto ha detto...

Poi ci sono storie drammatiche come questa, in cui un ragazzo vicentino di soli 24 anni perde la vita perché un suo coetaneo guidava contemporaneamente contromano sotto effetto di sostanze ed alcool. La madre del ragazzo per la disperazione si è tolta la vita. http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/cronaca/2011/4-giugno-2011/figlio-muore-incidente-madre-si-suicida-notte-190795072782.shtml
Questa vicenda dovrebbe insegnarci che anche la nostra velocità è importante, perchè ci permette di evitare anche l'altrui follia o un bambino che improvvisamente attraversa la strada; è importante andare piano perchè hai più spazio di frenata o puoi avere quella frazione in più che ti permette di scansare il pericolo. Il destino sulla strada ce lo creiamo noi. Viviamo la performance come unico obiettivo tanto quanto vediamo morire il vivere sano. Questo nel lavoro (sempre più padri stressati dal lavoro recentemente addirittura si dimenticano i figli neonati dentro la macchina sotto il sole) e di riflesso nella vita. Io sono favorevole ai limitatori di velocità da poter disinserire solo in caso di pericolo con obbligo di motivazione in apposito verbale autocertificato. Sono favorevole al ritiro a vita della patente a chi provoca gravi incidenti. L’italia è uno Stato Ferrari. Che schifo.

Sharing