sabato 6 dicembre 2008

A Capodanno apro la Sublime porta dell'Oriente (Istanbul) per poi atterrare sulla luna (Cappadocia)

Sic ingredere ut te ipso quotidie doctior, Sic egredere ut in dies patriae christianaeque reipublicae utilior evadas, Ita demum gymnasium se feliciter ornatum existimabit
Entra in modo da diventare ogni giorno più dotto, Esci in modo da diventare ogni giorno più utile alla patria e alla cristianità, così finalmente lo Studio si dirà ben adornato
(Iscrizione c/o il palazzo Bo' dell'Università degli studi di Padova)
Non aprite quella porta..i mass media non invitano di certo a viaggiare, come se viaggiare nei paesi islamici possa essere più pericoloso che trovarsi in Veneto sulla Pontebbana e sulla Romea , la strada più pericolosa d'Italia secondo i parametri numero di incidenti stradali per chilometro (1,7) e numero di morti per incidente (10%) (rilevamento statistico promosso nel 2006 dall'ACI in collaborazione con l'ISTAT ); la verità è che nessuna cultura sopravvive se esclude le altre (Gandhi) e quindi non vedo l'ora di aprire la porta dell'Oriente (Instanbul), sperando di non sentire più, almeno per una decina di giorni, quel puzzo di provincialismo e campanilismo che pervade l'Italia, in fase di stagnazione culturale, politica ed economica. Per non dire poi per chi pensa alla Turchia come ad un Caravanserraglio (luogo di gran confusione) che essa concesse il voto alle donne fin dal 1930 (in Italia nel 1948!). Le donne anatoliche il cui ruolo nella società è testimoniato dal culto della Dea-Madre (Cibele), la cui figura nei manufatti artistici è spesso abbinata a simboli di potere, come leoni, avvoltoi e serpenti, e dalle Amazzoni donne guerriere che proprio nell'Anatolia videro la loro patria.

Monte Ararat. Secondo alcune interpretazioni della Bibbia, Noè approdò sulla sua cima dopo che il diluvio universale, scatenato da Dio per punire gli uomini, ebbe termine. A partire dal XIX secolo alcuni esploratori si sono avventurati sul monte alla ricerca dell'Arca, tra cui l'astronauta James Irwin e l'ingegnere Angelo Palego. (il sito di riferimento che proverebbe la presenza dell'Arca di Noè attraverso anche un video è il seguente: http://www.noahsark.it/ )

I “camini delle fate" sono una delle meraviglie del mondo. Un labirinto di torri, crepacci, canyon, pinnacoli e castelli rupestri inseriti in un paesaggio lunare: è un paesaggio fiabesco quello che si presenta agli occhi di chi raggiunge la Cappadocia.

è uno di quei rari luoghi al mondo nei quali l'opera dell'uomo si mescola sapientemente al paesaggio circostante. Delle abitazioni vennero scavate in questa roccia a partire dal 4000 a.C. Ai tempi di Bisanzio, cappelle e monasteri vennero scavati nella roccia; i loro affreschi con toni ocra, riflettono i colori del paesaggio circostante. Ancora oggi si vedono emergere armonicamente nel paesaggio abitazioni scavate nei coni di roccia e villaggi di tufo vulcanico.

La libertà bisogna conquistarsela..giorno dopo giorno

2 commenti:

Sharing