Visualizzazione post con etichetta Sciretti Alberto. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Sciretti Alberto. Mostra tutti i post

mercoledì 28 dicembre 2016

2017? Faremo la fila per comprare il nuovo libro di Matteo Renzi.



— Alberto Sciretti (@InEsplorazione) December 28, 2016

domenica 4 ottobre 2015

Something about me. I'm still shining better than I ever did. I have never cheated the Italian Napaijri!

Me at Grottoes of Catullo, Sirmione (Lake of Garda), Sept 2015.
Grottoes of Catullus, at the northernmost end of the peninsula of Sirmione on the southern shore of Lake Garda, Italy. 
Grottoes of Catullo, Sirmione (Lake of Garda), Sept 2015.


lunedì 10 febbraio 2014

Voglio essere un canarino per una settimana


Aeroplano che te ne vai..che te ne vai dove Domenico Riso voleva volare. Ricordare, per onorare questa vita meravigliosa. Non sprechiamola. Spendete i vostri maledetti soldi, fate girare quella matta dell'economia. Aeroplano che sembri ormai un treno che tra qualche giorno mi porterai al sole e al mare. Le dune sabbiose. L'acqua salata. Il clima asciutto delle isole. Le palme. Feeling con il vulcano. Le grotte. La musica dei locali. Un aperitivo ghiacciato. La dolce vita. Al diavolo tutto e tutti, Isole Canarie voglio essere un canarino per una settimana

lunedì 30 settembre 2013

Wales, I turn to you.

Me, in Wales 29-09-2013. Panorama Walk (Llangollen)
When the world is darker than I can understand.
When nothing turns out the way I planned.
When the sky turns grey and there's no end in sight.
When I can't sleep through the lonely night.

Wales, I turn to you. Like a flower leaning toward the sun.
I turn to you. 'Cos you're the only one.

lunedì 1 aprile 2013

My tribute to beauty of England.


This is the reason why I fell in love with England. I took these pictures in Dorset, Devon, Cornwall, Somerset, during the fantastic summer of 2012.

mercoledì 26 dicembre 2012

Dopo oltre cinque anni, un Blogger va in pensione.



One Republic - Secrets + Tesla Coil (The Sorcerer's Apprentice Remix)

"I need another story
Something to get off my chest
My life gets kinda boring"

Da oltre cinque anni questo blog resiste alle intemperie della vita. Poi arriva fatidico quel momento, e prima o poi arriva per tutte le cose, dove tu, blogger, capisci che il tuo treno, dopo tante avventure, è arrivato a destinazione e le tue idee non vedono l'ora di scendere per sentirsi più libere. Sul treno resti solo tu, che ancora caparbiamente cerchi di continuare l'esperienza, come se non dovesse finire mai. Aggiorni ed aggiorni il blog, ma il treno è fermo e ciuf ciuf non ti emozioni più scrivendo e condividendo. Ricicli e rilanci le notizie dei quotidiani, ma non sei più te veramente a generare contenuti.  Originalità e passione, sono locomotive importanti per un blogger. Chissà, sarà che quando ho aperto il blog ero sugli "enti" o ora viaggio sugli "enta", ho perso spinta propulsiva e da parecchio tempo mi chiedevo se ci fosse una fermata anche per me, per scendere e pensare qualcos'altro. Non che abbia smesso di viaggiare o di macinare idee o che non mi senta più "in esplorazione"; tra pochi giorni, per l'ultimo dell'anno, visiterò The North York Moors National Park nello Yorkshire. Potrei portarmi tutta l'attrezzatura per fare foto e video e poi condividere questo viaggio nella natura come ho sempre fatto in questi lunghi cinque anni, ma è proprio qui che metto un ginocchio a terra e valuto di fermarmi. Sono stanco di fare e di sentirmi blogger. Ho ancora tutto il materiale della Cornovaglia visitata quest'estate da pubblicare e non trovo le energie per farlo. Pensione, pensione, pensione. Una volta annessa l'Inghilterra, dove vivo da più di un anno, nei prossimi anni sarà la volta di esplorare spero la Nuova Zelanda, l'Australia, l'Argentina. Onestamente, questa parte del viaggio in esplorazione, preferisco tenermela per me. Provate voi a tenere un blog in vita per oltre cinque anni. Non voglio paragonarlo ad un figlio sia chiaro, ma se amate la creatura gli dedicherete ore, giorni, intere settimane. Postare immagini e raccontarle onestamente in modo possibilmente non banale, è particolarmente impegnativo; richiede tempo ed energie che vorrei nel prossimo futuro dedicare a me stesso ed alle persone che mi sono vicino. Desidero godermi i momenti belli di questa vita, senza dover continuamente scattare o riprendere con la videocamera. Credo di aver immesso una tale quantità di contenuti su Google, che all'opposto ora desidero farmi da parte, possibilmente anche abbandonando la caciara dei social network. In fondo le persone che più stimo non hanno neanche un profilo Facebook e probabilmente non sanno cosa sia un tweet. Riassumendo, interrompere la condivisione in un'epoca dove tutti condividono è un fatto che devo dire si preannuncia entusiasmante. In fondo, essere originali è un modo per andare avanti e continuare la propria rivoluzione. Nei prossimi mesi, con calma posto le ultime cartucce. Materiale che ho girato con l'intento di condividerlo e poi, immancabile, un video conclusivo prima della meritata pensione. Ho sempre scritto agli italiani del futuro, alle persone che verranno, visto che negli anni in cui scrivevo il mio paese, mediasetizzato, era in preda ad una involuzione cattoberlusconiana. A voi del futuro, in un natale futuro, Buon Natale e felice anno nuovo.

Alberto, blogger dimissionario.



mercoledì 22 agosto 2012

Se salta il debito USA.

Alberto Sciretti salta in Cornovaglia (UK) 20-08-2012
Se salto io non succede niente e chi se ne frega. Se salta il debito USA è diverso.

domenica 19 agosto 2012

Angelo di Carlo, classe operaia va in paradiso.

Alberto Sciretti, in esplorazione in Cornovaglia 19-08-2012
Mi trovo in Cornovaglia (UK) per una vacanza di una settimana. Sono felice. Cambio hotel tutte le sere per non perdermi proprio niente. Sto scoprendo una terra di favole e saghe, baie e castelli, falesie e brughiera, scogliere granitiche e schiumose insenature. Sono felice, ma non posso non dimenticare. Prima di partire ho scritto "La Primavera italiana, se non ora quando?". Stasera, ho appreso che quell'operaio precario, Angelo di Carlo è morto. Lavorava a chiamata. Se la classe operaia va in paradiso, bisogna che qualcuno vada pure all'inferno.

lunedì 2 luglio 2012

Prima della partita non avevo la lacrima di Pierrot.

Alberto Sciretti 01/07/2012 prima della partita Italia-Spagna

Alcune foto prima della partita di un guerriero italiano pronto ad una notte interminabile di baldoria. Arrivato in taxi (per le grandi occasioni) al The Avery (pub di Cambridge) ed unitosi ad una consolidata curva composta da trentini, pugliesi, sardi, abruzzesi, e chi piú ne ha ne metta, lentamente sul viso del guerriero é comparsa una persistente lacrima di Pierrot. "Notti magiche inseguendo un goal" un'altra volta. Ritorno mesto al lavandino di casa.

domenica 24 giugno 2012

La bella figura italiana a Cambridge, casa mia.

Il fronte della casa dove vivo a Cambridge (UK) con i primi Iris reticulata.
 Non é passato molto tempo da quando ho caricato su Youtube il video "The soul of real Italian bella figura is not about showing off, but..." in cui si affronta il tema della bella figura, una essenziale filosofia di vita che governa la vita degli italiani, si intende quelli che hanno fatto e fanno grande il nostro Bel Paese. Bellezza ed eleganza nel presentarsi.

giovedì 5 aprile 2012

Il senatore Umberto Bossi ordina alla Polizia di Stato di picchiare e investire un giornalista. Qui Italia, é finita la Democrazia. Un appello alla Rivoluzione.




Il senatore Umberto Bossi ordina alla Polizia di Stato di picchiare e investire un giornalista. Qui Italia, é finita la Democrazia. Che la Polizia di Stato si presti a scortare e proteggere chi per primo delira e istiga a delinquere (oltre che ad oltraggiare da decenni il senso di unitá nazionale e la Costituzione) sinceramente é troppo. In questo filmato nessun poliziotto contiene il politico ricordandogli il suo dovere di servire le istituzioni e non di istigare all'omicidio di un giornalista. Questo video disgustante che dimostra il delirio di onnipotenza di una politica che ci ha portati alla rovina (vedrete quando il debito pubblico italiano sfonderá 2000 miliardi di euro) consegna i meri esecutori della Polizia di Stato alla berlina dei libri di Storia. Incapaci di proteggere realmente le istituzioni, la Polizia di Stato serve un sistema di politici deliranti. Vergognatevi, io mi chiamo fuori da questo sistema (ho poche speranze che perfino la magistratura si muova sulla base di questo filmato), voi non rappresentate le istituzioni, sarete ricordati dai libri di storia come i bravi di Don Rodrigo. Altro che servitori dello Stato. Altro che pericolo Black Block. In questo video c'é violenza. Hanno rotto l'involucro della Democrazia, questo é un appello alla Rivoluzione.

venerdì 30 marzo 2012

In esplorazione.

Ritratto in esplorazione (New Forest; UK)
Pubblico, e consegno quindi in pasto a Google, queste due foto in alta risoluzione che mi ritraggono pochi giorni or sono in esplorazione nella New Forest, la piú grande estensione di boschi, prati e brughiere della Gran Bretagna dopo le Highland scozzesi. Sono di ritorno anche da Stonehenge. Domani affronto la Norfolk Coast Path. Son partito in esplorazione, me ne sono andato "Ciao", il mio tributo al grande compianto Lucio Dalla. Il computer é solo un mero strumento di condivisione, la vita é l'esplorazione.

In esplorazione (New Forest, UK)

domenica 27 novembre 2011

And someday in the mist of time..

Alberto Sciretti 27/11/2011 Cambridge

And someday in the mist of time
When they asked me if I knew you
I’d smile and say you were a friend of mine
And the sadness would be Lifted from my eyes
Old & Wise – The Alan Parsons Project

Alberto Sciretti 27/11/2011 Cambridge

Alberto Sciretti 27/11/2011 Cambridge

Alberto Sciretti 27/11/2011 Cambridge

Alberto Sciretti 27/11/2011 Cambridge

mercoledì 16 novembre 2011

Grinta, grinta e grinta.

Alberto Sciretti al Wandlebury Park , Cambridge 15/11/2011
Qui Cambridge è primavera. Tutto avrei pensato tranne che di poter andare a correre con solo una maglietta nella fredda Inghilterra. Perfino il tempo è impazzito. Chissà quanto lo abbiamo costretto ad impazzire. Condivido alcune foto dei luoghi in cui vado a correre. Sono foto scattate con il cellulare, quindi di bassa qualità. Grinta, grinta e grinta.

Wandlebury Park

The roman road

martedì 18 ottobre 2011

Con la valigia pronta, lo sento. Io sono Marco Polo.

Con la valigia pronta, lo sento. Io sono Marco Polo. Sono passato per diecimila generazioni, ho posseduto numerosi corpi. Io, esisto ancora, sono la vita, sono la favilla mai spenta che tuttora divampa, colmando di meraviglia la faccia del tempo. Lo spirito è l'unica realtà destinata a durare. Io sono spirito, e sono io che duro.

Bruce Springsteen - I'm On Fire (con la valigia pronta mi sento on fire)

Qualche canzone che in questi giorni accarezza le mie valigie.

Hurts - Sunday
Edoardo Bennato - La fantastica storia
Zucchero - Wonderful life
Luigi Boccherini - La Musica Notturna Delle Strade Di Madrid

mercoledì 12 ottobre 2011

Solo l’azione collettiva può porre un argine all’individualismo imperante.

L'accoppiata Sacconi \ Brunetta ha vinto la sfida per la "competività": in Italia è tornato il caporalato.
Ho le ultime incombenze in Italia, prima di partire. Questo lunedì mi sono iscritto alla CGIL, versando 26 euro attraverso un tesseramento diretto. Cosa spinge un convinto individualista come me che solitamente rifugge l'omologazione del gregge ad iscriversi ad un sindacato? In prima battuta la CGIL è l'unica organizzazione, con i suoi sei milioni di iscritti circa, ad avere una struttura in grado di reagire nei fatti all'erosione in atto dei diritti fondamentali del lavoratore e nel mio caso, che è quello di tanti altri precari, la CGIL ha proposto una serie di vertenze legali volte a combattere la degenerazione della flessibilità in precariato a vita. Da tempo  tuttavia, soprattutto dopo lo studio del diritto del lavoro, mi sono avvicinato al mondo sindacale comprendendone l'importanza: solo l’azione collettiva può porre un argine all’individualismo imperante. Per questo, capitani d'industria senza scrupoli (Sergio Marchionne) si adoperano in modo certosino per spaccare l'unità del sindacato. Per questo quel mastino di Sacconi non perde occasione per attaccare pubblicamente la CGIL. Certo anche la CGIL non è illibata, ma spero non vogliate imputare al sindacato la colpa di aver provocato il ritorno del caporalato tra i campi di pomodori del Gargano e gli aranceti della 'ndrangheta grondanti sfruttamento. Stiamo nuovamente involvendo. A Vittoria, nelle campagne di Ragusa, per le giovani rumene funziona così: di giorno si spezzano la schiena sui campi. La notte si concedono a caporali e padroni per un tozzo di pane, un tetto sotto cui dormire. Mamour, originario del Gambia, che dal 2007 lavora a Rignano, campagna brulla che ribolle di afa e pomodori in provincia di Foggia racconta: «Lo scenario è tipicamente sahariano». Aria incendiata, terra secca, acqua sporca usata dagli immigrati per bere e lavarsi. La giornata di lavoro nei campi di pomodori dura 12 ore. E viene pagata soltanto venti euro: «Molti si ammalano di patologie gastroenteriche e osteomuscolari. Inevitabile, visto come vivono». Qualcuno non ce la fa, e allora finisce nei cimiteri che si confondono tra le campagne. E le loro tombe recano a stento un nome cui appendere qualche preghiera. Ho tratto queste storie da "Nuovi schiavi d'Italia" di Jacopo Storni. Rappresentano la punta dell'iceberg di una repubblica degli stages dove i negrieri sono tornati al vertice del potere e gestiscono le masse di schiavi. Nessuno ha impedito per anni l'abuso degli stages e dei contratti a termine reiterati che hanno provocato una generazione di precari senza casa. Dove erano Sacconi e Brunetta mentre le nefandezze che ho appena raccontato avvenivano? Brunetta era impegnato a definire i precari "l'Italia peggiore"

lunedì 3 ottobre 2011

ITALIA GAME OVER. Lascio l'Italia per non raddoppiare l'amarezza.

Alberto Sciretti in una foto recente del 29 Settembre 2011
Chi mi ha conosciuto o chi mi legge tra le righe può percepire quanto io ami quel dono meraviglioso che è la vita. Ho sempre vissuto intensamente e guardo al mio passato con gioia; nessun rimpianto, nessun rimorso. 
Questo entusiasmo innato che credo mi contraddistingua non può tuttavia impedirmi di riflettere sul fatto che il mio paese, l'Italia, ha imboccato un tunnel senza uscita. A questa considerazione sono arrivati oramai praticamente tutti ed è il leitmotiv del momento.   A crederci sono rimasti gli illusi cronici. Siamo di fronte letteralmente ad una nave che si appresta ad affondare per una falla che ha squarciato lo scafo, il debito pubblico.  Da sempre in questo blog, molto prima dell'arrivo della tempesta, ho parlato a chiare lettere del debito pubblico italiano, fino a caricare esplicitamente un video "Grazie ai politici italiani per il nuovo record di 1753 miliardi di euro di debito pubblico" il 17 settembre 2009 in cui ho accusato esplicitamente la politica italiana di "aver schifosamente indebitato le nuove generazioni". Nessuno mi ha mai querelato per questo. Semplicemente è la verità, dimostrabile in qualsiasi tribunale del mondo. Io non ho paura. Chi non ruba non conosce la paura. Da allora niente è cambiato ed il debito è aumentato fino a sfiorare i 2000 miliardi di euro. Ora io, come altri giovani, ho due alternative. Rimanere o andarmene. Pagare il conto di ciò che non ho bevuto, o andarmene lasciando che paghi chi  ha bevuto stoltamente. Rimanere, significa comunque, in un modo o nell'altro, farsi contagiare amaramente  dall'amarezza di un naufragio annunciato. Andarsene significa rinascere altrove. Secondo voi cosa ho scelto? Sono abituato a dare un seguito alle mie parole. Se dico che questo paese affonderà, bisogna anche che mi allontani in una scialuppa. Non c'è nessuna medicina per l'Italia, perché esattamente come successe nel periodo fascista, gli italiani sono nuovamente compromessi. Non c'è più nessuno in Italia che abbia l'autorevolezza per far capire agli italiani che se stiamo affondando ciò si deve ad un loro malcostume generale diffuso di stampo mafioso, che è sempre stato assolto a suon di condoni. Visto che inseguo da sempre la mia felicità e non ho alcuna intenzione di intristirmi perché gli italiani sono diventati sempre più mafiosi (rimando ad un mio post "Lo spirito della mafia"), ho scelto di allontanarmi per un bel po' di mesi. Poi vediamo. Intanto, in esplorazione.

Eccomi in alcuni momenti di spensieratezza a Gardaland tra il 2004 ed il 2006. Ora bisogna andarsene dall'amarezza Italia che si è adoperata per intristirsi. GOODBYE MALINCONIA

sabato 16 luglio 2011

Mentre riposavi, ti ho spostato (al blog). Ora hai cambiato dominio.


Ho approfittato del fatto che il blog fosse dormiente (in pausa) per cambiargli casa. Ho spostato il blog dal dominio di terzo livello www .inesplorazione.sciretti.it al neoacquistato dominio di secondo livello www.inesplorazione.it (Il traffico dal precedente indirizzo verrà instradato al nuovo tramite un file .htaccess. Una accortezza che richiede hosting linux (aiuto!), ma non è neanche rispettoso lasciare su google una mondezza di errori 404 o not found; è come lasciare una scia di sacchetti di plastica in un verde prato in fiore! Respect) Il nome del dominio ancora una volta circoscrive la condizione mentale e materiale dell'essere in esplorazione, ovvero l'essere in ricognizione  (in inglese "to scout"); uno stato volto ad evitare prima di tutto che l'anima annoiata abbandoni prematuramente il proprio corpo, provocando la circolazione di automi umani con fattezze umane trabordanti noia (restiamo umani - stay human). In seconda battuta bisognerà trovare il modo di meditare soggettivamente e percepire "oltre" che cosa e "verso" che cosa ci si sente in esplorazione. Se non sei mai stato un pioniere, se non hai mai aperto una via, qualunque essa sia, al prossimo, forse è il caso di dare un senso alla propria vita, apportando un radicale cambiamento al proprio stile di vita ed assumendo la condizione dell'essere in esplorazione che, gravosa quanto vuoi, dona quello sfarfallio, quel senso magico di avventura, fondamentale nella vita.
Nel video in alto la festa con i fuochi artificiali per l'evento? In basso, un inno all'esplorazione, un inno alla vita. Ora sttttttsssssssono in pausa.

mercoledì 18 maggio 2011

Questo blog è IN PAUSA, perchè è fuori in esplorazione.

Il Referendum dura solo il 12 ed il 13 Giugno 2011. Le scorie radioattive durano dai 10.000 ai 300.000 anni. Stavolta la Rivoluzione tocca a noi.
Ecco un video della guida naturalistica Giuseppe Alberti che rivolgendosi pochi giorni fa' ad un orso in Trentino gli dice: "Ciao bello, diglielo a tutti che non sei pericoloso te, diglielo, diglielo. L'orso del Trentino non è pericoloso".

 

Con questo video commovente per chi ama più di ogni altra cosa la natura, mi congedo dal blog per la consueta lunga pausa estiva; è importante infatti, a mio avviso, in questa stagione eccitata dai colori forti, rigenerare e ritemprare in modo virtuoso il proprio spirito, esplorando in prima persona la natura e spingendosi oltre la natura delle cose, leggendo e studiando, vivendo emozioni preparatorie a nuovi viaggi dell'anima. 

Blogger: Alberto Sciretti

In parole povere, con l'avvento del caldo e degli alti consumi energetici di chi raffredda il proprio ambiente per riscaldare quello fuori, vale veramente la pena staccarsi dalle macchine e tenerle spente a riposo, in attesa di ricaricarsi e di avere quindi anche qualche idea interessante da condividere. Vai a vedere che se risparmiamo proprio tutti, non c'è bisogno del nucleare? C'è il rischio terribile inoltre, per un blogger, di diventare un semplice ripetitore catatonico di altrui argomenti, spegnendo invece quel carattere originale ed autentico a cui ogni blog dovrebbe a mio avviso agognare. Non potrò dire nulla sull'importanza di andare a votare "SI" ai referendum abrogativi del 2011 che si terranno il 12 e 13 giugno 2011. Ma in fondo è davvero scontato. Seguirò altrettanto con apprensione le sorti della Freedom Flotilla, che è la prima vera "crociata" moderna per la pace. Metteteci la grinta ed osate. Vi saluto alla mia maniera. Grinta, grinta e grinta. Buona estate a tutti i vagabondi delle stelle. alberto
Ready to switch off
Closed \ Paused

giovedì 24 marzo 2011

Schegge di una giornata primaverile

Ieri baldanzosamente mi sono avviato verso la stazione per recarmi a Treviso, dove sto frequentando un corso di inglese one-to-one; sto accelerando nell'apprendimento della lingua in modo tale da acquisire dignitosamente questa competenza che conferisce più di ogni altra patente la possibilità di girare il mondo. Altro che patente di categoria B. Per quello ho aggiunto al blog la sezione Imparare la lingua inglese
Prima però dovevo recarmi in una banca. L'operatrice allo sportello ha voglia di conversare. Non mi tiro indietro; dall'alto del sua posizione di lavoro sicura non riesce a trattenersi ed abbassando il tono della voce e caricandola di pathos incomincia a portarmi in un mondo dorato, quello apparentemente degli zingari e del popolo Sinti. Riesce a versarmi addosso tutti quegli stereotipi che il popolo coltiva morbosamente nel proprio retropensiero; il disprezzo per gli ebrei che maneggiavano il denaro, credo si sia alimentato fomentando stereotipi che si sono tramutati in seguito in odio bestiale. Succede esattamente questo: la gente investe nella sicurezza, nel conformismo, nel tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di un uomo non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. La frustrazione quindi ti spinge a cercare il nemico, il male. Mi racconta quindi di come viaggino con caravan da 70.000 euro e macchine di lusso, tutto questo senza lavorare. La sua polemica finisce con l'affondo sul Comune di Venezia che fornirebbe a questa "gentaglia" acqua corrente ed elettricità. Io sono l'interlocutore ideale. Sorrido ed ascolto. Gli occhi dell'operatrice di banca si socchiudono quando mi parla; non cela il disprezzo nell'esternare la propria trasognante crociata contro i nomadi.  Continua facendomi delle domande che lì per lì, sinceramente mi mettono in difficoltà; mi chiede come mai a mio parere coloro che attraversano il mare per arrivare in Italia lo fanno rischiando la propria vita e pagando migliaia di euro alle organizzazioni criminali e non arrivano con un normale volo di linea ed un visto  turistico che costa molto meno e garantisce la sopravvivenza; la domanda è retorica e prevede come unica risposta la riflessione che gli emigranti che scelgano di arrivare in italia con le carrette del mare siano dei criminali comuni, gente con una fedina penale infinita e quindi impossibilitati ad affrontare una dogana. Continua, chiedendomi il motivo per cui non ci sono le loro donne al loro fianco, visto che devono rifarsi una vita. L'operatrice, una donna che avrebbe potuto essere tempo fa' la direttrice di un campo di sterminio o guidare un progrom, sa come instillare il dubbio. Si è allenata a pensare male sui disgraziati, mentre maneggia il denaro della sua banca. Imbattibile. Esco dalla banca costernato. Ho appena conosciuto, quel retropensiero che ormai contagia quasi tutti. 
L'uccellino dovrebbe votare Lega Nord per chiedere più sicurezza?
Devo attraversare Via Piave a Mestre, zona Stazione. Improvvisamente vedo uno sbandato che chiede sigarette con un coltello in mano. Di fronte al rifiuto di un passante che gli dice di andarsene in una tabaccheria, prende il coltello e lo fa tintinnare contro il palo di un cartello stradale. 20 minuti prima avevo affrontato l'argomento, ritenendo il pensiero che flagella l'operatrice allo sportello della banca intriso di miseria. Chiamo la polizia. Mi passano i carabinieri competenti nell'area. Segnalo quanto ho visto. Poco più avanti, più mi avvicino alla stazione più improvvisamente mi accorgo che le persone senza fissa dimora sono il nuovo esercito invisibile. Invisibile poi, non so quanto, visto che il baricentro politico al nord si è spostato tutto dalla parte della Lega Nord.

Sharing