Visualizzazione post con etichetta grinta. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta grinta. Mostra tutti i post

martedì 17 gennaio 2017

I stand with Chelsea Manning.


I stand with Chelsea Manning, the trans woman imprisoned for over 6 years for revealing the true nature of 21st century asymmetric warfare and diplomacy.

martedì 10 novembre 2015

Moral strength seeking higher things. After Stephen Sutton, Jake Bailey's speech.


I wrote a speech and then a week before I was due to deliver it they said, you’ve got cancer. They said if you don’t get any treatment you’ll be dead in three weeks. And they told me that I wouldn’t be able to come and deliver this speech here tonight. But luckily, that speech isn’t about what is to come - it’s about what an amazing year it has been. And you didn’t really expect me to write a whole new one from my hospital bed did you? It started like this: "If I have seen further, it is by standing on the shoulders of giants." Bernard of Chartres compared us to dwarfs perched on the shoulders of giants. He pointed out that we see more and further than our predecessors, not because we have keener vision, nor greater height, but because we are lifted up and borne aloft on their gigantic stature and knowledge. Thank you Christchurch Boys’ High School for the height you offer. Tena koutou katoa. Good evening everyone, I am Jakob Ross Bailey - Senior Monitor of 2015. To all the fine young men who have gone before me, and to the fine young men sitting before me, thank you for supporting me as your Senior Monitor this year. Yes, at times I have wondered whether I deserved this job. At times I have doubted I could get it done to the standard I thought it should be done to. But despite my fear, I have never stopped striving to be a leader who did not let you down. And consequently, I am grateful for what you have given to me in return. I want to share with you all some words which I hold particularly close to heart, words which meant a lot more to me this year than they ever could have before. “It is not the critic who counts; not the man who points out how the strong man stumbles, or where the doer of deeds could have done them better. The credit belongs to the man who is actually in the arena, whose face is marred by dust and sweat and blood, who strives valiantly; who errs and comes short again and again; because there is not effort without error and shortcomings; but who does actually strive to do the deed; who knows the great enthusiasm, the great devotion, who spends himself in a worthy cause, who at the best knows in the end the triumph of high achievement and who at the worst, if he fails, at least he fails while daring greatly. So that his place shall never be with those cold and timid souls who know neither victory nor defeat.” This job would not have been possible alone, and consequently I must thank a massive team. Firstly, to my deputies, Sam and Jesse. You have been solid and inspirational, strong where I was weak, and an amazing source of support. I always felt you had my back, and that made every day so much better. To the Monitors of 2015, I owe all of you so much. I treasure the connection I have had with each and every one of you. Thank you for accepting me into a group which I could have so easily not been accepted into, for giving me a chance, for the brotherhood that we have had. Maybe the best thing that this role has given me is a connection with you all I wouldn't have had otherwise, and it means more to me than you will ever know. As I said on Monitors Camp, you are all exceptional people of outstanding calibre, each and every one of you will go far, and I have learnt things from all of you. I must acknowledge the sturdy leadership and support I have received from Mr Hill and the solid guidance received from Mr Fraser, Mr Williams and Mr Dunnett through this year. It has been at the core of how I have conducted myself this year, and at times I would have been very lost without your guidance. You have all taught me much, and I will carry it through life with me. Thank you for the opportunity you gave me, I hope I have done you proud. I want to acknowledge the support I have received from, and sincerely thank the Old Boys. In particular I thank you Terry Donaldson and Jim Blair for being men of fine character who encouraged me to walk beside you, and I have been honoured to do so. The Old Boys helped me to grasp what 130 years of history means in action. What it means to value tradition, to appreciate our rich history and to comprehend the mark the Old Boys have made on the worlds of the military, the arts and culture, commerce, law, community service and sport. I have been privileged to be supported by these wise men who spoke softly about their accomplishments, and gently of how much we have to learn and to offer - and about the responsibility that comes with that privilege. And these are the words I wrote before they sat beside my hospital bed. Thank you. Sadly, it has been both a short and long few years but here we are now, ready to move on men. We’ve worked hard to get to this point but haven’t done it by ourselves. As guys we become the type of men we are, not overnight, but as a result of our decisions, the choices we make, and those who surround and support us. And it is those people we need to thank. To our teachers, thank you for sharing your talent and knowledge, and the occasional movie. What you did for us often went beyond the call of duty. You took the time to explain assignments, repeatedly because we weren't paying attention. You allowed us to come to you for extra help when you could have chosen not to. You put in effort to make lessons more interesting so we wouldn't just tune out. You demanded excellence from us whether or not we wanted to give it. And even to a bunch of teenage boys, it didn’t go unnoticed. To our parents, thank you for supporting us in more ways than it's easy to reconcile. Not just this year passed, but for the last 13 years of school. Every day you dragged us out of bed, made sure we were semi-fed and clothed for school, herded us out the door. You helped us with homework, paid our class fees. You came to our various events, attended our sports matches and worked with the school as required. You commiserated over our daily dramas and were there for us, but you also gave us enough space to become the men we are today. To those sport coaches who provided us with strong counsel and guidance, thank you for making school about more than just classwork. Through our sports, we’ve learned how to power on through adversity and give it our best effort, win or lose. We learned the importance of discipline and good sportsmanship, and how to work closely with others to achieve a common goal - and had a lot of fun doing it. As you heard earlier, my middle name is Ross. I was given it not long before I was born because my 'great' uncle, Ross, drowned in Sri Lanka. Mr Ross Bailey was a Christchurch based kidney transplant surgeon working for the Asian Commission for the Global Advancement of Nephrology. He was known for making a serious difference to an extraordinary number of people's lives back when organ transplants were an amazing feat, and all humility aside, was the best in the world at it - a true pioneer, the first person to perform a kidney transplant in New Zealand. He was also an Old Boy of Christchurch Boys’ High. He came from a working class background, the only one of his siblings to go to university and he went on to save numerous lives because, well, he could. Because he sought higher things. His funeral saw the Cathedral in the Square bursting at the seams with people he had helped. He had done so much in his short years giving life to the dying. He dared to make a difference. A graduate of CBHS, from a working class background putting Altiora Peto into action. Now we can't all save lives by transplanting organs. But we can make a difference in our own way. Christchurch Boys’ High supports academic, cultural and sporting success, and as a school we are exceptional in each and every one of those fields. But we can’t all be the best scholar achieving straight excellences or the best sportsman in the 1st XV, believe me. While we can’t be the best at everything or even at times, even anything, what we can choose is to have moral strength. Moral strength is another of the Boy’s High values. I wrote about this before I knew I had cancer. Now I have a whole new spin on it. Moral strength is about making a conscious decision to be a person who doesn’t give up, when it would be easy to. To be lesser because the journey is less arduous. Jim Rohn said ‘Let others lead small lives, but not you. Let others argue over small things, but not you. Let others cry over small hurts, but not you. Let others leave their future in someone else's hands, but not you. Of course doing this will mean at some point we may have to face our fear of falling short. Fear of looking like a fool. Fear of not being enough. Being Senior Monitor meant facing these fears, most often daily’. But none of us get out of life alive so be gallant, be great, be gracious, be grateful for the opportunities you have. The opportunity to learn from the men who have walked before you and those that walk beside you. CBHS, I have been absent for 3 weeks – could you please stop sending my mother texts asking if she knows where I am every morning. That aside, I have missed you all. For the last 5 years I have been proud to be a student who attended Christchurch Boys’ High School. And from today onwards for the rest of my life, I will be a proud Old Boy, giving back to those before me, as they have given to me. My challenge to each of you, and to myself, is to continue to grow, to develop for the better. The future is truly in our hands. Forget about having long-term dreams. Let’s be passionately dedicated to the pursuit of short-term goals. Micro-ambitious. Work with pride on what is in front of us. We don’t know where we might end up. Or when it might end up. Some of us will not cross paths again. Some of us will likely be seen on TV. Others in print. Some of us will also probably end up in prison. I have thoroughly enjoyed growing up with you all. It has been an honour and delight to share these years with you. I know that as I look out at all of you, I will measure my time here in the friendships I've enjoyed in these last years. Some were pretty casual and others were much closer but I'll remember each one fondly, as I'm sure you all will too. And when many of our high school memories begin to fade, that's ultimately how we may measure the time we spent here, not in the classes, or the lunchtimes, or the exam results or years, but in the friendships that we made and the times we shared together. And so here we stand. Our rule is over and it's up to the next class to step into our shoes and take over. I hope that those of you who follow will carry on a proud legacy. May the lads that follow benefit from the school’s work to replicate the hall and the community spirit that undeniably comes from sitting together, as one, strength and character of this mighty institution combined. I don't know where it goes from here for any of us - for you, for anyone, and as sure as hell not for me. But I wish you the very best in your journey, and thank you for all being part of mine. Wherever we go and whatever we do, may we always be friends when we meet again. Altiora Peto (I SEEK HIGHER THINGS) lads

venerdì 16 ottobre 2015

All of us are not psychopath as this Nazi German hunter who has just killed this #Elephant. Can we prosecute him now?


sabato 2 maggio 2015

La favola di Fedro torna attuale. La Banca del Lupo accusa l'agnello 'Black Bloc' di averla deturpata. L'Italia furbetta, in debito per 2.169,2 miliardi, accusa i Black Bloc di essere il vero problema.


No, veramente non se ne può più. Avevo già provato a dire che 'se anche i black bloc fossero veramente i nuovi barbari, c'è da dire che c'è un impero decotto e corrotto pronto a sfaldarsi'. Ma l'Establishment, o l'Elite che la vogliate chiamare, ci prova sempre a ribaltare l'ordine logico delle cose. C'è il magna magna delle Grandi Opere sul piatto. Chi ha bitumato l'Italia di cemento e debiti ora ci parla di agricoltura sotto un padiglione artificiale, là dove c'era l'erba. Ecco la frotta dei conservatori che fanno la gara a suggerirci che i Black Bloc sono il vero problema:





Poi tanto il popolo bue abbocca. Non importa se a rubare veramente siano le Banche, condannate pochi giorni fa a 5,6 miliardi di multa per cospirazione e manipolazione. Un paese dalla Mafia Capitale, indebitato per 2.169 miliardi, con un governo Renzi durante il quale solo le Banche non possono affondare (un saluto ai Boschi di Banca Etruria) mentre i migranti ossificano giorno dopo giorno il fondo del mare, i soliti noti cercano di additare i Black Bloc come il male assoluto. Loro i potenti li arrufianano con garbo agiografico, li servono di sorrisi e di comode domande nei loro salotti. Mai una difficoltà vera, mai una domanda scomoda. Cortigianeria che brutta malattia.
Nessuno prova a fare un ragionamento sul fatto che se Berlusconi li ha attirati a Genova e Renzi a Milano e questi due figli del Nazareno inciuciano, probabilmente c'è una parte della società immeserita che si sente esclusa. No, i disoccupati dovrebbero restare a casa e possibilmente suicidarsi pur di non dar fastidio. Eh, si. Sempre più concentrata la ricchezza in Italia. Il 10% delle famiglie più ricche possiede il 46,6% della ricchezza netta totale. La povertà è salita invece dal 14% del 2010 al 16% nel 2012, rileva ancora la Banca d'Italia. Ma questo non importa a nessuno. Il problema sono i Black Bloc, il Blocco Nero.

Il lupo (immaginatevi una Banca o le aziende speculatrici del cemento che deturpano l'Italia), cercando una causa di litigio, accusò l'agnello Black Bloc di sporcare l'acqua che lui stava bevendo, anche se la cosa era impossibile visto che egli si trovava più in alto dell'agnello. Fallito questo stratagemma, il lupo quindi accusò l'agnello di aver detto male di lui, ma appreso che l'agnello al tempo dei fatti non era ancora nato, il lupo concluse che dovesse essere stato il montone, suo padre, e lanciatosi sull'agnello lo uccise e lo mangiò. La favola di Fedro torna attuale.



venerdì 23 maggio 2014

Marta Canino, la guardiana sirenetta che protegge Venezia dai fascismi.

Marta Canino, sirenetta a Venezia.
La Sirenetta di Copenhagen protegge con il suo sguardo le bellezze della città dalla furia del mare del Nord. Anche Venezia ha finalmente trovato la sua guardiana sirenetta in una giovane ragazza dalle mille battaglie.  Marta Canino, classe 1985, eroina capace di buttarsi in laguna pur di bloccare il fascismo delle Grandi Navi, è ancora viva e non è soltanto una statua. Determinata e carismatica, dal passo svelto come tutti i giovani veneziani, questa ragazza rappresenta il futuro politico di una città e di una laguna uniche al mondo. 
Venezia più che dalla furia del mite Adriatico va infatti protetta dai vari fascismi che ciclicamente tentano di intaccarne quell'aria pura salmastra, tutta speciale che respiri a Venezia. Un profumo di autentica libertà. Altro che acqua alta, sono i vari tipi di fascismo che uccidono l'anima delle persone nate libere. A proposito di aria che respiriamo, c'è il fascismo delle Grandi Navi, ognuna delle quali inquina come 14mila auto, che si impongono a Venezia. Mostri che sventrano quell'equilibrio delicato e precario chiamato laguna. Ecco quindi Marta impegnata nel comitato No Grandi Navi. C'è poi un altro tipo di fascismo, più subdolo, quello dell'accademico Renato Brunetta che zampetta per Venezia con la scorta che lo protegge dalle sue cazzate, una per tutte la sua proposta di sventrare la laguna con la sublagunare. Eccoti Marta che alla trasmissione Servizio Pubblico con ospite proprio Brunetta innalza gli spiriti parlando senza peli sulla lingua di riciclaggio di manager sporchi all'interno delle università, con riferimento all'ateneo veneziano. Eh si, c'è anche il fascismo del REttore della Cafoscari, Carlo Carraro, che durante il suo mandato ha pensato di invitare e premiare personaggi inquisiti e loschi, per poi tentare, con un colpo di coda finale, di svendere ad una finanziaria il patrimonio immobiliare dell'ateneo composto da splendidi palazzi storici. Puntuale per opporsi Marta occupa le sedi universitarie. La ragazza ha carattere. Chi la ferma.
Marta Canino, ragazza dalle mille battaglie, ora in prima linea nella trasmissione Announo (La7).
Di fascismi patologici ce ne sono tanti, se facessi la lista completa annoierei prima di tutto me stesso. Vi basti pensare, come esempio per il tutto, alla ideologia leghista che ha sempre cercato, senza mai riuscirci politicamente, di impossessarsi di Venezia, nominandola capitale del proprio fascismo.
Abbiamo tutti bisogno di Marta. Marta è quella fatina che dona lustro e vita a pinocchio e che gli fa levitare lo spirito. Il suo carisma è un ascensone culturale, ti spinge a guardare in alto ai grandi ideali. Marta sarà un giorno sindaco di Venezia perché prima o poi sarà donna, come prima o poi ci sarà un papa nero che che 'scolta 'e 'me canson in venessian perché el xé nero africa.  
Si dice che l'apertura mentale dell'uomo sia direttamente legata alla sua cultura: quanto più questa è vasta, tanto più sarà in grado di apprezzere le diversità. Quel dono di saper apprezzare le diversità, quel raro dono che aveva Vittorio Arrigoni per capirci, ha spinto Marta ad unirsi alla carovana “Uniti per la Libertà” per raggiungere con due camion carichi di cibo, medicinali e strumentazioni chirurgiche il campo profughi di Ras Jadire sul confine libico.

La studentessa Marta Canino, nelle immagini del TGR, mentre
viene trascinata via dalla polizia durante inaugurazione anno
accademico a Ca' Foscari. Protestava per presenza in ateneo
di Paolo Scaroni.
Io sono un blogger, scrivo soprattutto per le persone che verranno. La mia indole mi spinge a ricercare quello che ancora non abbiamo esplorato o capito, o che anzi ci impegniamo a perseguitare (le battaglie che Marta conduce costano care, solo il tuffo in laguna per fermare le Grandi Navi costa 2000 euro di multa. Vi lascio immaginare tutto il resto, diffide, denunce, etc). Gli Italiani di oggi stanno ancora leccandosi le ferite dopo aver votato per vent'anni personaggi tra il Berlusconi e l'Umberto Bossi. Che chi piange lacrime di coccodrillo e non riesce a capacitarsi di come abbia potuto votare Giovanardi, Capezzone o Bondi. Non gli pare verosimile.
Ho scelto di 'pontificare' questa giovane ragazza per essersi distinta per dignità in un' epoca involutiva superficiale durante la quale Mediaset si prostituiva in onda con veline, letterine e prostitutine di Arcore. Le battaglie di Marta sono anche per quei giovani lobotomizzati e consumati dalla televisione che hanno prima di tutto perso se stessi oltre che il proprio futuro. Troppe volte ci accorgiamo di quanto accade troppo tardi. Rimpiangiamo e leggiamo i loro libri, Gesù e Socrate, ma all'epoca facevamo a gara per tradirli o condannarli a morte. Io ho deciso di supportare Marta perché la vita è adesso. Mi sono laureato nel 2006 con una tesi sulla laguna di Venezia cercando di condividere quella bellezza obliterata giornalmente da un turismo selvaggio distruggi e fuggi o da capitani di ventura che devono venire a inquinare proprio in un ecosistema unico al mondo come quello della laguna. Condivido inoltre con Marta le pene di Ca' Foscari che mi vedono escluso e bannato dalla vita cafoscarina dopo essere stato tra i primi ad essersi opposto pubblicamente al REttore con commenti sul suo blog. Infine, era il 2008 quando postai il video 'I send an S.O.S to the world: the venetian lagoon is dying', mostrando le condizioni innaturali della laguna e lo schiaffo delle Grandi Navi che si aggiravano per un cimitero privo di flora e fauna. Da allora poco o niente è veramente cambiato. È arrivato il momento di chiederci chi sta veramente difendendo il nostro futuro e la nostra bellezza. Io ho una risposta proposta, Marta Canino la guardiana sirenetta che ci protegge dai fascismi.

Insieme, tutto è possibile.

venerdì 24 gennaio 2014

L'intransigenza è l'unica strada. Alessandro di Battista.


"L'immoralità è come il letame: va trattata con la pala, non con il cucchiaio di argento [...] Il Pd e il Pdl sono d'accordo da sempre. Napolitano sancisce l'accordo da sempre [...] L'intransigenza è l'unica strada che ci porterà alla vittoria. Il compromesso con questa gente secondo me è un suicidio. Non so se con l'intransigenza vinceremo, sono convinto che con l'assenza di intransigenza perdiamo! Perché in quel Palazzo se tu ti mischi a loro e ti ungi il dito, ti ungi tutta la mano e in quattro e quattr'otto, come la Lega, sei diventato parte del Sistema. Noi non siamo entrati lì dentro per diventare parte del Sistema, ma per cambiarlo in modo democratico e non violento [...] O andiamo al governo noi o il Paese non cambia. Io sarei disposto a morire per questo Paese. Votavo PD, poi mi sono disintossicato." 


mercoledì 25 dicembre 2013

Auspicio #2014. Liberariamoci dell'intelligenza di Renato Brunetta.

Santoro lo invita ancora per fare audience, in quanto attira mosche a non finire. Il nostro Paese però soffre e quindi è arrivata l'ora di liberarsi di questo premio nobel mancato, un mix perfetto bipolare tra il politico e l'accademico che gli ha permesso di sopravvivere tirando a campare ancora per un po'. Dai Mastella ai Rutelli alcuni dei parolai se ne sono già dovuti andare. Ora tocca a Renato. Il 2014 sarà il suo anno. Ho già scritto del suo bipensiero. L'Italia merita di essere più stupida, merita di liberarsi dell'intelligenza di Renato Brunetta. L'unico metodo possibile è quello di non dargli tregua. Fischiatelo, rivoltatevi alle sue fantomatiche esternazioni sull'economia, chiedetegli quanto ci costa quando lo vedete a spasso con la scorta, ripagate la sua arroganza con la stessa noncuranza. Non dategli tregua. Brunetta ha la colpa imperdonabile di aver dato luce ad una dottrina economica liberista schizzofrenica che concepiva così come strutturata l'impoverimento delle masse (obiettivo raggiunto) a fronte di un suo arrichimento immobiliare (obiettivo raggiunto). Lui è stato il mentore, il guru, il supporto scientifico ai vari lestofanti che si volevano arricchire a spese degli altri. Il faro di un berlusconismo criminale. Il suo latrato patetico contro l'IMU, non fa che suggerirci l'unica strada percorribile: una patrimoniale secca e spietata sui beni di coloro che si sono arricchiti sottraendo ricchezza agli altri. Qualcuno, colmo d'ipocrisia, vorrà vedere in questo post quel linguaggio violento che in passato ha connotato periodi bui. A costoro, rispondo che la classe operaia come Angelo di Carlo se ne è già andata in paradiso, ora tocca a personaggi quali Renato Brunetta incamminarsi verso l'inferno. 

domenica 22 dicembre 2013

Vittorio Arrigoni, approfondire la sua storia è un atto rivoluzionario.


Ci sono delle parole scolpite nel Blog di Vittorio Arrigoni che meritano il nostro approfondimento.

"Guerriglia alla prigionia dell'Informazione. Contro la corruzione dell'industria mediatica, il bigottismo dei ceti medi, l'imperdonabile assopimento della coscienza civile. La brama di Verità prima di ogni anelito, l'abrasiva denuncia, verso la dissoluzione di ogni soluzione precostituita, L'infanticidio di ogni certezza indotta. La polvere nera della coercizione entro le narici di una crisi di rigetto. L'abbuffata di un pasto nudo, crudo amaro quanto basta per non poter esser digerito."

Io non dimentico Vittorio Arrigoni

Per chi volesse approfondire, la sua storia completa si trova in un bellissimo documentario su Al Jazeera World che raccomando vivamente. Un filmato ovviamente che non vedrete sulle televisioni italiane occupate dalla superficialità.

Precedenti miei post su Vittorio Arrigoni:
  1. 'Un vincitore è un sognatore che non hai mai smesso di sognare. Vittorio Arrigoni, un vincitore.'
  2.  'Vittorio Arrigoni scrisse del suo Battello Ebbro ("Le bateau ivre") come Arthur Rimbaud e disse: "brillerò anche per coloro che non hanno osato
  3. ISRAELE VERGOGNA: Vittorio Arrigoni era sulla black-list degli israeliani che lo avevano già picchiato e lui aveva pensato che lo avrebbero ucciso.

sabato 26 ottobre 2013

Help to free Greenpeace activists.


Please immediately release the 30 people currently detained in Russia following the boarding of the Greenpeace ship the Arctic Sunrise. The illegal boarding of the ship in international waters and subsequent hooliganism charges against its peaceful crew are unacceptable. 

Right now, 28 of our activists, a photographer and a videographer are being held in custody by the Russian authorities. We urgently need your help to free them.

The Arctic Sunrise had been part of a peaceful protest against energy giant Gazprom, which is poised to drill for the first oil to come out of the icy waters of the Arctic.

Using a helicopter and ropes, armed Coast Guards illegally boarded the ship and held those on board under armed guard whilst they towed the ship to shore. Our team were then remanded for up to two months by a court in Murmansk.

The authorities said they needed time to investigate possible charges of piracy. On 23 October they changed those charges to hooliganism, which carries up to seven years in jail. This is a wildly disproportionate charge and is an assault on the right to peaceful protest.

The Arctic 30 have been in Russian prison for over one month now - please release them to their families without delay.

sabato 6 ottobre 2012

My rebellion, all luggage and airline tickets.

Me flying in Cornwall, August 2012.
I am writing alfresco from the garden of a semi-detached house in a green village just outside Cambridge. I blew 33 years few days ago. I left my country with no regrets by one of many Mayflower crossing the English Channel with many young dreamers, "Puritans", rebels fleeing Catholic Italy.

sabato 22 settembre 2012

Il mio carro di fuoco corre ancora.


Chariots of Fire è un indimenticabile film inglese del 1981 con le eccezionali musiche di Vangelis. Una icona per un corridore.
Ieri sera volevo rilassarmi ed il destino invece mi ha messo di fronte al film Chariots of Fire in cui tra l'altro compare il Gonville e Caius College nella cui Hall ho fatto il cameriere per qualche mese. La mattina seguente, oggi, fatalità avevo una gara di corsa.

venerdì 13 luglio 2012

La mia ribellione, tutta valigie e biglietti aerei.


Ho scattato questa foto nella Holkham Hall (UK) e l'ho scelta a rappresentare questa lettera.

Scrivo al fresco dal giardino di una semi-detached, in un verdeggiante villaggio nella cintura di Cambridge. Pochi giorni e soffio 33 anni. Me ne sono andato senza rimpianti su uno dei tanti Mayflower  che attraversano la Manica facendo sognare tanti giovani "puritani", ribelli in fuga dall'Italia cattolica.

venerdì 13 aprile 2012

Cara Italia, ti vedo triste.


Alberto Sciretti, sullo sfondo le maestose forme palladiane (Palladio genio italiano!) del palazzo del Holkham Hall in Gran Bretagna 01/04/2012.
Italia, ti vedo triste. Bel Paese la cui genialitá soggiace nei ricordi di Michelangelo, Dante, Leonardo da Vinci e qualche volta resuscita nella gioia di Roberto Benigni. Italia, ti vedo triste, condannata all'agonia di una lenta inesorabile bancarotta sfiorisci sotto i colpi di parassiti tesorieri, ammufisci nella faccia di lardosi mafiosi, trogloditi padani,vecchi porci che ti giurano fedeltá nell'atto stesso di tradirla.

Hai perso spensieratezza, hai perso la giovinezza che se ne va. Il piú pagato é il capo della Polizia Manganelli, i cui bravi manganellano senza pietá poveri Cristi che devono sopportare la croce di una crisi in uno Stato di Polizia dove la scuola Diaz é "la più grave sospensione dei diritti democratici in un Paese occidentale dopo la seconda guerra mondiale". Un intero sistema feudale controlla morbosamente che non si attuino pienamente libertá, eguaglianza e fratellanza. L'ingiustizia é giustizia. Giá, cara Italia tu hai proprio bisogno di ripartire da una Rivoluzione. Un nuovo rinascimento italiano, dove cadano ad una ad una le teste di migliaia di bimbiminchia della politica. Una immagine pittorica geniale, la decollazione della gerontocrazia italiana.

Decollazione di san Giovanni Battista (Caravaggio) che ho potuto ammirare a Malta
Holkham Hall in Gran Bretagna 01/04/2012

Io, Hustanton, Gran Bretagna 01/04/2012

mercoledì 21 marzo 2012

Un inno alla corsa, la vita.


Video girato nel tragitto da casa mia fino al fiume Cam. 

Gli anni passano. Ti stai riposando all'ombra. Ti giunge notizia che un tuo lontano amico corre fottutamente i 10km in 59 minuti. Tu sei fermo, lui corre come una antilope nel tuo paese in bancarotta. Ti desti all'improvviso. Corri all'armadio, indossi velocemente una maglietta e i pantaloncini da combattimento, fissi una camrecorder su una sella per fargli vedere che sei ancora vivo, esci dal cono d'ombra e corri come un leone fendendo l'aria. Corri e senti le ali ai piedi. Dagli gas. Musica su youtube. Un inno alla corsa, la vita. Caro amico mio, the years pass, but I'm still running, along the Cam.

lunedì 27 febbraio 2012

#forzaluca: «Frutto diretto della sconsiderata azione delle forze dell'ordine»

Espropri in Val di Susa. Questa foto ricorda il ruolo della natura nel Signore degli Anelli, in cui Saruman ed i suoi troll credevano di poter far scempio deliberato della natura, prima che i millenari e saggi uomini-albero si ribellassero contro la supremazia dirompente del mondo moderno.
«Frutto diretto della sconsiderata azione delle forze dell'ordine». Non usa mezzi termini Paolo Ferrero, segretario di Rifondazione comunista, commentando il gravissimo ferimento di Luca Abbà. «L'esecuzione dell'esproprio di un terreno - afferma Ferrero - diventa un'azione militare in cui le regole d'ingaggio dei militari e della polizia sono molto più aggressive di quelle utilizzate in Afghanistan dai militari italiani». (Fonte: http://www.corriere.it/cronache/12_febbraio_27/tav-polemiche_abbce3c0-613b-11e1-8325-a685c67602ce.shtml )

Espropri in Val di Susa.

venerdì 2 dicembre 2011

Rowing along the Cam.

Rowing along the Cam on 02/12/2011. Nelle foto che seguono ho ripreso il corso inferiore (Lower River) del Cam a Cambridge nel tratto compreso tra la chiusa Baits Bite Lock ed il ponte della ferrovia (Railways bridge)Le squadre di canottaggio dei college utilizzano questa porzione di fiume per allenarsi e sfidarsi.








































Sharing