domenica 17 novembre 2013

Cambridge, where have all the beefs gone?

Beefs graze on the Midsummer Common in Cambridge.
Midsummer Common has provided grazing for animals since at least the 12th century. Grazing from 1st April to 30th November in each year. The word graze is related to the word "grass". In fact we are all in dept with that wonderful beefs. The grass is kept low and we can all have fun in that park close to the River Cam. They are a popular attraction - artists have been sketching them and children have been chasing after them. The problem started when I wondered where all the beefs have gone. Sadly, the tale is over. I saw on the Cambridge News the following advertising: "It has been a good summer and the cattle have done well on Midsummer Common and Grantchester Meadows. There is your chance to stock up for the winter, have some locally grass fed beef at home, whenever you want it." So, we use them and when have done their job, we eat them. You walk past these beefs and they look wonderful and then you see that you can buy their meat. It's not very nice is it?"

Ca' Foscari, Università della propaganda rettorale.



Sarete entrati almeno una volta nella vostra vita nel Rettorato di una Università Italiana. Silenzio celestiale. Marmo fresco. Finalmente spazio sconfinato in quei saloni. Quello spazio che a lezione è sempre mancato. Il ricordo delle aule universitarie anguste ti fa male. Soffitti lontani intarsiati, ti ricordano una Grande Basilica, memorie di una gita scolastica lontana. Candelabri e quadri reali. Busti. Poi una voce. Quella del Magnifico RettoRE. Ti avvicini attirato da quel suono divino che sembra provenire da un pifferaio magico. Inciampi nel tappeto rosso porpora dove giace un ermellino morto. Il maggiordomo autista del RettoRE sta cacciando nel salone. Finalmente odi chiaramente la sua voce. Il Magnifico RettoRE, mappamondo in mano, estasiato sta moltiplicando per tre le rette universitarie del prossimo anno. Un nuovo autoritratto con cornice in oro con la scritta "Ho investito i vostri soldi nell'istruzione universitaria". Il quinquennato del Re Sole. Affermare verità sacrosante mentre si pronunciano le menzogne più artefatte.

All'inizio del video la voce è quella del Magnifico RettoRE dell' Università Ca' Foscari Venezia, Prof.re Carlo Carraro (2009-2014). Secondo Wikipedia viene riconosciuto a livello internazionale come uno dei principali esperti di economia ambientale ed infatti nel video considera buttati i soldi stanziati per aiutare la discarica Grecia al collasso. Palle, palle ci vogliono le palle all' Università della propaganda rettorale in un bellissimo paese in rovina.

domenica 10 novembre 2013

Tutte le Amazzoni del dittatore Berlusconi.

Tutte le donne del Presidente Berlusconi
Sono disposte a tutto. Mordono negli studi televisi italiani per proteggere il loro dittatore. Sono le Amazzoni del presidente Berlusconi. Selezionate con cura maniacale disturbata, sono calde e passionarie. Se Alessandra Mussolini morde con rabbia, nel frattempo Daniela Santanchè ti fa uno sprezzante dito medio. Sguardo arrapato dallo stipendio sicuro, usano tecniche elaborate di vendita nell'affermare verità sacrosante mentre pronunciano le menzogne più artefatte. Ritengono contemporaneamente valide due opinioni che si annullano a vicenda, sapendole contraddittorie fra di loro e tuttavia credendo in entrambe. Fanno uso della logica contro la logica. Rinnegano la morale proprio nell'atto di rivendicarla. Sono le donne amazzoni di Silvio Berlusconi. 

Goodbye virtual morbidity, goodbye Facebook.

Do you really want to delete your Facebook account? Yes, sure.
Few days ago I decided to say goodbye to Facebook. I didn't scream and shout. I wasn't sad. I was happy. I felt as I was doing the right thing at the right time. Not the past, I choose the future. Now, I feel free. To be frank, I had never liked this virtual social network that has become every day more and more a commercial product that smells commercial everywhere. People look at your life as they are looking at your house through the window of your dining room. The pathological disease to show every moment of your life. Boring. Facebook promotes morbidity. Another American commercial product that spies on our lives. Today I am not surprised to read on the Guardian an article called 'Teenagers say goodbye to Facebook'. Simply, Facebook is seeing a decrease in daily users - especially teenagers. Teens are very often the pioneers of our future. They point the rest of us towards something else. So, let's choose something else and stop stalking people you barely know on Facebook. Stop a virtual life and start a real one. Stop Facebook. 

sabato 26 ottobre 2013

Help to free Greenpeace activists.


Please immediately release the 30 people currently detained in Russia following the boarding of the Greenpeace ship the Arctic Sunrise. The illegal boarding of the ship in international waters and subsequent hooliganism charges against its peaceful crew are unacceptable. 

Right now, 28 of our activists, a photographer and a videographer are being held in custody by the Russian authorities. We urgently need your help to free them.

The Arctic Sunrise had been part of a peaceful protest against energy giant Gazprom, which is poised to drill for the first oil to come out of the icy waters of the Arctic.

Using a helicopter and ropes, armed Coast Guards illegally boarded the ship and held those on board under armed guard whilst they towed the ship to shore. Our team were then remanded for up to two months by a court in Murmansk.

The authorities said they needed time to investigate possible charges of piracy. On 23 October they changed those charges to hooliganism, which carries up to seven years in jail. This is a wildly disproportionate charge and is an assault on the right to peaceful protest.

The Arctic 30 have been in Russian prison for over one month now - please release them to their families without delay.

La musica più bella, ma naturalmente su questo blog.


Da tempo mi capitava di sentire alla radio mentre mi reco a lavoro una canzone, il cui ritornello di facile memoria fa più o meno così: 'I just wanted to let you know, I love you, Don't ever let go'. Trattasi di Sonnentanza (Sun don't shine ft. Will Heard). La musica più bella? ma naturalmente su questo blog, basta cliccare sul tag\etichetta Musica

I've walked through the valleys of the wilderness in time,
Only to find out
That you have love in places I can't describe, yeah
I need you
It's the sunrise

I just wanted to let you know,
I love you
Don't ever let go
Cos the sun don't shine when you're not around mines
And I'll never, be without you

Singing the sun don't shine
The sun don't shine (x2)
The sun don't shine without you, without you

The world is bass and time, your love is mine
But the sun don't shine without you, without you, yeah

When I saw you rise the other day,
I felt our worries just seem to melt away into you
Into you, yeah

I just wanted to let you know
I love you
Don't ever let go
If the sun don't shine when you're not around mines
And I'll never, be without you

Singing the sun don't shine,
The sun don't shine (x2)
The sun don't shine without you, without you

The world is bass and time, your love is mine
But the sun don't shine without you, without you, yeah

sabato 19 ottobre 2013

Casapound, sede ufficiale dell'Ignoranza.

L'Ignoranza ha la propria sede ufficiale. Casapound, palazzo ufficiale dell'Ignoranza.
« È vero, siamo fascisti. Ma del terzo millennio. » 
(Intervista al leader CasaPound, 2011)

mercoledì 16 ottobre 2013

Il nuovo che avanza, Matteo Renzi.


Diciamocelo, Matteo Renzi rappresenta il nuovo che avanza. Occhetto, D'Alema con i loro baffi sovietici hanno intristito abbastanza il centrosinistra italiano. Nell'epoca dei social network, eccolo il nostro Tony Blair tutto italiano.  Sornione, sempre sorridente, la battuta sempre pronta, frasi telegrafiche lunghezza Twitter. Piace spensieratamente e candidamente. Ditemi dove è il "Mi piace" e ci clicco sopra. La sua patina cotonata rottama le tristi congiure di palazzo (Botteghe oscure). Andremo in rovina, ma volete mettere... ci andiamo sorridendo candidamente. Se Berlusconi alle prossime elezioni calerà il suo asso con una proposta shock "0 tasse per tutti", lui ha pronta la sua arma segreta: ballerà in fusó "Lo Schiaccianoci" ad Amici di Maria de Filippi. Il nuovo che avanza, Matteo Renzi.
Un prodotto PD-L
Attenzione: leggere attentamente il foglio illustrativo. Potrebbe portarti in guerra in Iraq dicendoti sorridendo che ci sono armi di distruzione di massa.

martedì 15 ottobre 2013

Erich Pribke è morto, la discarica all'anima sua.

Neonazisti salutano con il saluto romano il feretro di Pribke (15/10/2013).
Ora, Erich Pribke fu uno psicopatico capitano delle SS durante la seconda guerra mondiale in Italia, condannato all'ergastolo per aver partecipato alla pianificazione e alla realizzazione dell'eccidio delle Fosse Ardeatine. Perchè vi aggiungo psicopatico? Beh, diciamo che uno che non ha mai mostrato un reale pentimento o chiesto scusa per aver ordinato l'uccisione di 335 persone deve avere dei "leggeri" disturbi di percezione della realtà. Erich Pribke è morto, la discarica all'anima sua. Manca il coraggio però di buttare in discarica il suo corpo senz'anima. Ammesso che avesse una anima in vita. Eccoci quindi alla fantomatica sceneggiata italiana di fronte alla tumulazione. E chi non può mancare in questi momenti concitati? Chi può avere quel cattivo gusto di venire ad insultare la propria intelligenza al funerale? Eccoli, i disturbati neonazisti a salutare con il saluto romano. Ora, il saluto romano sarebbe vietato in Italia dalla legge n. 645 del 20 giugno 1952 ("Legge Scelba"), successivamente modificata con la Legge n. 205 del 25 giugno 1993 ("Legge Mancino"). Ma diciamocela tutta. Ve li vedete i nostri poliziotti romani identificare ed arrestare dei loro confratelli? Sarebbe come se il Vaticano ordinasse l'identificazione e l'arresto di tutti i preti segnalati per pedofilia. Non è mai avvenuto e mai avverrà. Eccola la sceneggiata italiana, tutta connivenza neofascista. Tutta ignoranza.

This isn't Sparta. It's Venice.

Canaletto, Capriccio with Venetian Motifs, Saint Louis Art Museum. 
At the beginning we were only a village, with lots of huts. We fished and sold salt. We were free and no one dared to hazard into our waters: sandbanks and quagmires, shoals made treacherous by the tides. The coast mutates from day to day, from hour to hour actually. 
The village was founded by people in misfortune, the refugee of Aquileia, destroyed by Attila and his Huns. Others came afterwards: from Gradus, Altinum, Concordia. People arrived the very night of the onslaught. They were frantic, hopeless, exhausted. The fishermen knew about a little group of islands in the middle of the lagoon separated by a wide canal, like a bit of a river which was lost in the sea. The men gathered dry grass to lie down on. The younger women stretched out to nurse their babies and someone managed to light a fire. The next day the carpenters began to cut down trees and build houses, the fishermen went out to fish. Our new homeland was born. We were all Veneti and we called our town Venetia. Our realm is the lagoon.  Our men know every corner of it, every shoal, every beach, every little island. It's indefinable, ambiguous: neither land nor sea, nor sky; when the low clouds merge with the foaming waves, it's all three things together - invisible, often, foggy in the winter and misty in the summer, flat like the surface of the water. Each one of those islands is covered by thick woods. Our children sleep cradled by the song of the nightingale and the cries of the gull. The children of each one of us belong to everyone. We share everything we have and we help one another. We build flat-bottomed boats that can go anywhere. We build ships that can face the open sea. Time will come in which Venetia will be pride of the earth and the lady of the sea.

Lo zucchero nel sangue: colossale emergenza sanitaria.

I dolci ci stanno uccidendo e non sarà il tuo supermercato di fiducia ad avvisarti per tempo. Zucchero filato, marzapane, zucchero candito, lo so lo so è dura. Un tempo esisteva il matrimonio mortale tra lo zucchero e la schiavitù nelle grandi piantagioni. Oggi lo zucchero si sposa con i nostri tassi elevati di obesità, diabete, ipertensione, malattie cardiache. Quasi impossibile per un consumatore medio realizzare che le proprie abitudini alimentari ne stanno compromettendo la salute. Un esempio per tutti. Nel 1900 solo il 5 per cento della popolazione soffriva di ipertensione. Ora ne soffre un terzo degli adulti in tutto il mondo. Nel 1980 c'erano 153 milioni di diabetici. Oggi ce ne sono 347 milioni. Non si scappa dai numeri. Lo zucchero ci uccide lentamente. L'eccesso di zucchero è velenoso. La nostra urina straordinariamente dolce. Una iniezione di zucchero nel flusso sanguigno stimola gli stessi centri cerebrali del piacere che reagiscono all'eroina e alla cocaina. Smettiamola di girarci attorno. Lo zucchero va trattato come una droga che induce dipendenza. I prodotti ne sono invasi semplicemente per fidelizzarci al loro acquisto consumistico. Multinazionali dello zucchero.
Cosa fare? La guerra ai dolci. Io personalmente compro solo zucchero di canna naturale e ho deciso per il mio futuro di assimilare per quanto possibile solo fruttosio, zucchero che si trova in natura nella frutta. Vuoi vedere che i consigli dei nostri nonni, di mangiare la fruttaaaaaaa erano i più saggi? Inizia così la mia guerra allo zucchero.

lunedì 14 ottobre 2013

Se il lavoro deve essere dignitoso perchè in Italia non esiste il salario minimo garantito (dignitoso)?

Il lavoro deve essere dignitoso. Facciamoci pure una conferenza sopra ma restano parole. Tutti d'accordo. Come tradurle nella realtà? Mi domando infatti cosa serva tutta l'attuale letteratura accademica che gira attorno a questo concetto se parimenti in Italia non si legifera sul salario minimo garantito. Andiamo per ordine. Per capirci il salario minimo è la più bassa paga oraria che un datore di lavoro può per legge corrispondere al lavoratore.
Dopo due anni di esperienze lavorative in Gran Bretagna e con alle spalle un master di diritto al lavoro conseguito in Italia credo di riuscire ad individuare limpidamente l'anomalia italiana: l'assenza del salario minimo garantito, che diventa patologica quando ci si imbatte nei contratti a progetto e stage. Il salario minimo infatti non solo è quel riconoscimento a quel diritto di tutti di avere un paga oraria dignitosa ma è l'unico strumento efficace contro lo sfruttamento.
Nella nostra bellissima Costituzione, bellissime parole circa il diritto ad una equa retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del lavoro svolto. Bellissime parole, bellissimi intenti che non si realizzano però concretamente nei conti correnti dei nostri figli, nella nostra Republica degli stagisti e dei precari. Un vero peccato se si pensa che in Francia un lavoratore non possa essere pagato meno di 9,43 € all'ora (aggiornato al 2013) e in Gran Bretagna nessuno si è mai minimamente sognato di pagarmi meno del minimo previsto per legge 6.31 £ all'ora (aggiornato al 2013). Gli esperti, porteranno subito a bilanciare l'esempio della corazzata Germania che non protegge i propri lavoratori con il reddito minimo. Un paese come l'Italia pieno di esperti di diritto del lavoro, cosa volete che non abbia quel genio di Renato Brunetta sempre pronto ad inceppare il ragionamento contorcendolo in modo accademico. Farebbe di tutto pur di non permettere che il lavoratore abbia quello che semplicemente è un ombrello protettivo che ti evita quantomeno l'esposizione alle intemperie. In un paese come l'Italia che si presta alle più gravi abberrazioni nell'alterazione dello stato di diritto è uno scandalo che non si sia legiferato in tal senso. Dimenticavo, Renato Brunetta, genio malefico sta ancora disturbando.

Struggling to remain human.


martedì 1 ottobre 2013

Beautiful song with this chorus: I could've shown you America.

The Wanted - Show Me Love



You should've known I love you

Though I'll never say it too much

Maybe you didn't get me

Maybe I'll never know what I done

Now I'm lost in the distance
You look at me like a stranger
Cause how it looks right now to me
Is you were scared of the danger

Could've shown you America
All the bright lights of the universe
Could have reached, the highest heights
A different place, a different life
Remember that night underneath the stars
For a minute I thought the world was ours
All you had to do was show me love

Yeah it's true you know, we're not perfect
There's a fire inside of me
It means I'll fight for the things that are worth it
If it makes me feel complete
Cause I'm hitting rocks, and I'm taking shots
I'm prepared to lose everything I've got

Now I'm lost in the distance
You look at me like a stranger
Cause how it looks right now to me
That nothing can save us

Could've shown you America
All the bright lights of the universe
Could have reached, the highest heights
A different place, a different life
Remember that night underneath the stars
For a minute I thought the world was ours
All you had to do was show me love

Show me love, looove
Show me love, looove
Show me love, show me show me love...
Show me show me love...
Show me love

Could've shown you America
All the bright lights of the universe
Could have reached, the highest heights
A different place, a different life
Remember that night underneath the stars
For a minute I thought the world was ours
All you had to do was show me love

All you had to do was show me love


Sharing